NewsTesto
  
  
  
  
  
  
  
Sostenuta anche la sua seconda operazione, con un finanziamento da 7 milioni di euro per ottenere il 56% di Myrios

Seconda operazione di acquisizione di Piteco finanziata da Iccrea BancaImpresa.

Nel dettaglio, Iccrea BancaImpresa ha finalizzato un finanziamento da 7 milioni di euro, destinato appunto alla società quotata sul mercato MTA e player di riferimento nel settore del software finanziario, volto a finanziare la prima parte dell'acquisizione del 56% di Myrios.

Piteco, società quotata nel mercato MTA ed operante nel settore del software finanziario, ha sottoscritto un contratto preliminare per l'acquisizione della quota del 56% di Myrios, azienda attiva nella progettazione e realizzazione di soluzioni informatiche ad alto valore aggiunto dedicate al settore finanza di banche, assicurazioni, industria e pubblica amministrazione. Nel 2017 Myrios ha registrato ricavi per 2,8 milioni di euro con una crescita del 27% sull'esercizio precedente.

 


Si17/10/2018NewsIccrea BancaImpresa
  
È il più grande pool di BCC – per valore e numero di Banche coinvolte – organizzato da Iccrea BancaImpresa. La prima società di noleggio a lungo termine a capitale interamente italiano incrementerà la flotta da 33 mila a 60 mila veicoli entro il 2020.


Iccrea BancaImpresa è capofila di un finanziamento record, sia sul profilo dell’importo – 50 milioni di euro – sia per il numero di BCC coinvolte nel pool: 49. Destinataria del maxi finanziamento è Car Server, la prima società di noleggio a lungo termine a capitale interamente italiano. 

L’operazione rappresenta il più numeroso pool della storia della banca corporate del Gruppo bancario Iccrea che, grazie al coordinamento del Centro Impresa di Bologna – Area Affari BCC Centro-Sud, coinvolge 51 soggetti: 49 Banche di Credito Cooperativo, Cassa Centrale Raiffeisen oltre a Iccrea BancaImpresa in qualità di arranger e finanziatrice. Le BCC partecipanti all’operazione sono dislocate in tutta Italia: 2 in Puglia, 3 in Campania, 1 in Calabria, 2 in Friuli Venezia Giulia, 5 in Veneto, 1 in Lazio, 11 in Lombardia, 5 nelle Marche, 4 in Abruzzo, 2 in Piemonte, 5 in Sicilia ed 8 in Toscana.

Il finanziamento prevede la concessione di un mutuo chirografario, con la finalità di supportare ulteriormente gli investimenti di Car Server previsti nel piano poliennale 2017-2020, volti a incrementare la flotta dagli attuali 33 mila veicoli a 60 mila veicoli, e conseguentemente alle previsioni di crescita delle immatricolazioni del 34% nel 2018.

Ad un anno esatto dall’ultima operazione con la Società di noleggio, con questo finanziamento Iccrea BancaImpresa consolida la partnership tra il Gruppo Iccrea e Car Server siglata nel 2013. La banca corporate del Gruppo Iccrea detiene una quota del 19% del capitale di Car Server, garantendo la possibilità alle BCC di offrire alla loro clientela impresa i servizi proposti dalla principale azienda di noleggio italiana.

Car Server, infatti, è la principale società del settore e può contare su una flotta di oltre 45.000 veicoli, oltre 8.000 clienti e 180 dipendenti. È l'unica realtà nel settore che ha costruito una rete di 23 Filiali sul territorio gestite da personale dipendente proprio e può contare su un parco di servizio di circa 3.000 veicoli a disposizione e 8.500 centri di assistenza convenzionati. 

“Questa importante operazione è la principale conferma della partnership consolidata tra il Gruppo Iccrea, le BCC e l’azienda emiliana. Una relazione che per noi riveste importanza anche nell’ambito del più ampio progetto di riforma che ci vede impegnati nella costituzione del futuro Gruppo Bancario Cooperativo insieme alle Banche di Credito Cooperativo”, ha commentato Enrico Duranti, Direttore Generale di Iccrea Banca Impresa. “Iccrea BancaImpresa, nell’ambito del futuro Gruppo – ha proseguito Duranti – sarà il principale interlocutore delle BCC in ambito corporate, pertanto è fondamentale continuare a sostenere i territori presidiati dalle Banche, anche attraverso servizi di primo livello messi a disposizione da importanti realtà italiane come quella di Car Server”. 

“L’operazione finanziaria sostiene e consolida una relazione ben più ampia con il nostro socio Iccrea BancaImpresa, che è anche un importante promotore dei servizi di noleggio, soprattutto nel mercato retail, attraverso gli sportelli delle singole BCC”, commenta Giovanni Orlandini amministratore delegato di Car Server. “Piace la innovativa formula di noleggio “Drive Different” – ha proseguito Orlandini – creata per privati, dipendenti, professionisti, artigiani, ed il suo successo è dovuto anche alla rete di un importante partner come il futuro Gruppo Bancario Cooperativo di Iccrea, e noi guardiamo con interesse ed attenzione alle opportunità che il costituendo Gruppo potrà rappresentare per il nostro mercato”. 

Consulta i nomi delle 49 BCC ed altri enti del Credito Cooperatico che hanno partecipato al pool.


Si16/10/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Il Gruppo bancario Iccrea, con BCC CreditoConsumo, è partner della giornata inaugurale del Festival di Altroconsumo “FestivalFuturo – Ri-Generazioni, l’era dell’economia circolare”.


Il Gruppo bancario Iccrea, con BCC CreditoConsumo, è partner della giornata inaugurale del Festival di Altroconsumo “FestivalFuturo – Ri-Generazioni, l’era dell’economia circolare”.

L'evento, dal 28 al 30 ottobre a Milano, arrivato alla sua sesta edizione, offre spazio alle nuove declinazioni del modello di sviluppo che sta rivoluzionando i processi industriali e l'esperienza quotidiana delle persone.

Il Presidente di BCC CreditoConsumo, Antonio De Rosi, è presente alla tavola rotonda di apertura del Festival, che pone al centro l'economia circolare come paradigma dello sviluppo attuale e futuro. Il Direttore Generale di BCC CreditoConsumo, Savino Bastari, partecipa invece al panel pomeridiano sui consumi e la sostenibilità.

L'economia circolare - quella della riduzione degli sprechi, della sostenibilità, del riciclo e del recupero - per diventare realtà deve permeare le azioni di tutti, dai cittadini ai portatori di interessi, dai decisori istituzionali, alle imprese, ai nuovi player del mercato. Questi soggetti si trovano insieme da oggi al FestivalFuturo, per costruire soluzioni e un nuovo ecosistema determinante nella giornata-tipo del consumatore in ogni settore, dall'energia all'informazione, dai trasporti alla ristorazione, dalle tlc alla grande distribuzione, alla gestione dei rifiuti.

BCC CreditoConsumo è, da tempo, partner di "Casarinnovabile" , iniziativa di Altroconsumo nell'ambito del progetto europeo Clear 2.0 per la valorizzazione delle fonti di energia rinnovabile, il cui scopo è sostenere l'ambiente tramite progetti dedicati al risparmio energetico e alla riqualificazione energetica dell'immobile, consentendo di ridurre i costi nel rispetto dell'ambiente.


Si28/09/2018NewsBCC CreditoConsumo
  
Emissione di 3 milioni di euro da parte della azienda vitivinicola Tasca d’Almerita, per sostenere il piano di crescita internazionale

​L’azienda Tasca d’Almerita sceglie Iccrea BancaImpresa per l’emissione di un minibond del valore di 3 milioni di euro, che servirà a sostenere un importante piano di crescita sui mercati internazionali.

L’azienda vitivinicola, con sede a Palermo, attiva fin dal 1830 nella produzione e vendita di vini di qualità grazie all’impegno di una famiglia giunta ormai alla ottava generazione, da sempre ha rappresentato uno dei simboli del vino siciliano. Dal 2010 al 2017 ha visto una crescita del suo fatturato pari al 34%.

“Queste risorse serviranno per supportare l’espansione internazionale e valorizzare ulteriormente il nostro progetto sull’Etna, una delle nuove tenute di riferimento della azienda, con i vini a denominazione Doc Etna, considerata oggi una delle aree di maggiore interesse per il mercato internazionale  –  spiega Alberto Tasca, ceo dell’azienda - Il progetto “Tascante” (Tasca ed Etna appunto) è la sintesi esatta della nostra idea di vigneto sul vulcano più alto d’Europa: 30 ettari complessivi di cui 17 vitati, quasi 200 muretti a secco, oltre 100 terrazzamenti, 5,5 ettari di castagni, 355 piante di ulivo. Questa nuova sfida è una delle tante che l’azienda ha previsto nel suo piano di sviluppo con l’obiettivo di una forte crescita all’estero”.

L’emissione, seguita da Iccrea BancaImpresa, è la ventesima operazione di minibond sottoscritta dalla banca corporate del Gruppo bancario Iccrea.

A seguire la nuova operazione, insieme a Iccrea BancaImpresa come co-arranger e co-advisor, ADB – Corporate Advisory. Deal counsel dell’operazione per quanto concerne gli aspetti legali lo studio R&P legal con il partner Avv. Giovanni Luppi. Tasca d’Almerita si è avvalsa della consulenza dello Studio Tana.

Il minibond è quotato sul mercato ExtraMOT PRO di Borsa Italiana, il segmento di Piazza Affari riservato ai soli investitori professionali, dopo che si è chiusa con successo l’emissione del prestito obbligazionario senior secured della durata di 7 anni, con un tasso fisso del 3,90% e rimborso amortizing a partire dal terzo anno.

Il forte interesse da parte degli investitori qualificati ha permesso a Tasca d’Almerita di fissare il tasso cedolare ben al di sotto rispetto all’attuale media dei tassi di mercato dei minibond.

Scarica il comunicato stampa completo (pdf)

Si27/09/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  

​Iccrea Banca ha ricevuto l’autorizzazione dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per la costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo. La decisione è stata adottata ritenendo che l’operazione non determinasse la costituzione o il rafforzamento di una posizione dominante sul mercato nazionale.

Quanto stabilito dall’Autorità si inserisce nel percorso di riforma del Credito Cooperativo (varata con legge n. 49/2016) e della costituzione del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea che, coinvolgendo 144 Banche di Credito Cooperativo su tutto il territorio nazionale, rappresenta una delle iniziative più rilevanti sottoposte a merger control in Italia per numero di imprese partecipanti e fatturato complessivo.

Il Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea, una volta operativo, potrà contare su 144 BCC, 4 milioni di clienti, 2.600 sportelli presenti in 1.720 comuni italiani, un attivo di circa 150 miliardi, un patrimonio netto di 11,4 miliardi ed un CET1 ratio superiore al 15 per cento. Queste dimensioni collocano complessivamente il Gruppo come la prima banca locale del paese e tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

In tutte le fasi procedurali e relazionali con l’Autorità, le funzioni interne di Iccrea Banca si sono avvalse del supporto di un team di professionisti guidati dall’Avv. Domenico Gullo, partner dello studio DLA Piper.


Scarica il comunicato stampa completo (pdf)

Si07/08/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  

Iccrea Banca ha ricevuto il primo rating ufficiale dall’agenzia DBRS. La Banca ha ottenuto una valutazione “investment grade” BBB (low) con outlook negativo.

In particolare, l’Agenzia ha sottolineato il cruciale ruolo che la Banca riveste quale più grande istituto centrale per il credito cooperativo italiano, anche alla luce del processo di trasformazione che porterà Iccrea Banca ad assumere il ruolo di Capogruppo del costituendo Gruppo bancario Cooperativo Iccrea. Relativamente all’analisi dei dati finanziari, l’Agenzia ha evidenziato i seguenti punti di forza:

  • Adeguati livelli di liquidità e capitalizzazione;
  • Estrazione di potenziali sinergie, più agevole accesso al mercato e miglioramento della stabilità finanziaria derivanti dalla costituzione del Gruppo bancario Cooperativo Iccrea.

L’outlook negativo è riconducibile ai percorsi sfidanti che Iccrea Banca e il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea si apprestano ad affrontare, quali la riduzione dei volumi di crediti dete-riorati, il miglioramento della qualità creditizia del portafoglio e l’incremento della redditi-vità, nell’ambito dello straordinario percorso di trasformazione in corso. Tali obiettivi stra-tegici, rispetto ai quali Iccrea ha già avviato e concluso alcune iniziative (es. cessione di crediti deteriorati per 1 €mld con GACS), se realizzati nei target e nei termini attesi, con-sentirebbero di rafforzare la struttura e il business model della Banca e delle BCC aderenti al futuro Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.

“Accogliamo con soddisfazione il giudizio rilasciato dall’agenzia DBRS, che giunge peraltro in un contesto di mercato incerto e in un momento di profonda trasformazione che la Banca e le BCC stanno conducendo, per la costituzione del futuro Gruppo bancario Cooperativo Ic-crea. Il giudizio assegnatoci, ‘BBB (low)’, ci qualifica tra gli emittenti “investment grade” e risulta sostanzialmente in linea con il rating attribuito recentemente dall’Agenzia stessa all’Italia - pari a ‘BBB (high) -” ha dichiarato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Ic-crea Banca.

Di seguito, si riportano i giudizi attribuiti a Iccrea Banca:

  • Long-Term Issuer Rating: BBB (low) / outlook negativo;
  • Long-Term Senior Debt: BBB (low) / outlook negativo;
  • Long-Term Deposits: BBB (low) / outlook negativo;
  • Short-Term Issuer Rating: R-2 (middle) / outlook negativo;
  • Short-Term Debt: R-2 (middle) / outlook negativo;
  • Short-Term Deposits: R-2 (middle) / outlook negativo.

Il rapporto di DBRS è disponibile sul sito web dell’Agenzia, al quale si rinvia per un maggior dettaglio.

Scarica il comunicato stampa completo (pdf)

Si27/07/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Via libera della BCE a Iccrea per la costituzione del nuovo Gruppo, che si collocherà tra i primi 4 in Italia.

Magagni (Presidente di Iccrea Banca): “Grande soddisfazione per l’autorizzazione appena ricevuta. È il risultato di un intenso lavoro per costituire un Gruppo che saprà dare un formidabile impulso ad ogni Banca nel suo ruolo sul territorio di riferimento, conservando la propria natura di Banca Cooperativa e mutualistica. Accogliamo con favore le modifiche apportate dal Governo.”.

Rubattu (DG di Iccrea Banca) “Un passo storico, sia per le BCC che hanno contribuito a realizzare questo ambizioso progetto sia per il Gruppo bancario Iccrea. Sono le BCC il motore di questo grande Gruppo e siamo orgogliosi di aver compiuto un nuovo passo verso l’avvio operativo di quella che sarà la prima banca locale del Pae-se”.

Iccrea Banca ha ricevuto, il 24 luglio scorso, l’autorizzazione per la costituzione del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea. La decisione della BCE arriva con un mese di anticipo rispet-to al limite di 120 giorni previsti dall’invio dell’istanza presentata da Iccrea, lo scorso 27 aprile. Con l’autorizzazione della Banca Centrale Europea è arrivata quindi l’approvazione formale per l’avvio del Gruppo bancario Cooperativo Iccrea.

 “L’autorizzazione di Banca Centrale Europea è, per noi, un risultato di grande soddisfazio-ne – ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – è un altro passo importan-te a cui siamo giunti dopo un intenso lavoro. Il modello di governance contenuto nell’istanza che abbiamo presentato e che ha ricevuto l’autorizzazione della BCE è volto a garantire la solidità delle BCC, preservandone l’autonomia e la natura mutualistica per consolidare il lo-ro sostegno al territorio”.

“I numeri dicono che il Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea, che ha appena ricevuto for-malmente l’autorizzazione, sarà la prima banca locale del paese - ha aggiunto Leonardo Ru-battu, Direttore Generale di Iccrea Banca -. Tutto questo è grazie anzitutto alle BCC che so-no il vero motore di questo progetto. È un passo storico che decreta come questo Gruppo ha i numeri per essere, a livello consolidato, il terzo in Italia per sportelli e il quarto per attivi. Una responsabilità che noi siamo pronti a cogliere a beneficio delle BCC e soprattutto dei territori, delle famiglie e delle imprese che le BCC sostengono da anni con il loro impegno e la loro vicinanza mai venuta meno. Siamo orgogliosi di arrivare a questa fase importante del processo, dopo una proficua e approfondita interlocuzione con la Banca Centrale Europea e la Banca d’Italia”.

Il neo costituito Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea potrà contare su 144 BCC, 4 milioni di clienti, 2.600 sportelli presenti in 1.720 comuni italiani, un attivo di circa 150 miliardi, un patrimonio netto di 11,4 miliardi ed un CET1 ratio superiore al 15 per cento. Queste di-mensioni collocano complessivamente il Gruppo come la prima banca locale del paese e tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

Iccrea Banca, Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, è candidata Capogruppo del Gruppo bancario Cooperativo ai sensi della Legge n. 49/2016, che prevede la riforma del Sistema del Credito Cooperativo. A giugno 2018 sono 144 Banche di Credito Cooperativo ad aver ma-nifestato la preadesione al progetto di Iccrea Banca di Gruppo bancario Cooperativo che, una volta costituito, sarà un Gruppo con quasi 4 milioni di clienti, 2.600 sportelli presenti in 1.720 comuni italiani, un attivo di circa 150 miliardi, un patrimonio netto di 11,4 mi-liardi ed un CET1 ratio superiore al 15 per cento.


Si26/07/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
La piattaforma di e-commerce porterà il Made in Italy in Oriente con un official account sulla più popolare piattaforma social cinese.
La piattaforma di e-commerce Ventis.it sbarcherà su WeChat grazie a Digital Retex.

Ventis ha siglato un accordo con l’italiana Digital Retex, trusted partner di WeChat in Europa, per portare il Made in Italy in Cina. Attraverso la creazione di un Official Account (OA) WeChat dedicato, Ventis sarà in grado di interagire e ingaggiare direttamente i consumatori cinesi nel modo per loro più familiare.

Ventis.it è un e-commerce ma anche una startup fintech e un digital enabler. Nasce dall’investimento di Iccrea Banca (capogruppo del Gruppo Iccrea), che ne detiene il 95%, con l’obiettivo di diversificare l’attività bancaria e offrire alle PMI una vetrina digitale per la loro offerta. Ventis.it risponde infatti a una logica di “banca aperta” come abilitatrice digitale delle tante PMI produttrici di eccellenze del territorio, soprattutto clienti delle Banche di Credito Cooperativo, a supporto delle quali Ventis e lo stesso Gruppo Iccrea lavorano quotidianamente. 

Grazie all’accordo con Digital Retex, Ventis potrà offrire alle sue aziende clienti un canale privilegiato per sviluppare il proprio business e-commerce anche in Cina. 

WeChat in Cina non è solo un social media, ma una piattaforma di servizi con 1 miliardo di utenti attivi al mese e una penetrazione nelle maggiori città che supera il 93%, utilizzata per chattare, navigare, acquistare prodotti e servizi e pagare online. 

Antonio Galiano, Executive Chairman di Ventis e Head of Digital Payments di Iccrea Banca commenta: “puntiamo a sostenere l’internazionalizzazione delle PMI del territorio, vero motore produttivo del paese e a rafforzare la posizione del made in Italy all’estero. La partnership è frutto non solo di un’opportunità di business ma una necessità imposta dalle nuove sfide digitali e permetterà di estendere tutto il processo di digitalizzazione anche all’estero, arricchendo così la nostra offerta come digital enabler”.

Fausto Caprini, Amministratore Delegato di Digital Retex spiega: “Grazie agli account ufficiali aziende e brand interagiscono direttamente con i propri follower con messaggi diretti e news: Ventis rafforzerà l’efficacia dell’e-commerce verso 1 miliardo di potenziali consumatori”.  


Scarica il comunicato

Si17/07/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
​Da oggi e per i prossimi giorni, verrà pubblicato sui principali quotidiani nazionali il comunicato in allegato nell’ambito di una campagna promossa dalle BCC aderenti al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.

La campagna è volta a salvaguardare la continuità del percorso di riforma per la costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea.

Le BCC auspicano, attraverso questa iniziativa, che l’avvio operativo del Gruppo avvenga nei tempi previsti dalla normativa, dando compimento al grande lavoro sinora realizzato.

Le BCC potranno così continuare a sostenere lo sviluppo dei territori e delle comunità di riferimento in modo sempre più efficace ed incisivo per essere - tutti insieme - la “Prima banca locale del Paese”.

Scarica il comunicato (pdf)

Si13/07/2018NewsIccrea Banca
  
Perfezionato, oggi a Udine, il closing dell’operazione per il passaggio effettivo di proprietà della Banca. Nel pomeriggio la prima Assemblea con la nomina degli esponenti ed il primo CdA.

Udine, 11 luglio 2018.

Da oggi, Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia è ufficialmente nel perimetro del Gruppo bancario Iccrea. A conclusione di un iter che aveva visto, nel mese scorso, l’arrivo delle autorizzazioni da parte delle Autorità di Vigilanza (Banca Centrale Europea e Banca d’Italia), a Udine questa mattina è stato perfezionato il closing dell’operazione.

Nel dettaglio, con l’ingresso di Mediocredito FVG all’interno del Gruppo Iccrea sarà possibile valorizzare il ruolo storico della Banca a sostegno delle PMI che operano in Friuli Venezia Giulia, accrescendo al contempo le attuali risorse e potenzialità del Gruppo bancario Iccrea, anche in sinergia con le BCC che hanno pre-aderito al costituendo Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea.

Con l’operazione ci sarà, da una parte, uno scambio di azioni di Iccrea Banca con quelle di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia in possesso della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste e, dall’altra, un contestuale aumento di capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia riservato al Gruppo Iccrea, affinché - in linea con i piani di sviluppo che verranno adottati da Iccrea - l'istituto diventi, in ambito regionale e in collaborazione con le BCC pre-aderenti al Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea, un centro di competenza per le attività di credito agevolato, i finanziamenti a medio e lungo termine, le attività di tesoreria degli Enti pubblici e la consulenza alle imprese.

L'operazione prevede quindi l’uscita della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste dal capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia e l’ingresso della stessa nel capitale di Iccrea Banca.
Tra le attività che verranno sviluppate nel nuovo corso di Mediocredito FVG, inoltre, ci sarà una forte focalizzazione su quelle relative alla finanza straordinaria e ai servizi di advisory, tra i quali quelli tipici di consulenza alle aziende per l’accesso al mercato dei capitali.

Nel pomeriggio, si è tenuta la prima Assemblea ordinaria di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia e la prima riunione del Consiglio di Amministrazione. Durante l’Assemblea è stato nominato Presidente Alfredo Antonini e Amministratore Delegato Enrico Duranti. Inoltre, il Consiglio della Banca è composto da 5 membri: Alfredo Antonini, Lionello D’Agostini, Enrico Duranti, Carlo Napoleoni, Francesca Peruch. Il Collegio Sindacale è composto da Fernando Sbarbati, in qualità di Presidente, Ruggero Baggio e Annamaria Fellegara. Il Consiglio, durante i lavori della prima seduta, ha ringraziato il Consiglio di Amministrazione uscente, e in particolare il suo Presidente, Emilio Casco, per l’impegno profuso nella gestione di Banca Mediocredito FVG in una delicata fase transitoria, in cui è stato necessario adottare scelte complesse ma fondamentali per garantire una nuova crescita della banca per un servizio ancora più efficace al territorio.

“Siamo profondamente soddisfatti del traguardo raggiunto oggi, con il completamento di un’operazione fondamentale per il rilancio di Banca Mediocredito FVG e importante per lo sviluppo economico di tutta la comunità regionale”, ha affermato l’assessore regionale alle Finanze e Patrimonio Barbara Zilli. “Le nuove linee di gestione dell’amministrazione, unitamente alla ristrutturazione dell’architettura della compagine sociale e alla nuova solidità che il closing di oggi assicura a Mediocredito – ha commentato Zilli -, permetteranno alla banca della Regione di recuperare il suo imprescindibile ruolo a sostegno delle piccole e medie imprese del nostro territorio. A tutti gli attori di Banca Mediocredito FVG impegnati in questa nuova fase societaria, al cda e ai sindaci gli auguri di buon lavoro per una stagione proficua e ricca di risultati a vantaggio di tutta la comunità regionale”.

“Ringrazio la Regione Friuli Venezia Giulia per la fiducia che mi ha voluto accordare affidandomi la guida dell’istituto, così importante per il territorio – ha dichiarato Alfredo Antonini, Presidente di Mediocredito FVG – sono certo che questa nuova partnership tra Mediocredito e Iccrea, che giunge alla fine di un lungo percorso di risanamento compiuto saggiamente dai miei predecessori, saprà dare un importante slancio all’economia regionale e alle sue imprese. Oggi più che mai il Friuli Venezia Giulia ha bisogno di poter contare su partner concreti e consulenti affidabili capaci di dare alle imprese e agli imprenditori quel sostegno di cui possono aver bisogno per crescere. Al nuovo Consiglio di Amministrazione che avrò l’onore di presiedere, al nuovo Amministratore Delegato e a tutti i dipendenti di Mediocredito, vanno i miei migliori auguri di buon lavoro. Oggi iniziamo un nuovo percorso che ci porterà ad allargare il nostro perimetro di azione pur mantenendo un piede ben fermo sul territorio, è una sfida quanto mai stimolante che sono convinto potremo vincere assieme”.

“È con molta soddisfazione che oggi si porta a compimento l’acquisizione della maggioranza di Mediocredito Friuli Venezia Giulia, percorso già avviato 3 anni fa”, ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca. “Questa operazione – ha continuato Magagni – oggi assume un ruolo ancora più significativo nella strategia del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea che si focalizza nel supporto alle BCC ed allo sviluppo delle piccole e medie Imprese, il vero motore dell’economia italiana. L’impegno di Iccrea è volto a sostenere la crescita dei territori e delle comunità locali attraverso diversi strumenti e investimenti, nell’ambito tradizionale come in quelli innovativi, per favorire l’accesso delle PMI anche a capitali non bancari. In questo senso la consulenza e la finanza straordinaria avranno un ruolo importante, in quanto attività fortemente qualificate in Iccrea BancaImpresa e a cui si darà ulteriore slancio grazie a operazioni come quella siglata oggi”.

“Oggi certamente il Gruppo bancario Iccrea, e il nostro futuro Gruppo Bancario Cooperativo, cresce in termini di qualità e di forza di servizio al territorio – ha aggiunto Giovanni Pontiggia, Presidente di Iccrea BancaImpresa - con l’obiettivo di agevolare le BCC nella loro fondamentale attività di affiancamento alle imprese della regione, con ancora maggiore impegno e risorse per il loro sviluppo. Con questa operazione Banca Mediocredito FVG potrà offrire anche servizi all’avanguardia sotto il fronte della consulenza e del supporto alle aziende per la finanza straordinaria, l’estero e l’agrindustria”.

Di seguito, le brevi biografie del Presidente Antonini e dell’Amministratore Delegato Duranti.

Alfredo Antonini

Alfredo Antonini, classe 1954, laureato in giurisprudenza presso l’Università di Trieste, è avvocato dal 1980. È consulente di compagnie di assicurazioni, banche, enti pubblici, società commerciali, imprese di navigazione marittima e aerea, nonché difensore degli interessi dei medesimi nelle sedi civile e penale. È inoltre professore ordinario all’Università di Udine dove insegna Diritto dei Trasporti e Contratti di Impresa; è stato Prorettore vicario nello stesso Ateneo. Presso l’Università di Trieste insegna Diritto della navigazione. In passato, ha ricoperto l’incarico di presidente o componente del consiglio di amministrazione di enti e società di rilevanza nazionale e regionale. Arbitro in procedure arbitrali, fra cui alcune amministrate da Camere di commercio nazionali e dalla Camera di commercio internazionale di Parigi, Antonini è anche mediatore e gestore della crisi da sovraindebitamento presso la Camera di Commercio Venezia Giulia. È stato inoltre componente della Commissione ministeriale per la riforma della parte aeronautica del codice della navigazione e consulente del Ministro dei Trasporti. È membro dell’Associazione Italiana di Diritto Marittimo e Presidente del Comitato di Trieste della stessa; oltre a essere membro di altre associazione scientifiche, professionali e culturali. Autore di oltre 150 pubblicazioni scientifiche e relatore in numerosi convegni nazionali in materia giuridica.

Enrico Duranti

Enrico Duranti, romano, classe 1961, laureato in Economia e Commercio presso la Sapienza di Roma con Master in Business Administration presso la Manchester Business School, è abilitato alla professione di Dottore Commercialista e revisore dei conti. Dopo esperienze in San Paolo, McKinsey, Bank of America Intl. (dove è responsabile del dipartimento Corporate Finance), e Mediocredito Centrale (anche qui mantiene il ruolo di responsabile Corporate Finance). Nel 2001 entra nel Gruppo bancario Iccrea come Amministratore Delegato di BCC Capital, partecipando – nel 2004 – alla costituzione della società BCC Private Equity, specializzata nella gestione di fondi di private equity. Mentre nel 2005 Duranti diventa Direttore della Finanza Straordinaria di Banca Agrileasing – che nel 10 ottobre 2011 prende il nome di Iccrea BancaImpresa – diventandone poi il 24 giugno 2009 Direttore Generale. A giugno 2017 è stato nominato Presidente di Assilea, l’Associazione italiana del leasing. Duranti è altresì membro del Consiglio di Amministrazione dell’Associazione Bancaria Italiana.


Si11/07/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
​Iccrea Banca ha concluso con successo l’operazione di cartolarizzazione di crediti non performing (NPL) per un gross book value (GBV) di circa € 1 miliardo.

 L’operazione rientra nell’ambito delle attività avviate nel contesto del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea, di prossima costituzione, mirate al rafforzamento della situazione economico-patrimoniale delle BCC per rilanciare la crescita e lo sviluppo delle economie e dei territori sui quali tali Banche operano.

Non è la prima volta che Iccrea Banca avvia un’iniziativa di sistema nel Credito Cooperativo per smaltire gli NPL, sebbene si tratti della prima operazione multi-originator, per la quale sarà richiesta la concessione della garanzia da parte dello Stato italiano, secondo lo schema di garanzia statale (GACS), istituito con il Decreto Legge n. 18 del 14 febbraio 2016 e coordinato con la legge di conversione n.49 del 8 aprile 2016. Anche a livello europeo si tratta della prima cartolarizzazione NPLs con rating multi-originator, dimostrando la rilevanza dell’operazione anche a livello comunitario.

L’operazione, certamente significativa per il mercato italiano in quanto in linea con le indicazioni della Autorità di Vigilanza, è particolarmente importante e soddisfacente per le singole cedenti e per il costituendo Gruppo bancario Cooperativo, di cui Iccrea Banca è candidata Capogruppo. La tempistica della cessione ha consentito, infatti, alle Banche Cedenti di ottenere un effetto immediato e migliorativo dell’indicatore NPLs ratio sul semestre di riferimento. Tale indicatore in termini aggregati registra, infatti, un miglioramento in misura pari a circa il 3%.

Ai fini del perfezionamento dell’operazione, il 25 giugno u.s. le banche Cedenti, rappresentate da 21 Banche di Credito Cooperativo e da 2 società del Gruppo bancario Iccrea, hanno ceduto un portafoglio di sofferenze per circa € 1 miliardo di valore lordo ad un veicolo di cartolarizzazione costituito ex legge 130/99 che ha emesso oggi, a sua volta, 3 classi di titoli ABS. Una Senior, dotata di rating Baa3/BBB- da parte, rispettivamente, delle agenzie Moodys e Scope, pari a € 282 milioni ed idonea ai fini della concessione della GACS; una Mezzanine, dotata di rating Caa2 e B+, rispettivamente da parte di Moodys e Scope pari € 31,4 milioni; ed una Junior, non dotata di rating, pari a circa €10,5 milioni per un valore complessivo delle notes emesse pari al 31% del valore nominale dei crediti ceduti.

Le note Senior sono state sottoscritte direttamente dagli Originators mentre le note Mezzanine e Junior sono state collocate direttamente sul mercato ed acquistate da un investitore istituzionale che si è aggiudicato il deal nell’ambito di un processo competitivo a cui hanno partecipato numerosi e primari investitori internazionali.

L’operazione è stata strutturata dalla Capogruppo Iccrea Banca e JPMorgan, che hanno agito in qualità di co-arrangers e di placement agents dei titoli emessi. Il portafoglio ceduto, composto prevalentemente da crediti ipotecari di primo grado, ha consentito di raggiungere un significativo livello nominale di tranching, complessivamente pari al 31% del valore lordo del portafoglio ceduto, di cui il 30% è rappresentato da titoli dotati di rating.

Prelios Credit Servicing è stata nominata servicer del portafoglio cartolarizzato e nell’ambito di tale ruolo sarà responsabile delle attività di master e special servicing dell’operazione, cui hanno, inoltre, partecipato lo studio legale Orrick Herrington & Sutcliffe, lo studio legale Gitti & Partners, BNP Paribas, Securitisation Services e Zenith Service.

Per quanto riguarda il rendimento delle notes, la Classe Senior avrà un coupon significativo pari all’Euribor 6 mesi + 40 bps.

Il rendimento della Classe Mezzanine è pari all’Euribor 6 mesi + 6%, in linea con gli standard di mercato e con il livello di rating ad esso associato.

Infine, l’operazione ha riguardato complessivamente, per le BCC Cedenti, il 18% dell’ammontare (complessivo) aggregato dei loro crediti deteriorati lordi e che le stesse, a valle del perfezionamento della vendita a mercato delle note mezzanine e junior (rilevante anche ai fini della concessione della garanzia statale), potranno beneficiare della derecognition dei crediti a sofferenza cartolarizzati, e del conseguente miglioramento dei pertinenti indici patrimoniali.


Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si10/07/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Destinati alle BCC aderenti al Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea e ai loro clienti, gli accordi prevedono complessivamente 200 milioni di euro di garanzia SACE SIMEST

Iccrea BancaImpresa (Gruppo bancario Iccrea) e SACE, che insieme a SIMEST costituisce il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, hanno finalizzato due importanti accordi destinati alle aziende clienti delle BCC pre-aderenti al progetto del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea.

L’importo complessivo degli accordi è di 200 milioni di euro, riservato alle PMI che puntano all’internazionalizzazione ed all’esportazione.

Sul tema dell’internazionalizzazione delle PMI viene data continuità alla positiva sperimentazione avviata dal 2008 tra SACE ed il Gruppo Iccrea, oggi rinnovata in un accordo quadro che mette a disposizione delle BCC aderenti 150 milioni di euro, con garanzia SACE SIMEST, per sostenere le aziende clienti, soprattutto PMI, che vogliono sviluppare la loro attività oltre confine.

In dettaglio, il finanziamento consiste in un mutuo chirografario con tasso d'interesse differenziato in base alla durata del finanziamento stesso, finalizzato a sostenere investimenti quali, tra gli altri: costi di impianto e ampliamento, brevetti e marchi, acquisto di immobili, terreni e attrezzature, acquisizione di partecipazioni, realizzazione di joint-venture, costi promozionali e pubblicitari, partecipazione a fiere in Italia e all’estero, spese per tutelare il Made in Italy, riqualificazioni e rinnovo delle strutture e dei macchinari in Italia e all’estero. 

Inoltre, è stato siglato un nuovo accordo quadro tra Iccrea BancaImpresa e il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP per complessivi 50 Milioni di euro, finalizzato alla condivisione dei rischi, rivenienti dall’emissione di impegni di firma di natura commerciale (bondistica) e con durata massima fino a 60 mesi, a fronte di contratti di prestazione di beni e servizi stipulati da aziende italiane con committenti esteri.




Si27/06/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Confcooperative, Federcasse e i tre Gruppi Bancari Cooperativi disponibili al dialogo con Parlamento e Governo.

25 giugno 2018

Le BCC, le Casse Rurali e le Raiffeisenkassen affondano le proprie radici nella storia economica e sociale italiana distinguendosi per la propria natura mutualistica.

E’ un movimento che conta oggi 1 milione e trecentomila soci, con oltre 270 Banche locali radicate nei territori dei quali sono espressione, con quote di mercato rilevanti nel finanziamento dell’economia reale, delle famiglie e delle imprese.

Sono banche autonome ma legate da tempo da un sistema associativo e di servizi sussidiari, da sistemi bancari ed industriali e dai fondi di garanzia che operano in una logica solidaristica.
Supporto indispensabile per le economie locali, hanno basato il proprio inimitabile modello di impresa sui valori fondanti della mutualità, della centralità delle persone e delle proprie comunità.

I valori restano nel tempo. I modelli organizzativi e le persone passano, cambiano e si evolvono.

La salvaguardia ed il rafforzamento di un modello di “fare banca”, che caratterizza il credito cooperativo, realmente vicino alla gente, alle famiglie ed alle imprese, è condizionata dalla capacità di raccogliere e vincere le sfide di un mercato sempre più complesso e competitivo.
L’evoluzione dell’industria bancaria, la normativa, la tecnologia incidono, vincolano, stravolgono i modelli industriali ed organizzativi e la capacità di interpretare la mutualità con efficacia e con efficienza, generando quella redditività indispensabile per garantire ulteriore solidità e le necessarie risorse per investire nel futuro.

La tecnologia ed il susseguirsi incalzante di strumenti sempre più sofisticati modificano le abitudini delle persone e fanno nascere nuovi comportamenti, diverse ed intermediate modalità di relazione che aprono le porte a competitors “alternativi” che vogliono occupare spazi di mercato fino ad oggi prerogativa delle banche.

Non c’è e non ci potrà essere una buona Banca di Credito Cooperativo, una buona Cassa Rurale, una buona Raiffeisenkasse se non sarà una banca coerente e competitiva. Questo è il tema al centro di tutto.

La Riforma del Credito Cooperativo, avviata dalle Autorità all’inizio del 2015, è divenuta legge nella primavera 2016. L’interlocuzione e il coinvolgimento del credito cooperativo sono stati talmente intensi che si è arrivati a definirla “Autoriforma”. Questa infatti recepisce pressoché integralmente le richieste della Categoria ed è stata oggetto di generale approvazione in occasione del XV Congresso Nazionale del Credito Cooperativo tenutosi nell’estate 2016.

La Riforma del 2016 conferma tutti i connotati delle BCC, Casse Rurali, Raiffeisenkassen: intermediari caratterizzati da finalità mutualistica, localismo, democraticità di funzionamento, esclusione di speculazione privata. 

Sono i cardini della cooperazione costituzionalmente riconosciuta (art. 45).

Al fine di ovviare ai vincoli normativi e operativi tipici delle imprese cooperative, la riforma impone alle banche a mutualità prevalente l’appartenenza a gruppi bancari cooperativi. Ciò consentirà di dare forza adeguata alla necessaria riorganizzazione e modernizzazione per superare le inefficienze di un elevato frazionamento del sistema e - pur mantenendo il controllo nelle mani delle BCC, garantito dall’art. 37-bis del TUB – di accedere al mercato dei capitali per ragioni sia di opportunità strategica sia di necessità. Obiettivi che gli IPS non permetterebbero di raggiungere.

La nascita dei tre Gruppi Bancari Cooperativi - Iccrea Banca, Cassa Centrale Banca, Cassa Centrale Raiffeisen - segna l’inizio di una nuova fase della storia che il Credito Cooperativo italiano vuole inaugurare.

Una visione e una progettualità innovative che stanno nascendo dopo anni di percorso faticoso ed impegnativo, di investimenti ingenti, di un lavoro riorganizzativo a tutto campo in continuo contatto e confronto con la Vigilanza italiana ed europea.

Tutte le componenti del Movimento hanno dato il loro fondamentale contributo: le Banche locali, le Federazioni e Federcasse, Confcooperative e le Società di sistema. I soci di tutte le Banche di Credito Cooperativo hanno deliberato l’adesione ai gruppi in occasione delle assemblee che si sono tenute tra aprile e maggio 2017.

I tre Gruppi bancari hanno già presentato istanza formale Vigilanza e sono oggi pronti a partire.

Nasce così il modello del Gruppo Bancario Cooperativo, un modello tutto nuovo nel panorama nazionale. Un Gruppo Bancario in cui è forte la tensione finalizzata ad ottimizzare il rapporto fra Capogruppo e le banche affiliate che, da una parte ne rimarranno le proprietarie e, dall’altra, accetteranno di sottoscrivere un contratto che definisce le regole che una buona banca, in una logica di sana e prudente gestione, dovrà rispettare.

Ciascuna delle tre Capogruppo avrà un ruolo di coordinamento e d’indirizzo, ma avrà doveri forti e responsabilità precise.

Dovrà riconoscere e salvaguardare le finalità mutualistiche delle BCC, Casse Rurali e Raiffeisenkassen, accrescendo la loro capacità di sviluppare lo scambio mutualistico con i soci e lo sviluppo delle comunità. Dovrà garantire prodotti, servizi, investimenti e tecnologia ll’avanguardia. Dovrà vigilare sulla qualità della gestione e spingere sulla capacità competitiva, sullo sviluppo delle banche locali e sulla loro reale attenzione ai territori ed alle proprie comunità. Dovrà assicurare qualità dando esempio concreto di trasparenza, competenza e spirito di servizio verso le banche affiliate. Dovrà garantire la corretta applicazione del modello risk based che definisce in maniera oggettiva il livello di qualità complessiva della Banca di Credito Cooperativo e che è la base dell’applicazione del principio di proporzionalità interna ai Gruppi Cooperativi. Principio che tutela la buona banca locale, che non solo potrà ma dovrà continuare a esercitare a pieno titolo, anzi rafforzare, il ruolo insostituibile di sostegno alle proprie economie e la ragione di esistere. Banche mutualistiche in cui lavorano uomini e donne orgogliosi e consapevoli dell’importanza della loro attività al servizio della propria gente.

Questo è lo spirito costituente del Gruppo Bancario Iccrea, del Gruppo Cassa Centrale Banca e del Gruppo Raiffeisen. Questo è lo spirito che caratterizza la sfida evolutiva del Credito Cooperativo in Italia e che dobbiamo cogliere e vincere nell’interesse di tante famiglie e imprese, di milioni di soci e clienti e di decine di migliaia di collaboratrici e collaboratori presenti su tutto il territorio nazionale.

Le riforme hanno bisogno di tante condizioni per avanzare e consolidarsi. Anche quella del Credito Cooperativo necessita, in tutte le sedi e da tutti gli interlocutori, di attenzione costruttiva, di sensibilità ed aiuto per poter partire e realizzarsi. In questa fase di delicata definizione degli strumenti normativi interni e degli assetti organizzativi è necessario che le Istituzioni e la Vigilanza, italiana ed europea, favoriscano con sensibilità l’attuazione di quanto previsto dalla legge di riforma e dalle norme secondarie.

In particolare agevolando, con buon senso:
- la specificità territoriale e mutualistica delle BCC, ancorata all’economia reale;
- il principio di proporzionalità correlata alla rischiosità (risk based) delle singole BCC;
- la possibilità per le basi sociali delle Banche Locali “virtuose” di esprimere gli amministratori;
- un modello di vigilanza sui Gruppi Bancari Cooperativi e sulle BCC, individualmente considerate, proporzionato e coerente con le peculiarità del credito cooperativo senza appesantirle di ulteriori oneri regolamentari ed amministrativi.

Confcooperative, Federcasse, Iccrea Banca, Cassa Centrale Banca, Cassa Centrale Raiffeisen nell’interesse delle BCC, Casse Rurali, Raiffeisenkassen chiedono che il Governo e il Parlamento confermino la linea salvaguardata e valorizzata dalla Riforma che tutela l’identità mutualistica, il ruolo e la capacità competitiva delle BCC, Casse Rurali e Raiffeisenkassen affinché queste possano continuare ad essere anche per il futuro protagoniste nel concorrere alla costruzione del “bene comune”.

Siamo pronti ed auspichiamo un confronto costruttivo con il Governo e il Parlamento italiano finalizzato a condividere tutti questi obiettivi.

Sarà un’occasione preziosa.

Allo stesso tempo ci auguriamo che il Governo italiano possa contribuire – nei confronti del Parlamento Europeo e della Commissione UE - a riequilibrare una produzione normativa e regolamentare in favore di una legislazione realmente proporzionale e adeguata rispetto a banche che hanno dimensioni, complessità e finalità imprenditoriali differenti. In particolare, sarà rilevante rivedere in un’ottica di coerenza le misure relative alle BCC contenute nella bozza di decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze sui requisiti degli esponenti e quanto contenuto nel decreto legislativo di recepimento della Mifid II in materia di trattamento delle azioni emesse dalle Banche di Credito Cooperativo. 

È interesse di tutti, ed in particolare delle banche affiliate, dei soci, delle imprese e delle comunità territoriali, che la Riforma parta nei tempi attualmente previsti dalla normativa, con l’avvio dei Gruppi Bancari Cooperativi programmato al più tardi per il 1° gennaio 2019.

Siamo convinti che l’attuazione della Riforma è per il Credito Cooperativo Italiano un passo decisivo verso il futuro. La grande maggioranza delle BCC, Casse Rurali, Raiffeisenkassen è pronta a raccogliere questa sfida al servizio e per lo sviluppo del nostro Paese.

25 giugno 2018


Scarica il Comunicato Stampa

Si25/06/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Da domani, 26 giugno, sarà effettiva la partnership con il colosso della telefonia a beneficio dei clienti BCC.
Da domani, 26 giugno, CartaBCC, il brand di Iccrea Banca che riunisce l’offerta di carte di pagamento ai clienti delle Banche di Credito Cooperativo, offrirà Samsung Pay, il servizio di pagamento innovativo via mobile facile, sicuro e rapido.
Sarà quindi possibile registrare tutte le carte della gamma CartaBCC, credito, prepagate e debito, nell’app Samsung Pay per effettuare pagamenti sempre più smart, utilizzando anche la tecnologia contactless.

“Anche in vista dell’offerta predisposta dal Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea vogliamo accrescere la fedeltà dei clienti delle BCC, ascoltando le loro esigenze e fornendo prodotti e servizi innovativi. Samsung Pay rappresenta un nuovo traguardo del nostro Gruppo in questo percorso, oltre a essere un’importante leva per l’ampliamento delle potenzialità del settore dei pagamenti elettronici, grazie alle sue caratteristiche che si distinguono per facilità di utilizzo e per la sicurezza” ha commentato Antonio Galiano, Responsabile E-bank di Iccrea Banca e Presidente di Ventis. 

Scarica il comunicato stampa.


Si25/06/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  

​Il Gruppo bancario Iccrea, in adempimento alla normativa vigente - introdotta con il Decreto 254/2016 che attua la Direttiva 2014/95 UE - ha presentato ufficialmente alla Consob la prima Dichiarazione Non Finanziaria (DNF) interpretandola non solo quale obbligo normativo, ma anche come leva di crescita aziendale.

Nell’ottica della futura costituzione del Gruppo bancario Cooperativo e, più in generale, della nascita della prima banca locale del Paese, il Gruppo Iccrea ritiene la sostenibilità una fondamentale opportunità per individuare ed esprimere - nell’ambito della riforma del Sistema - i valori del Gruppo e delle BCC a favore del territorio.

La sostenibilità, in questo senso, traspare non solo nelle attività tradizionali bancarie verso le famiglie e le PMI clienti, ma anche nel rapporto con i soci delle BCC e nel coinvolgimento dei collaboratori del Gruppo.

La DNF evidenzia le numerose esperienze ed attività di coinvolgimento degli stakeholder, facendo della sostenibilità un fattore ulteriormente distintivo e competitivo per il Gruppo Iccrea e per il futuro Gruppo bancario Cooperativo.

In particolare, la Dichiarazione Non Finanziaria Consolidata del Gruppo bancario Iccrea rendiconta i risultati raggiunti in ambito di:

  • sostegno delle PMI;
  • iniziative a beneficio dei territori e della comunità;sostegno delle PMI;
  • centralità riservata alle persone: innovazione e nuovi modelli di business;
  • impegno continuo nel ridurre gli impatti ambientali.
Nel dettaglio, su quest’ultimo punto, il Gruppo acquista la totalità dell’energia elettrica da fonti rinnovabili ed ha inoltre investito significativamente nell’efficientamento energetico delle sedi principali, ottenendo una riduzione della dispersione termica degli immobili del 67%.
Dalla DNF, inoltre, emerge l’evidenza di un consistente presidio sistemico – da parte delle diverse strutture del Gruppo – dei rischi non finanziari rilevanti per il Gruppo Iccrea, così come la presenza di specifiche policy a copertura di tutti i temi non finanziari del Gruppo.
 “La prima redazione della Dichiarazione Non Finanziaria del Gruppo bancario Iccrea coincide con un momento di profonda e radicale trasformazione dell’assetto organizzativo e strategico del Credito Cooperativo”, commenta Giulio Magagni, Presidente del Gruppo bancario Iccrea. “La riforma avviata con la Legge 49 del 2016 – ha proseguito Magagni – ha portato il nostro sistema ed il Gruppo ad una radicale riorganizzazione, con l’obiettivo di assicurare alle Banche di Credito Cooperativo, ai loro soci e clienti profili più sicuri di patrimonializzazione, maggiore capacità di rispondere alle esigenze di garanzia, innovazione e sviluppo dei prodotti e dei servizi offerti, funzionali all’incremento della redditività e della solidità delle Banche di Credito Cooperativo”.

Scarica la Dichiarazione non finanziaria del GBI.





Si14/06/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
L’accordo tra Gruppo Iccrea, Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste è diventato completamente effettivo.

Roma, 11 giugno 2018.

L’iter per l’ingresso di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia nel Gruppo bancario Iccrea è concluso, con l’arrivo delle autorizzazioni da parte delle Autorità di Vigilanza (Banca Centrale Europea e Banca d’Italia). Con un percorso avviato a dicembre dello scorso anno con l’accordo tra il Gruppo Iccrea, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, l’integrazione di Mediocredito FVG oggi diventa completamente effettiva.

L’accordo permetterà, da una parte, di valorizzare Banca Mediocredito FVG nel suo ruolo storico a sostegno delle PMI che operano in Friuli Venezia Giulia, dall'altra di accrescere le attuali risorse e potenzialità del Gruppo bancario Iccrea, anche in sinergia con le BCC che hanno pre-aderito al costituendo Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea.

Nel dettaglio, l'operazione verrà perfezionata attraverso lo scambio di azioni di Iccrea Banca con azioni di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia in possesso della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste e un aumento di capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia riservato al Gruppo Iccrea, affinché - in linea con i piani di sviluppo che verranno adottati da Iccrea - l'istituto diventi, in ambito regionale e in collaborazione con le BCC pre-aderenti, un centro di competenza per le attività di credito agevolato, i finanziamenti a medio e lungo termine, le attività di tesoreria degli Enti pubblici.
L'operazione prevede quindi l’uscita della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste dal capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia e l’ingresso della stessa nel capitale di Iccrea Banca, consentendo così alla Fondazione di essere il primo investitore istituzionale esterno al Sistema del Credito Cooperativo a entrare nel capitale della Capogruppo del Gruppo Iccrea, in coerenza anche con gli obiettivi della riforma del Sistema cooperativo italiano.
Banca Mediocredito FVG, dopo il perfezionamento dell’operazione di acquisizione del 100% di BCC Factoring (oggi controllata da Iccrea BancaImpresa), contribuirà a sviluppare l’attività di factoring del Gruppo bancario Iccrea sulla propria clientela nella Regione e sulla clientela di tutte le BCC pre-aderenti a Iccrea. Verranno altresì sviluppate, attraverso l'istituto friulano, le attività a valore aggiunto nel segmento corporate rafforzando i servizi di advisory, tra i quali quelli tipici di consulenza alle aziende nell’accesso al mercato regolamentato dei capitali.

“Siamo lieti di aver ricevuto il parere positivo della Banca Centrale Europea e della Banca d’Italia – ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – perché per noi questa operazione rappresenta uno snodo importante nell’ambito degli obiettivi del Gruppo Iccrea che, insieme a Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia, vogliamo perseguire a beneficio della regione in cui la Banca opera. L’ambito del supporto alle PMI, in vista della futura costituzione del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea e grazie alla collaborazione con le BCC locali, è oggi fondamentale per essere accanto al territorio regionale e, in generale, per sostenere lo sviluppo del Paese”.

“Con l’integrazione di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia – ha aggiunto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – il Gruppo Bancario Iccrea potrà offrire, alle PMI della regione, non solo prodotti e servizi, ma anche consulenze specialistiche per tutte quelle aziende locali che, come noto, hanno importanti potenzialità e vogliono investire. Questo, al fine di rendere più competitivo il tessuto economico friulano e affiancarci a loro, anche nella futura veste di Gruppo bancario Cooperativo, svolgendo appieno il nostro ruolo di prima banca locale del paese. Oggi Banca Mediocredito FVG è una banca che, con l’integrazione nella famiglia del Gruppo Iccrea, saprà dare ancora maggiore impulso all’imprenditorialità locale, offrendo tutte le soluzioni che, per le imprese, sono oggi disponibili sul mercato”.


Si11/06/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
L’operazione, realizzata insieme a BCC Valle del Trigno, BCC Pra-tola Peligna e Banca Alpi Marittime, è volta a finanziare un porta-foglio di impianti fotovoltaici della potenza complessiva di 4,4 MW.
Iccrea BancaImpresa, insieme a BCC Valle del Trigno, BCC di Pratola Peligna e Banca Alpi Marittime hanno perfezionato un’operazione di Project Finance, per complessivi 11 milioni di euro, per il finanziamento di un portafoglio di impianti fotovoltaici della potenza complessiva di 4,4 MW di proprietà di Dimensione Solare S.r.l. Abruzzo, in provincia di Chieti.

Gli impianti, già in attivo, producono annualmente 6,3 milioni di Kwh di energia elettrica dal sole, equivalenti a una mancata emissione di CO2 in atmosfera pari a 2.700 tonnellate annue.
Dimensione Solare è una holding operativa nata nel 2008 specializzata nel settore delle energie rinnovabili, con particolare focus sul fotovoltaico. Progettato e prodotto interamente dalla Dimensione Solare è il sistema di inseguitore biassiale Sphere, installato anche per gli impianti finanziati, che consente di massimizzare l’esposizione alla luce solare durante tutto l’anno. La società è operativa anche nell’ambito della sicurezza e controllo stradale, settore nel quale, per il tramite della partecipata Helian S.r.l., è stato progettato e svi-luppato lo Street Control, una piattaforma mobile per il controllo e sanzionamento dei veicoli. 

Il pool è stato assistito da BIT S.p.A. per la consulenza tecnica e dallo studio legale Orrick per gli aspetti le-gali.



Si11/06/2018NewsIccrea BancaImpresa
  
"Le dichiarazioni del Presidente del Consiglio Conte, in merito alle intenzioni del Governo di rivedere il provvedimento di riforma del Credito Cooperativo, destano preoccupazione. La riforma ha l’obiettivo di rafforzare le banche locali per assicurarne la capacità di sostenere le piccole e medie imprese e le famiglie nei territori. 

Il Gruppo Iccrea ha già inviato l’istanza per la costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo agli Organismi di Vigilanza europei ed italiani, a valle di un lungo, complesso ed impegnativo percorso progettuale con l’impiego di importanti risorse economiche. In tal senso, chiediamo con urgenza un incontro con il Presidente del Consiglio affinché possa chiarirci meglio la posizione del Governo, rappresentandogli al contempo i rischi per l’economia locale derivanti da uno slittamento dei tempi della riforma."
Si06/06/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Lo specialista nella riparazione di carrozzeria ha emesso un prestito obbligazionario quotato per supportare il proprio piano di sviluppo.

Iccrea BancaImpresa mette a segno una nuova operazione sui MiniBond con l'esordiente Car Clinic. Car Clinic, azienda specializzata nella riparazione di carrozzerie di autovetture e veicoli commerciali presente sul territorio nazionale con 31 centri di proprietà e 9 centri partner è sbarcata in Borsa con un MiniBond da 2 milioni di euro che servirà a sostenere un importante piano di crescita sul territorio nazionale. Da giovedì 31 ottobre 2018 il MiniBond sarà quotato sul mercato ExtraMOT PRO di Borsa Italiana, il segmento di Piazza Affari riservato ai soli investitori professionali, dopo che si è chiusa con successo l'emissione del prestito obbligazionario senior unsecured della durata di 5 anni, con un tasso fisso del 3,25% per cento e rimborso amortizing a partire dal secondo anno.

 

Il forte interesse da parte degli investitori qualificati ha permesso a Car Clinic di fissare il tasso cedolare ben al di sotto rispetto all'attuale media dei tassi di mercato dei MiniBond. Tra i sottoscrittori del MiniBond figura Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Gruppo bancario Iccrea.

 

A seguire l'operazione, in qualità di co-arranger e co-advisor, Iccrea BancaImpresa e ADB – Corporate Advisory. Deal counsel dell'operazione lo studio R&P legal con il partner avv. Giovanni Luppi.



Si01/06/2018NewsIccrea BancaImpresa
  
Iccrea Banca – per la 5a volta Co-Dealer – protagonista insieme alle BCC.

Si è chiuso, oggi, il collocamento della tredicesima emissione del BTP Italia. L'operazione ha visto Iccrea Banca ricoprire per la quinta volta il ruolo di Co-Dealer, a ulteriore riconoscimento della posizione preminente assunta dal Gruppo bancario Iccrea nel mercato primario e secondario dei Governativi Italiani.

Come nelle precedenti emissioni, anche questa si è articolata in due distinte fasi dedicate alla clientela retail e agli investitori istituzionali. Il nuovo BTP Italia ha godimento dal 21 maggio 2018 e scadenza il 21 maggio 2026 (8 anni), con un tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito dello 0,55%.

L'importo emesso, pari a circa 7,7 miliardi di euro, è stato sottoscritto nella prima fase dedicata al retail per circa 4,1 miliardi, mentre i restanti 3,6 miliardi sono stati assegnati agli investitori istituzionali. Ad entrambe le categorie di investitori il MEF ha assegnato l'intero ammontare richiesto.

Anche in questa occasione le sottoscrizioni raccolte da Iccrea Banca per circa 100 BCC hanno rappresentato una percentuale significativa, complessivamente pari al 12,4% dell'intero ammontare.

Con riferimento alle sottoscrizioni provenienti dal comparto istituzionale, la percentuale sottoscritta dalle BCC ha rappresentato circa il 22% dell'ammontare riservato a tale categoria di investitori.

Scarica il documento (pdf)

Si17/05/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Gruppo bancario Iccrea e TEDxRoma ancora una volta insieme. Il prossimo 26 maggio 2018, alle ore 10.30 presso la Nuvola di Roma, ecco la nuova edizione del TED di Roma con un titolo “tagliente” come da tradizione: Esperanto - Empowering Through Neutrality
Esperanto è il linguaggio dell'eguaglianza, della neutralità e della giustizia. Un sogno attraverso cui immaginare unita l'umanità intera. Rappresenta il dialogo tra la modernità e la tradizione per individui liberi e liberali in cerca di progresso ed autonomia. All'edizione di TEDxRoma di quest'anno, speaker internazionali provenienti da tutto il mondo parleranno di tecnologia, arte, economia, politica. Tutte insieme intese, da una parte, come piattaforme abilitanti per la crescita globale; dall'altra come spunto per capire quanto queste piattaforme possono divenire ponti virtuali per connettere la complessità del mondo in cui viviamo.




Il Gruppo bancario Iccrea è di nuovo orgogliosamente accanto al fenomeno TED, per la terza volta consecutiva, per condividere lo sguardo verso il futuro e l’attenzione ai nuovi modelli di business e di società, che verranno trattati nelle relazioni degli speaker durante l’evento.

Per maggiori informazioni, visita il sito di TED: www.tedxroma.com



Si17/05/2018NewsIccrea Banca
  

​L’Assemblea di Iccrea Banca, la capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, ha approvato oggi a Roma il bilancio al 31 dicembre 2017.

In particolare, i risultati finali evidenziano una crescita dell’utile a livello consolidato, che si attesta a 29,3 milioni di euro. Risultato soddisfacente in relazione agli oneri di natura straordinaria che hanno inciso nell’esercizio (svalutazione del Fondo Atlante per 21 milioni di euro e oneri per circa 20 milioni di euro sostenuti per la progettualità relativa alla costituzione del Gruppo bancario Cooperativo)

Dall’esito del bilancio consolidato viene confermato, anche nel 2017, il particolare impegno profuso dal Gruppo Iccrea a sostegno delle BCC e dei loro territori, con la corresponsione alle stesse BCC di 384 milioni di euro di commissioni per l’operatività svolta insieme nei vari segmenti del Gruppo.

L’utile stimato complessivo nel 2017, ricomprendendo quello del Gruppo Iccrea e di tutte le BCC aderenti al Gruppo Cooperativo di Iccrea, è di circa 139 milioni di euro.

L’Assemblea dei Soci ha fatto seguito all’evento organizzato il giorno precedente, nel quale Iccrea ha illustrato alle 145 BCC aderenti al costituendo Gruppo Bancario Cooperativo i contenuti dell’istanza inviata il 27 aprile scorso alla Banca Centrale Europea e alla Banca d’Italia. All’evento hanno partecipato circa 600 esponenti delle BCC e i rappresentanti della Vigilanza europea e italiana.

Con l’istanza Iccrea ha presentato il contratto di coesione e l’accordo di garanzia che sottoscriveranno le 145 BCC con l’obiettivo, dal 1° gennaio 2019, di dare avvio al Gruppo, le cui linee di sviluppo sono state tracciate in un dettagliato piano industriale.

Il costituendo Gruppo bancario Cooperativo parte da un assetto di grande rilevanza, potendo già contare su 4 milioni di clienti, 2.600 sportelli presenti in 1.720 comuni italiani, un attivo di circa 150 miliardi, un patrimonio netto di 11,4 miliardi ed un CET1 ratio superiore al 15 per cento.

Queste dimensioni collocano complessivamente il Gruppo bancario Cooperativo Iccrea di fatto come la prima banca locale del paese e tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

“La costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo è una immensa opportunità per il nostro sistema e per le singole Banche di Credito Cooperativo – ha dichiarato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – in quanto forza patrimoniale, garanzie incrociate, sviluppo delle quote di mercato e innovazione saranno i pilastri del nuovo Gruppo nato per ed in funzione delle BCC aderenti, con l’obiettivo di valorizzarne il ruolo nell’economia reale e nella economia italiana. Il nostro è un Gruppo che dovrà dare valore non solo alle imprese e alle famiglie, in quanto protagoniste dei territori in cui le BCC operano, ma anche e soprattutto ai soci di ogni Banca di Credito Cooperativo”.

“Siamo soddisfatti per i risultati conseguiti dal Gruppo Iccrea nel 2017– ha aggiunto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – perché il considerevole impegno relativo al progetto di costituzione del Gruppo bancario Cooperativo non ci ha distolto in alcun modo dai nostri obiettivi di business e dalla nostra missione di sostegno alle BCC e ai loro clienti. Ricordo, in particolare, che nel 2017 abbiamo sostenuto le famiglie e le imprese del territorio realizzando 2,1 miliardi di nuovi impieghi”.

“In parallelo al nostro business tradizionale – ha continuato Rubattu -  stiamo continuando ad investire fortemente in innovazione.  Mi riferisco in particolare a progetti come il portale di ecommerce Ventis o alla nostra partecipazione al capitale di Satispay e ancora all’accordo tra la nostra carta BCC ed Apple pay: iniziative che guardano al presente e al futuro del nostro Gruppo. In uno scenario che vede il mercato bancario mutare ogni giorno per una serie di discontinuità di natura normativa, tecnologica, generazionale, far evolvere, innovandolo, il concetto di prossimità”.

Nell’Assemblea odierna, il Gruppo Iccrea ha presentato ai soci anche la Dichiarazione Non Finanziaria di Gruppo, introdotta dal Decreto 254/2016 in attuazione della Direttiva 2014/95. Un documento che riassume i valori della sostenibilità nelle strategie del Gruppo Iccrea a supporto o in partnership con le BCC sul territorio. In particolare, dalla dichiarazione si evince la vocazione del Gruppo al sostegno delle PMI, con oltre 354.869 aziende servite. Di queste, oltre 5.250 sono PMI che, nel 2017, hanno avuto accesso al credito grazie al servizio di Finanza Agevolata del Gruppo (a cui si aggiungono 104 operazioni a favore di PMI innovative e 2.854 contratti di leasing, grazie alle convenzioni con il FEI). Tra gli altri dati della dichiarazione, spicca quello del sostegno alla comunità attraverso donazioni a fondazioni e onlus (del valore di circa 480.000 nel biennio 2016-2017), oltre a partnership con le Università, sponsorizzazioni di eventi così come l’organizzazione di attività di educazione finanziaria che nel 2017 hanno coinvolto 71 BCC per oltre 6.700 partecipanti, clienti e soci delle Banche stesse.


Scarica il documento (pdf)

Si11/05/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  

Iccrea Banca ha ricevuto, per la quinta volta, il mandato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per svolgere il ruolo di Co-Dealer nel collocamento della nuova emissione del BTP Italia.

Tale scelta conferma nuovamente la posizione raggiunta da Iccrea Banca quale intermediario finanziario di riferimento del Credito Cooperativo, grazie al costante supporto dato alle BCC nella loro sempre più dinamica attività di collocamento e di negoziazione dei titoli di stato italiani.

La capacità distributiva assicurata dal Gruppo bancario Iccrea nelle fasi di collocamento del BTP Italia è testimoniata dalla percentuale media di sottoscrizione registrata nelle dodici precedenti emissioni, superiore al 12% dell’ammontare complessivo emesso e con punte massime del 15,6% (12^ emissione) e del 13,5% (10^ emissione).

Sul fronte del mercato secondario tale dinamicità trova riscontro nelle statistiche riguardanti i volumi negoziati da Iccrea Banca sui mercati retail e institutional dei Governativi Italiani, che nel corso del triennio 2015-2017 hanno raggiunto un ammontare complessivo pari a 532,6 miliardi di euro con una media annua di circa 177 miliardi di euro.

Il BTP Italia, arrivato alla tredicesima emissione, sarà collocato dal 14 al 17 maggio e prevede una durata di 8 anni. Nella prima fase del periodo di collocamento, dal 14 al 16 maggio (salvo chiusura anticipata) potranno partecipare i risparmiatori individuali, mentre l’ultima giornata, il 17, sarà riservata agli investitori istituzionali.

Per maggiori informazioni consulta il sito del MEF

Si11/05/2018NewsIccrea Banca
  
Il Gruppo bancario Cooperativo Iccrea, a cui aderiranno 145 Banche di Credito Cooperativo, si collocherà tra i primi 4 gruppi ban-cari italiani, con 4 milioni di clienti.

Il Consiglio di Amministrazione di Iccrea Banca, nella giornata di oggi, ha deliberato ed in-viato alla Banca Centrale Europea e alla Banca d’Italia l’istanza per la costituzione del Gruppo bancario Cooperativo Iccrea, cui aderiranno 145 Banche di Credito Cooperativo. 

Con l’istanza Iccrea ha presentato, tra gli altri, il contratto di coesione e l’accordo di ga-ranzia che sottoscriveranno le 145 BCC con l’obiettivo, dal 1° gennaio 2019, di dare avvio al Gruppo, le cui linee di sviluppo sono state tracciate in un dettagliato piano industriale.

Il costituendo Gruppo bancario Cooperativo parte da un assetto di grande rilevanza, potendo già contare su 4 milioni di clienti, 2.600 sportelli presenti in 1.720 comuni italiani, un atti-vo di circa 150 miliardi, un patrimonio netto di 11,4 miliardi ed un CET1 ratio superiore al 15 per cento. 

Queste dimensioni collocano complessivamente il Gruppo bancario Cooperativo Iccrea di fat-to come la prima banca locale del paese e tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

“Si tratta di un passo storico per tutti noi. Sarà un Gruppo che, in continuità con quanto fatto insieme alle BCC finora, risulterà ancora più forte nel sostegno all’economia dei terri-tori e alle comunità, offrendo tutte le leve necessarie per il benessere delle famiglie e lo sviluppo delle imprese italiane”, ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Ban-ca. “Il futuro Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea, una volta operativo, sarà il 3° gruppo in Italia per sportelli e il 4° per attivi”.

“E’ stato un grande esercizio di cooperazione che ha coinvolto circa mille professionisti espressione di tutto il Sistema del Credito Cooperativo”, ha aggiunto Leonardo Rubattu, Di-rettore Generale di Iccrea Banca. “Arriviamo a questo appuntamento dopo una approfondita e proficua interlocuzione con Banca Centrale Europea e Banca d’Italia”.


Scarica il documento (pdf)

Si27/04/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Nel finanziamento da 12 milioni di euro, con garanzia SACE, oltre a Iccrea BancaImpresa sono coinvolte anche CRA di Brendola e BCC San Giorgio Quinto Valle Agno.

Operazione finalizzata a supportare il piano investimenti dell’azienda al 2021. SIMEST ha sottoscritto un aumento di capitale del 35% della controllata cinese per 5 milioni di euro.

SACE SIMEST, che insieme costituiscono il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, insieme a Iccrea BancaImpresa e a 2 Banche di Credito Cooperativo, sostengono l’internazionalizzazione di Elettra 1938, azienda multinazionale di origine vicentina, attiva nella produzione e distribuzione di batterie e accumulatori per il settore automotive e per uso industriale.

Nel dettaglio, SACE e Iccrea BancaImpresa, quest’ultima capofila di un pool di BCC costituito da CRA di Brendola e BCC San Giorgio Quinto Valle Agno, hanno finalizzato un finanziamento da 12 milioni di euro – assistito da garanzia SACE al 50% – destinato a sostenere il piano di investimenti 2018-2021 dell’azienda che prevede il miglioramento dell’efficienza e della capacità produttiva degli stabilimenti situati prevalentemente in Svizzera e Brasile, nonché la costituzione di un nuovo polo produttivo in Messico.

SIMEST, invece, attraverso un’iniezione di capitale di 5 milioni di euro, entrerà al 35% nella controllata cinese, sostenendo il programma di investimenti del Gruppo industriale. Il rafforzamento permetterà di aumentare la capacità produttiva dell’impianto cinese - situato nel parco industriale di Wuhan, capitale della provincia di Hubei situata nella Cina centrale - e di soddisfare così le richieste del mercato locale e degli altri mercati asiatici, caratterizzati da elevati tassi di crescita.

Già leader nel mercato della produzione di avvisatori acustici e accumulatori al piombo, dal 2010 Elettra ha sviluppato un comparto green dedicato alla realizzazione di batterie al sodio e cloruri di nichel per l’Energy Storage e il settore della sustainable mobility, che permette di offrire un prodotto innovativo oltre che ecosostenibile grazie alla tecnologia avanzata a zero emissioni. 

Elettra 1938, attraverso le proprie partecipate opera in 60 paesi in quattro diversi continenti, con 7 siti produttivi in Italia, Svizzera, Stati Uniti, Repubblica Ceca, Brasile e Cina, e 2 centri di ricerca e sviluppo, in Italia e Francia, che impiegano circa 1.500 addetti, generando un fatturato di oltre 250 milioni di euro. 

Si26/04/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Ben 23 squadre formate da quasi 100 dipendenti GBI tra camminatori, runner e maratoneti hanno partecipato l’8 aprile alla Milano Marathon 2018 per finanziare il progetto First AidSports di Sport Senza Frontiere insieme a UNHCR.
Grande successo per l’iniziativa GBI in collaborazione con Sport Senza Frontiere.

Ogni squadra, oltre a partecipare alla corsa, ha aperto una sua pagina di raccolta fondi per sostenere la sfida solidale. Ad oggi sono stati raccolti circa 7.800€. L’obiettivo? Raggiungere 10.000€ entro il 31 maggio.

Dona anche tu, sostieni Sport Senza Frontiere!


Il tuo aiuto darà la possibilità a 30 ragazzi provenienti dai centri di protezione per rifugiati e richiedenti asilo, case famiglia e centri di prima accoglienza di Roma, Napoli e Milano di continuare a ricevere sostegno sportivo, sociale e sanitario.

Visita la pagina del Gruppo bancario Iccrea su La Rete del Dono per saperne di più e dare il tuo contributo.


Si23/04/2018NewsIccrea Banca
  
Il Gruppo bancario Iccrea è ancora a Vinitaly. Come da tradizione il Gruppo, con la sua banca corporate Iccrea BancaImpresa, ha partecipato alla 52a edizione di Vinitaly anzitutto con uno stand operativo tra i padiglioni della fiera.

Un’opportunità utile per sviluppare nuovi contatti di business e consolidare quelli già avviati con le imprese vitivinicole, ricordando inoltre l’impegno del Gruppo sul fronte delle 3 A: agricoltura, agroalimentare, ambiente.

Guarda il video

 


Ma non solo.

Iccrea BancaImpresa ha anche organizzato un workshop dedicato al turismo enogastronomico, una nuova opportunità di sviluppo per le imprese clienti delle Banche di Credito Cooperativo ed i territori in cui queste operano.

Alla luce di una nuova clientela proiettata all’esplorazione di nuove esperienze degustative di qualità, i territori italiani del vino e gli attori della filiera enogastronomica sono alla ricerca di un posizionamento strategico sul mercato domestico e internazionale.

Le potenzialità che il connubio vino-cibo / arte-cultura offrono, aprendosi alla sperimentazione di percorsi di crescita e di posizionamento competitivo distintivi, sono le tematiche che sono state declinate dai diversi partecipanti al workshop. La sperimentazione di nuove sinergie tra enti pubblici e privati del territorio, l’individuazione di nuove forme di turismo “riflessivo”- che privilegiano sempre più la qualità dell’offerta turistica - la ricerca di esperienze originali di fruizione dei territori (capaci di coniugare eccellenze produttive, identità e patrimonio culturale), rappresentano le nuove frontiere che tutto il Gruppo Iccrea vuole percorrere per sviluppare il business enogastronomico secondo un approccio sistemico. Necessariamente accanto alle Banche di Credito Cooperativo e alle loro aziende clienti.

“Il turismo enogastronomico – ha commentato in precedenza Enrico Duranti, Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa – rappresenta un settore sul quale il Gruppo bancario Iccrea vuole investire risorse. Abbiamo la volontà di portare avanti scelte strategiche - incentrate sulla valorizzazione delle eccellenze e del patrimonio, spesso unico, di risorse (tangibili e intangibili) di ogni territorio presidiato dalla BCC – per dare motore ed espressione a tutta la filiera enogastronomica”.

Durante il workshop, che ha visto la partecipazione di più di 100 ospiti tra imprenditori e rappresentanti di Banche di Credito Cooperativo, si ha avuta inoltre l’occasione di approfondire quelle che sono le nuove dinamiche “digitali” di relazione tra le imprese che vogliono sviluppare l’enoturismo e il cliente che viaggia e vuole scoprire i territori. In particolare, oltre ad aver raccolto alcune testimonianze di cantine che hanno già avviato un percorso legato al turismo enogastronomico, il Gruppo Iccrea ha anche presentato il proprio progetto integrato di turismo.

Un progetto che, facendo leva sui sistemi di pagamento (POS, fisici e virtuali, Satispay), vuole mettere insieme albergatori e imprenditori coinvolti nel settore artistico, dell’intrattenimento e della produzione agroalimentare, per consentire di proporre un’offerta che valorizzi le eccellenze del territorio. Il tutto, al fine di personalizzare la proposta per il turista e accrescere la sua piena esperienza sotto il profilo strettamente qualitativo.



Si19/04/2018NewsIccrea BancaImpresa
  
Un progetto per i clienti delle BCC che mette insieme le strutture alberghiere, le eccellenze culturali e i produttori locali. Tutto, a beneficio di chi viaggia.

​Turismo e innovazione: un connubio dove la sperimentazione, in Italia, può portare solo valore sia a chi viaggia sia a chi investe nel territorio. Iccrea Banca, capogruppo del futuro Gruppo Bancario Cooperati-vo, sta promuovendo insieme alle BCC un progetto che va in questa direzione, facendo leva sui servizi dei sistemi di pagamento (ambito in cui Iccrea Banca è uno dei soggetti, su tutto il territorio nazionale, am-messi ad operare in qualità di Centro Applicativo Interbancario).

Il lancio del progetto sul turismo di Iccrea Banca è accompagnato da un road show su tutto il territorio nazionale (partito da Rimini a inizio anno e proseguito sulle rive del Garda) che, all’evento organizzato – insieme a Banca Campania Centro Cassa Rurale e Artigiana – oggi a Salerno presso l’hotel Novotel, ha visto il coinvolgimento di più di 100 partecipanti tra cui Federalberghi Salerno, l’Ente Bilaterale del Turi-smo di Salerno (EBT), altri operatori del settore e BCC della regione.

Tornando ai sistemi di pagamento, questi possono dunque rappresentare la leva per creare le sinergie sul territorio utili a valorizzare le sue potenzialità. Iccrea Banca, insieme ad altri partner di primario livello (tra cui Titanka! e Vertical Booking per le attività ricettive online, ed altri importanti partner per i con-sumi locali e la mobilità), ha voluto quindi promuovere un progetto innovativo che, partendo dal primo contatto tra il turista e l’albergo, avvia un circolo virtuoso coinvolgendo mete di attrazione turistica o produttori enogastronomici del territorio.

Il risultato vuole essere quello di offrire al turista nuovi strumenti per un’esperienza unica di viaggio. I sistemi di pagamento sono quindi essenziali in quanto, affinché si formi questo circolo virtuoso, le rela-zioni tra turista, albergatori ed esercenti dovranno svilupparsi attraverso i canali proposti da Iccrea. Non si parla in questo caso solo di POS e carte di credito ma anche di servizi di ultima generazione come Sati-spay, la start-up che ha sviluppato un meccanismo di “WhatsApp dei pagamenti” (in cui Iccrea figura tra i principali soci, e che sta coinvolgendo sempre più esercenti in tutta Italia), oppure attraverso Ventis, il portale di flash sales (www.ventis.it) di proprietà di Iccrea Banca.

Grazie a questo progetto (il primo, così articolato, promosso da un gruppo bancario in Italia) verrà attivato predisposto un network virtuale che genera benefici verso tutti gli attori coinvolti (a partire dal turista), permettendo anzitutto agli alberghi di avere un iniziale canale diretto con il cliente sia sotto il profilo commerciale che, più in generale, relazionale. Il passaggio successivo è infatti quello che consen-tirà all’albergatore – grazie alle relazioni già stabilite in fase di prenotazione del soggiorno attraverso il canale online predisposto da Titanka!, chiamato MyReply – di comprendere le esigenze del cliente-turista e di consigliarlo per la scelta delle località o strutture turistiche da visitare. Il turista avrà così modo di usufruire di un network innovativo di opzioni vantaggiose e facilmente fruibili sul territorio che, iniziando dalla porta di accesso della struttura ricettiva, potranno estendersi su altri fronti commerciali (compren-dendo anche servizi di trasporto sul territorio e acquisti di coupon).


Scarica il documento (pdf)

Si11/04/2018NewsIccrea Banca
  
Il Gruppo bancario Iccrea sostiene per il terzo anno consecutivo la raccolta fondi per finanziare il progetto First AidSports di Sport...

Il Gruppo bancario Iccrea sostiene per il terzo anno consecutivo la raccolta fondi per finanziare il progetto First AidSports di Sport Senza Frontiere insieme a UNHCR l'alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, due volte premio Nobel per la pace.

Alla maratona, che si terrà domenica 8 aprile, parteciperanno 23 squadre formate da quasi 100 dipendenti del GBI tra camminatori, runner e maratoneti.

Ogni squadra ha aperto una sua pagina di raccolta fondi per sostenere i ragazzi di Sport Senza Frontiere: aiutaci anche tu a raggiungere l'ambizioso obiettivo di 10.000,00€!


Dona anche tu, sostieni Sport Senza Frontiere!

 

L'obiettivo della raccolta fondi è garantire a 30 ragazzi - già agganciati alla rete solidale di SSF- provenienti dai centri di protezione per rifugiati e richiedenti asilo, case famiglia e centri di prima accoglienza di Roma, Napoli e Milano, la possibilità di continuare a ricevere sostegno sportivo, sociale e sanitario.

Visita la pagina del Gruppo bancario Iccrea su La Rete del Dono per scoprire le 23 staffette, i 7 maratoneti e soprattutto...per dare il tuo contributo!

Ma il GBi raddoppia il suo appuntamento l'8 aprile: infatti sarà presente anche a Roma, con tre dipendenti iscritti ai 42 km della Maratona più bella del mondo e molti altri colleghi che parteciperanno insieme ai bambini di SSF alla Roma Fun Run, la 5 km non competitiva aperta a tutti!

Se vuoi saperne di più sulla stracittadina clicca qui.


Si03/04/2018NewsIccrea Banca
  
Realizzata la più grande operazione nelle Marche sia per importo che per numero di BCC coinvolte.

Roma, 30 marzo 2018
 
Iccrea BancaImpresa, in pool con 10 Banche di Credito Cooperativo marchigiane, è capofila di un finanziamento per un importo complessivo di 10 milioni di euro, destinato a sostenere il piano industriale 2017-2019 di TreValli Cooperlat, cooperativa leader in Italia nel settore caseario.

La più grande operazione in pool realizzata nel territorio marchigiano - con la contribuzione di Fondosviluppo – coinvolge per un importo di 5,2 milioni Iccrea BancaImpresa e per i restanti 4,8 milioni di euro le seguenti BCC: Ostra Vetere, Ostra e Morro d’Alba, Metauro, Filottrano, Ancona e Falconara Marittima, Piceno, Sibillini, Ripatransone e Fermano, Pergola e Corinaldo, Gradara.

TreValli Cooperlat, una delle più importanti realtà nazionali con centinaia di allevatori associati e una forza lavoro di oltre 400 persone impegnate in 4 stabilimenti produttivi, grazie a questa operazione potrà avviare investimenti che spaziano dall’ottimizzazione del magazzino al lancio di nuovi prodotti inclusi quelli vegetali, fino allo sviluppo di processi di internazionalizzazione.

L’azienda TreValli Cooperlat è nata nel 1985 come risultato di un’operazione in cui la Cooperlat (fondata nel 1982 su iniziativa di Confcooperative Marche) acquisiva la Clamy-TreValli S.p.A. di Jesi, già operativa dal 1958 importante realtà del settore latte e prodotti speciali derivati.
A valle di un percorso di sviluppo incentrato sul settore lattiero caseario, Trevalli Cooperlat ha spostato l'attenzione verso i prodotti derivati ad alto contenuto tecnologico con l'introduzione di alimenti a base vegetale, posizionandosi tra le prime aziende del settore in Italia ed accrescendo sempre più importanza nel mercato estero.

“L’operazione che abbiamo chiuso con il pool di Banche di Credito Cooperativo marchigiane con capofila Iccrea Bancaimpresa rappresenta la virtuosità del sistema cooperativo, - ha commentato il Presidente di Cooperlat Paolo Fabiani – che, allo stesso tempo valorizza le imprese ed il mondo del credito cooperativo che investono per lo sviluppo dei territori di appartenenza”.




Si30/03/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Concluso con grande successo il primo salone dedicato a questa specifica area di mercato.

​Si è concluso mercoledì 21 marzo, il Salone del Leasing e del Noleggio, l’evento che per la sua prima edizione è stato ospitato presso la sede del Sole 24 Ore in Via Monterosa 91, a Milano. 

"Crediamo moltissimo in questo nuovo appuntamento rivolto a tutti gli operatori del settore" –spiega il Presidente di  Assilea, Enrico Duranti, nonché Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa – "uno strumento di rafforzamento ulteriore del Leasing e del Noleggio nell'ambito delle politiche di crescita messe in campo dal Governo. Non è un caso che Lease2018 prende il via all'indomani della conferma dei finanziamenti della Sabatini-ter del Super e dell'Iper ammortamento e della nuova disciplina del contratto di leasing dettata dal legislatore".

Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa, diramato da Assilea.

Si23/03/2018NewsIccrea Banca
  
Pontiggia, Presidente di Iccrea BancaImpresa: “Numeri che confermano il ruolo di Iccrea BancaImpresa come banca corporate del territorio accanto alle BCC”.

​Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Gruppo bancario Iccrea, ha chiuso il bilancio 2017 con un utile netto pari a 15,4 milioni di euro. Sul risultato finale, in netta controtendenza rispetto a quello del 2016 (chiuso in negativo per 28,5 milioni) hanno contribuito la decisa crescita del margine di intermediazione, pari a +16,3% grazie anche alle commissioni attive, legate alle operazioni di credito e alle attività di advisory, che hanno evidenziato una crescita del 7%. Al notevole miglioramento del risultato hanno contribuito altresì la riduzione del costo del rischio per oltre 10 milioni di euro e l’incremento dei dividendi dalle partecipazioni in BCC Lease e Car Server per oltre 4 milioni di euro.

Parallelamente, nell’ambito di un’attenta politica di riduzione dei costi operativi, Iccrea BancaImpresa ha effettuato un’importante riduzione sul fronte delle spese amministrative anche grazie alla riduzione dell’onere riconducibile al Fondo di Risoluzione Europeo, il cui contributo obbligatorio pari a 3,8 milioni di euro è sceso del 70% rispetto al 2016.

Sul fronte delle diverse linee di business della banca, sebbene il 2017 abbia consegnato al Gruppo Iccrea (e al futuro Gruppo Bancario Cooperativo a capogruppo Iccrea) un mutato contesto di riferimento, per via dell’applicazione della riforma del Credito Cooperativo e della scelta di alcune BCC di aderire all’altro polo nazionale, i risultati di Iccrea BancaImpresa si sono mantenuti in linea con quelli del 2016.

In particolare, i nuovi impieghi si attestano a 1,77 miliardi di euro (-1,6%) dove, tra le varie forme tecniche contemplate nell’offerta di Iccrea BancaImpresa, spicca la crescita del valore delle operazioni di finanza straordinaria per 250 milioni di euro (+19%) e la sostanziale tenuta del leasing, core business dell’azienda, con operazioni per un valore complessivo di 830 milioni di euro (-2,2%) con una significativa crescita della componente strumentale a 427 milioni di euro (+12%).

Con riferimento ai crediti in deteriorati, Iccrea BancaImpresa ha registrato una riduzione del -4,8% delle posizioni anomale lorde e del -11% a 993 milioni di euro di quelle nette rispetto a dicembre 2016, con un grado di copertura incrementato dal 42,9% al 46,6%. Con riferimento alle sofferenze, la banca ha evidenziato una riduzione del -2,5% delle esposizioni lorde a euro 896 milioni di euro e del -10,6% delle nette a euro 390 milioni di euro incrementando il relativo livello di copertura delle dal 57,4% al 60,9%.

Per quanto riguarda le due aziende controllate da Iccrea BancaImpresa, BCC Factoring e BCC Lease, per la prima si è registrato, nel 2017, un Turnover pari a 1,7 miliardi di euro (+ 13,75%), mentre per la seconda si evidenzia un aumento dei nuovi impieghi che totalizzano complessivamente 206,1 milioni di euro (+11%).

“Iccrea BancaImpresa ha saputo mantenere alti livelli di qualità e di vicinanza alle Banche di Credito Cooperativo e alle PMI loro clienti – ha commentato Giovanni Pontiggia, Presidente di Iccrea BancaImpresa – non solo per il ruolo delicato che ha avuto in questa fase di complessa transizione del Credito Cooperativo, ma soprattutto perché è in grado di offrire un catalogo completo per ogni esigenza di un’azienda: dal finanziamento, al leasing, alla finanza strutturata, all’internazionalizzazione”.

“Il mercato è ormai in forte ripresa – ha aggiunto Enrico Duranti, Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa e Presidente di Assilea – e c’è bisogno di continuare a sostenere questo trend di crescita degli investimenti delle imprese. Iccrea BancaImpresa, in vista della formazione del Gruppo Bancario Cooperativo di Iccrea, è pronta a fare ancora di più, per la clientela delle BCC che hanno aderito al nostro progetto, mettendo in campo nuove risorse e nuove forze per le PMI. Inoltre, daremo maggior impulso e dedicheremo ulteriori risorse all’attività di consulenza alle aziende per l’accesso al mercato dei capitali, un comparto dove ci sono ampi margini di crescita a beneficio dello sviluppo delle aziende italiane”.


Scarica il documento (pdf)

Si22/03/2018NewsIccrea BancaImpresa
  
Chi cammina lascia l’impronta …



Il Credito Cooperativo aderisce per il decimo anno consecutivo alla Giornata del risparmio energetico promossa dalla trasmissione "Caterpillar" di Rai Radio2 "M'illumino di meno", di venerdì 23 febbraio. Il claim dell'iniziativa del Credito Cooperativo è: "Chi cammina lascia l'impronta".

L' invito è quello di compiere un gesto di condivisione contro lo spreco di risorse in diversi ambiti del nostro agire quotidiano (alimentazione, trasporti, comunicazione, ecc.) e, in particolare, organizzare attività legate al camminare.

Per i colleghi del Credito Cooperativo di tutte le sedi l'invito è di fare una passeggiata il 23 febbraio e al termine inserire il conteggio dei passi fatti nel contapassi presente sul portale www.sifaprestoadirebanca.it.

Il contatore ci permetterà di tenere il conto di quanti passi, con le diverse iniziative, il Credito Cooperativo farà per "raggiungere", simbolicamente, la Luna.

All'interno delle sedi aziendali verranno adottate delle misure di risparmio energetico, per la giornata del 23 febbraio, in collaborazione con BCC SOLUTIONS, l'azienda del Gruppo Iccrea che gestisce la logistica.

Con l'occasione si svolgeranno attività di sensibilizzazione sui dipendenti sono stati presentati i progetti di risparmio energetico promossi dal Gruppo bancario e dall'intero sistema del Credito Cooperativo.

Si23/02/2018NewsIccrea Banca
  
<em>L’azienda che per prima, in Italia, aveva usato lo strumento di finanza innovativa, torna a farlo col supporto del Gruppo Iccrea.</em>

Iccrea BancaImpresa era già stata coinvolta, nel 2013, nella prima operazione di mini-bond avvenuta in Italia, che aveva visto la CAAR SpA (azienda attiva nell'ingegneria di processo e di prodotto nei settori automotive, aerospazio e ferroviario) protagonista dell’emissione.

Oggi l’azienda piemontese si ripete, con un’emissione di mini-bond di un valore complessivo di 2 milioni di euro e, nuovamente, Iccrea BancaImpresa ha assistito CAAR per il successo dell’iniziativa.

In particolare, l’operazione prevede due emissioni contestuali, del valore complessivo di 2 milioni di euro, sulla piattaforma Extra Mot PRO di Borsa Italiana, con durata a 6 anni di cui 1 anno di preammortamento.

La banca corporate del Gruppo Iccrea, per questo nuovo round, è stata sia tra gli investitori (insieme ad altre 3 BCC e una popolare) sia tra gli arranger insieme alla società ADB.

Scendendo nei dettagli, la prima delle due emissioni ha un valore di 1,7 milioni di euro, con tasso 5,25%, ed è stata sottoscritta da Iccrea BancaImpresa, Banca d’Alba,  Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo di Carrù e Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale, con garanzia del Fondo per le PMI gestito da Mediocredito Centrale. La seconda, invece, ha un valore di 300 mila euro, un tasso dello 4,75% ed è stata sottoscritta da Banca Valsabbina con garanzia FEI.


Si23/02/2018NewsIccrea BancaImpresa
  
L’azienda nel 2017 ha completato la complessa migrazione verso un nuovo sistema informatico.

​Il Consiglio di Amministrazione di BCC CreditoConsumo, la società specializzata nel credito alle famiglie del Gruppo bancario Iccrea, ha approvato il bilancio del 2017. Spicca, tra i risultati comunicati dal CdA, l’utile netto pari a 10,7 milioni di euro  (+8,3%), il miglior risultato da quando l’azienda è stata costituita nel 2010.

I volumi dei finanziamenti alle famiglie, attraverso i prodotti del brand Crediper, toccano invece i 392 milioni di euro nell’arco dell’anno. A questi numeri si aggiunge il perfezionamento di un’operazione, conclusa a dicembre dell’anno passato, di cessione pro-soluto di crediti in sofferenza per un totale superiore agli 8 milioni di euro.

Ma i risultati di BCC CreditoConsumo hanno toccato anche altri fronti. Oltre alla crescita della relazione con il mercato attraverso campagne promozionali e spot televisivi e radiofonici, con la finalità di accompagnare sul territorio le Banche di Credito Cooperativo – banche generaliste per definizione – con l’integrazione di prodotti e competenze specialistiche per i finanziamenti alla famiglia, BCC CreditoConsumo ha affrontato un complesso percorso di migrazione informatica. Un progetto, quello della dotazione di un nuovo sistema informatico, che ha comportato un assetto organizzativo profondamente rivisitato con consistenti efficientamenti. È stata altrettanto rinnovata la struttura commerciale, modellata a seguito dei mutamenti di mercato.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati del 2017 – ha commentato Savino Bastari, Direttore Generale di BCC CreditoConsumo – che per noi ha rappresentato davvero un anno record in cui, oltre ai numeri di bilancio positivi, abbiamo anche valorizzato il ruolo delle risorse, facendo crescere l’organico del 26% rispetto al 2016. E proprio le risorse sono state e saranno il punto di forza della Società. La passione e la professionalità che hanno saputo dimostrare hanno consentito di concludere un anno importante ma allo stesso tempo rappresentano una solida base per affrontare le sfide che ci attendono”.

“Con il nostro brand Crediper abbiamo raggiunto traguardi ambiziosi – ha proseguito Bastari – nella consapevolezza di svolgere appieno il ruolo di supporto alle BCC. Contestualmente, vogliamo fare la nostra parte nella realizzazione del Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea, e del suo ruolo di prima banca locale del Paese una volta che questo sarà costituito”.


Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si22/02/2018Comunicato StampaBCC CreditoConsumo
  
L’operazione è volta a finanziare un portafoglio di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, della potenza complessiva di 6,5 MW.

​Iccrea BancaImpresa e Banca di Verona Credito Cooperativo Cadidavid hanno perfezionato un’operazione di Project Finance per complessivi 15 milioni di euro, per il finanziamento di un portafoglio di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili da 6,5 MW di proprietà di Alps Energy RE Fund. Alps Energy RE Fund è il Fondo Comune di Investimento Immobiliare gestito da Serenissima SGR S.p.A., società di gestione del risparmio con sede a Verona e di proprietà de La Centrale Finanziaria Generale.

La produzione di energia elettrica sarà diversificata attraverso l’utilizzo di impianti foto-voltaici a terra (3,3 MW), impianti biogas da digestione anaerobica di biomasse agricole (3,0 MW) e una piccola centrale idroelettrica.

Il Fondo Alps Energy RE Fund, gestito da Serenissima a partire dal gennaio 2016, è stato costituito e avviato nel 2013 con la finalità di investire in acquisizioni di impianti di generazione elettrica da fonte rinnovabile, in un’ottica di diversificazione geografica e per fonte.

Al mese di dicembre 2017 il Fondo impiega circa 50 milioni di euro, a fronte di sottoscrizioni per 45,5 milioni di euro, in un portafoglio diversificato di impianti da fonti rinnovabili in Italia della potenza complessiva pari a 7,2 MW. Gli impianti finanziati permettono di ottenere una produzione annua di energia rinnovabile di 27 milioni di Kwh, equivalenti a una mancata emissione di CO2 in atmosfera pari a 12.000 tonnellate annue.

Il finanziamento concesso da Iccrea Bancaimpresa e Banca di Verona Credito Cooperativo  Cadidavid consentirà al Fondo di raddoppiare il portafoglio impianti attuale e procedere verso l’obiettivo dei 100 milioni di GAV.

Il pool è stato assistito da BIT S.p.A. per la consulenza tecnica e dallo studio legale DLA Piper per gli aspetti legali.


Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si16/02/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Il Gruppo Iccrea unica azienda privata italiana che continua a credere nell’iniziativa internazionale dedicata ai diplomatici del futuro.

​Il Gruppo bancario Iccrea con il 2018 ha confermato per il secondo anno consecutivo la sua partecipazione al progetto IMUN. IMUN (Italian Model United Nations) rappresenta la più grande simulazione di processi diplomatici organizzata in Italia, dedicata agli studenti dei diversi gradi della scuola, dalle medie inferiori all'università.

Il Gruppo bancario Iccrea, grazie alla collaborazione con l'Associazione United Network, (unico ente italiano organizzatore ad aver sottoscritto un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione), ha offerto a 100 figli dei dipendenti iscritti alle scuole medie superiori la possibilità di partecipare all'iniziativa, sostenendone i costi di iscrizione e finanziando interamente tre borse di studio ai tre studenti più meritevoli che si sono distinti durante le simulazioni.

I Best Delegates che si sono contraddistinti e voleranno a New York per partecipare ai lavori di GCMUN (Global Citizens Model United Nations) sono: Laura Maria Mancarella, Alessandro Ceschel e Federico Maselli. La cerimonia di premiazione si è tenuta lo scorso 26 gennaio presso il Parlamentino nella sede del Gruppo Iccrea di Roma.

"La riconferma di partecipazione all’IMUN è la testimonianza dell’importanza delle relazioni internazionali per il Gruppo Iccrea - ha detto Marco Vernieri, responsabile Risorse Umane del Gruppo – e siamo orgogliosi di contribuire alla formazione dei figli dei dipendenti del Gruppo offrendo loro opportunità uniche nel panorama internazionale ed in contesti ambiziosi come quelli legati al progetto GCMUN".


Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si02/02/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
L’obbligazione è a tasso variabile e di durata triennale

Sono passati poco più di 3 mesi dall’ultimo collocamento (bond senior da 600 milioni, nell’ottobre scorso), e Iccrea Banca è tornata nuovamente sul mercato per fare il pieno di richieste.

Nell’ambito del programma EMTN da 3 miliardi di Euro, Iccrea Banca ha infatti collocato un nuovo bond da 400 milioni di euro, a tasso variabile e di durata triennale, destinato agli investitori istituzionali del mercato domestico e internazionale. Il collocamento, effettuato per la prima volta nel formato “Club Deal”, ha visto Morgan Stanley nel ruolo di Sole Lead Manager, ed è stato  prezzato ad un re-offer pari a 99,7, con un rendimento di Euribor 3 mesi + 110 bps (rispetto a un IPT iniziale pari a Euribor 3 mesi + 120/125 bps).

L’importo del collocamento, inizialmente previsto in 300 milioni di euro, è stata innalzato a 400 milioni a seguito del forte interesse dimostrato dagli investitori per l’operazione.

In termini geografici, il 68% è stato distribuito in Italia. La componente estera, pari al 32%, ha visto una partecipazione del 12% in Benelux, del 9% in UK, del 5% in Svizzera e Austria, del 4% in Spagna e del 2% in altri paesi.

In termini di tipologia di investitori, il 45% è stato sottoscritto da Asset Managers, il 41% da Banche, il restante 14% da Assicurazioni e altri intermediari.

Iccrea Banca esprime soddisfazione per il risultato dell’emissione, in quanto rappresenta un’ulteriore testimonianza di fiducia verso le operazioni di funding da parte del Gruppo Iccrea e, contestualmente, una dimostrazione della solidità delle iniziative del Gruppo a soddisfazione delle esigenze di investimento degli investitori, sia nazionali che internazionali.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si26/01/2018Comunicato StampaIccrea Banca
  
Conclusa un’operazione di leasing finalizzata all’acquisto di 5 locomotive elettriche per il trasporto merci via ferrovia.

​Iccrea BancaImpresa continua a sostenere i progetti di crescita del Gruppo GTS con un finanziamento di 15,2 milioni di euro.

L’operazione, avvenuta in sinergia con BCC degli Ulivi Terra di Bari, è stata appena perfezionata a favore della GTS RAIL SPA sotto forma di leasing per l’acquisto di 5 locomotive elettriche di ultima generazione costruite in Italia da Bombardier Transportation Italy Spa Unipersonale, leader mondiale nel settore.

La ferrovia è nel dna del Gruppo GTS, fondato a Bari nel 1977 che detiene il primato come operatore di trasporto multimodale di merci in Europa per volumi e fatturato annuale, quest’ultimo pari a 87 milioni di euro, e di cui il 70% prodotto all’estero.

"Non escludiamo la quotazione in Borsa in tempi brevi – dichiara Alessio Muciaccia, CEO del Gruppo GTS – Il settore ferroviario è capital intensive per definizione. GTS riesce ad investire grazie alla solidità finanziaria e patrimoniale costruita negli anni ed al supporto del mondo bancario che ha sempre creduto nel nostro progetto di impresa e nel nostro modo di 'fare' impresa in trasparenza. Ma volendo fare il salto dimensionale, in un settore come il nostro dove, in Italia, solo il 5% delle merci viaggia su ferrovia, bisogna avere molte più risorse a disposizione. "La Borsa può essere sicuramente una risposta ed a tal fine a maggio dell’anno scorso abbiamo ottenuto la prestigiosa certificazione Elite di Borsa Italiana che è un primo fondamentale passo in questa direzione", conclude.

"Iccrea BancaImpresa, con questa nuova operazione con il Gruppo GTS - dichiara Enrico Duranti direttore generale di Iccrea BancaImpresa - conferma ancora una volta l’impegno a sostenere i progetti di sviluppo delle imprese del territorio, affiancandosi a importanti realtà locali che si contraddistinguono anche nel panorama nazionale e internazionale. Siamo soddisfatti che con questa azienda si sia creato un rapporto fiduciario - continua Enrico Duranti - GTS Rail rappresenta per noi un importante cliente con risvolti positivi sull’economia territoriale non solo nel breve ma anche nel medio periodo". 


Scarica il comunicato stampa (pdf)


Si23/01/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Guarda il video e scarica la rassegna stampa

Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia entra nel perimetro del Gruppo Iccrea, in attesa degli ok finali di Banca d'Italia e Banca Centrale Europea. Nel video, vengono riassunti i principali passaggi della conferenza stampa organizzata a Trieste, dove si sono presentati i dettagli dell'operazione.

Sono intervenuti, oltre al Presidente di Iccrea, Giulio Magagni, la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, il Presidente di Mediocredito FVG, Emilio Casco, e il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, Massimo Paniccia.


Guarda il video

 


Si18/01/2018NewsIccrea Banca
  
I contenuti della recente operazione relativa a Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia  sono stati presentati oggi a Trieste, nella sede della Fondazione CRTrieste, da Debora Serracchiani e Francesco Peroni, rispettivamente...

​Trieste, 9 gennaio 2018

I contenuti della recente operazione relativa a Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia  sono stati presentati oggi a Trieste, nella sede della Fondazione CRTrieste, da Debora Serracchiani e Francesco Peroni, rispettivamente Presidente e Assessore alle finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Massimo Paniccia, Presidente della Fondazione CRTrieste, Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca, Enrico Duranti Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa e da Emilio Casco, Presidente di Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia.

I presenti hanno sottolineato più volte la soddisfazione per l’intesa raggiunta e come si sia potuti arrivare all’accordo, la cui efficacia è ora subordinata alle autorizzazioni da parte delle Autorità di Vigilanza preposte (Banca d’Italia e Banca Centrale Europea), grazie a un intenso lavoro tra tutti gli attori coinvolti, sia dei rispettivi vertici, sia dello staff. Ciascuna parte ha condiviso l’intento di valorizzare il ruolo di Banca Mediocredito a sostegno delle piccole e medie imprese del Friuli Venezia Giulia e di dare, all’Istituto, un futuro più ampio e ambizioso, anche a livello nazionale, collaborando inoltre al superamento di alcuni ostacoli, indipendenti dalla volontà delle parti, emersi nel corso dell’operazione.

L’accordo amplia la missione di Banca Mediocredito affiancando e implementando le preesistenti attività creditizie e finanziarie erogate in regione, tra cui il credito agevolato, i finanziamenti a medio e lungo termine, le attività di tesoreria degli Enti Pubblici, con ulteriori servizi, tra cui in particolare l’accompagnamento delle aziende al mercato dei capitali. Si accresce anche l’orizzonte della Banca, che mantiene salda la sua sede in Friuli Venezia Giulia e amplia il raggio operativo a tutta Italia, grazie alla rete delle 154 Banche di Credito Cooperativo che hanno pre-aderito al Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea e alla forza che deriva dal fare parte del 4° gruppo bancario nazionale in Italia per attivi, l’unico a capitale totalmente italiano, e con attivi per 148,4 miliardi di euro, un patrimonio complessivo di 12 miliardi di euro, un CET1 Ratio del 15,2% e un Total Capital Ratio del 15,6%.

L’operazione prevede la cessione delle quote di Banca Mediocredito detenute dalla Fondazione CRTrieste al Gruppo Iccrea e un aumento di capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia riservato allo stesso. Il nuovo assetto societario prevede che il Gruppo Iccrea detenga il 51,5%, la Regione Friuli Venezia Giulia il 47% e gli altri soci complessivamente l’1,5%. La Regione, inoltre, mantiene il potere di nominare il Presidente dell’Istituto. Contemporaneamente la Fondazione CRTrieste diventa socio di Iccrea Banca, capogruppo del Gruppo Iccrea. Si tratta del primo caso di ente esterno al Sistema del Credito Cooperativo a entrare nel capitale della Banca, grazie alla modifica del suo statuto che prima ammetteva sinora solamente Banche di Credito Cooperativo.

Il percorso si è avviato 4 anni fa quando la Giunta regionale, ha individuato la necessità di dare un nuovo indirizzo a Mediocredito per il quale sarebbe stato necessario attivare una partnership bancaria di ampio respiro. L’intenzione ha trovato la concordanza dei vari soci della Banca che hanno dato mandato al suo Presidente di perseguire un progetto di crescita in Friuli Venezia Giulia con una nuova progettualità di affiancamento del tessuto industriale.
Iccrea si è mostrata interessata all’operazione, da un lato riconoscendo nell’obiettivo di Mediocredito di intervenire sul territorio una sensibilità affine a quella della propria mission e delle BCC che ne fanno parte, dall’altro intravvedendo l’opportunità di offrire ulteriori opportunità alla propria clientela.
Nel corso di questi anni, alcune situazioni nazionali e internazionali – come il perdurare della crisi economica nazionale, quella di alcuni istituti bancari italiani, la riforma del sistema bancario popolare e cooperativo – non hanno consentito di perfezionare l’operazione.
Vi è stata invece una nuova accelerazione nel corso del 2017 in seguito alla cessione del 70% delle sofferenze più elevate e alla ricapitalizzazione dell’Istituto, che è oggi una delle realtà più sane a livello bancario italiano.
Ciò ha suscitato l’interesse di più partner e tra le offerte pervenute, quella del Gruppo Iccrea è stata reputata la migliore. 

L’accordo siglato il 28 dicembre 2017, necessita ora di attendere l’esito dell’iter autorizzativo da parte delle autorità preposte, Banca d’Italia e Banca Centrale Europea, che si stima possa avvenire in circa 60-90 giorni.

Scarica il Comunicato Stampa completo



Si09/01/2018Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Raggiunta l’intesa tra Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste e il Gruppo bancario Iccrea. Si attendono ora le autorizzazioni da parte di Banca d’Italia e Banca Centrale Europea.


Trieste, Roma, Udine, 28 dicembre 2017.

I principali azionisti di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia, La Regione Friuli Venezia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, hanno sottoscritto un accordo con Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa (rispettivamente capogruppo e banca corporate del Gruppo bancario Iccrea) finalizzato a consentire l’integrazione di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia all’interno del perimetro del Gruppo bancario Iccrea.

Tale accordo, la cui efficacia è subordinata alle autorizzazioni da parte delle Autorità di Vigilanza (Banca d’Italia e Banca Centrale Europea) persegue una duplice finalità: da un lato, valorizzare il Mediocredito Friuli Venezia Giulia nel suo ruolo naturale, ossia quello di sostenere lo sviluppo delle piccole e medie imprese che nascono e operano nella regione; dall’altro, accrescere le risorse e le potenzialità dell’attuale Gruppo bancario Iccrea, in vista del costituendo Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea che nascerà nel corso del 2018, anche in sinergia con le Banche di Credito Cooperativo aderenti al progetto di Gruppo Cooperativo presentato da Iccrea.

Nel dettaglio, l’operazione verrà perfezionata attraverso un aumento di capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia riservato al Gruppo Iccrea, affinché – in linea con i piani di sviluppo che verranno adottati da Iccrea – l’istituto diventi, anche in collaborazione con le BCC aderenti, l’unico centro di competenza per le diverse attività creditizie e finanziarie nella regione, tra cui il credito agevolato, i finanziamenti a medio e lungo termine, le attività di tesoreria degli Enti Pubblici. Verranno altresì sviluppati, attraverso l’istituto, tutti i servizi a valore aggiunto nel segmento corporate con particolare riferimento all’attività di accompagnamento delle aziende al mercato dei capitali.

Inoltre, l’accordo prevede che il Gruppo Iccrea, d’intesa con gli altri azionisti di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia, preservi e valorizzi le risorse e le competenze della banca che, nel corso degli anni, hanno contribuito a sostenere il patrimonio imprenditoriale della regione.

L’operazione contempla infine l’ingresso della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste nel capitale di Iccrea Banca, consentendo così alla Fondazione di essere il primo ente esterno al Sistema del Credito Cooperativo a entrare nel capitale della Capogruppo del Gruppo Iccrea, in coerenza anche con gli obiettivi della riforma del sistema cooperativo italiano.

"La sottoscrizione dell'accordo di partnership industriale con Iccrea segna per Mediocredito una svolta strategica cruciale, ponendo le premesse per un rilancio stabile dell'istituto nel mercato del credito alle imprese – ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani – abbiamo lavorato con forte determinazione per questo obiettivo, in una fase storica segnata da straordinarie complessità di sistema, e nondimeno salvaguardando un asset strategico per l'economia della nostra regione". 

“Questo accordo è particolarmente importante – ha dichiarato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – anzitutto per l’imprenditoria locale del Friuli Venezia Giulia, che necessita di un istituto di mediocredito che si concentri anzitutto sulla sua crescita, dal punto di vista strutturale e finanziario. Inoltre, l’ingresso di Mediocredito Friuli Venezia Giulia nel perimetro del Gruppo Iccrea consentirà al Gruppo di avere ulteriori opportunità da offrire alla clientela delle BCC per un Gruppo Bancario Cooperativo ancora più efficace dal punto di vista delle soluzioni da offrire alla nostra clientela corporate”.

“L’accordo oggi concluso con il Gruppo Iccrea costituisce il punto d’arrivo di un importante percorso che ha visto congiuntamente impegnati i soci, Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, ed il Consiglio d’amministrazione della Banca nel consolidamento patrimoniale e nell’individuazione di un partner industriale, di elevato livello, con una solida conoscenza del territorio in grado di valorizzare al meglio la storia, le competenze ed il ruolo dell’Istituto nei tessuto economico del Friuli Venezia Giulia”, ha concluso il Presidente di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia, Emilio Casco.


Si28/12/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Aumentano le BCC aderenti al Gruppo con l’ingresso di Chianti Banca.

​La riforma del Credito Cooperativo continua a far notizia: mentre si definiscono i numeri dei   futuri Gruppi Bancari Cooperativi.

L’ultima BCC a pre-aderire al progetto di Iccrea è Chianti Banca: una delle BCC più importanti d’Italia.

Oggi si è parlato di questo e altro su Repubblica, che ha riportato dichiarazioni del Direttore Generale Leonardo Rubattu.

Ma nelle ultime due settimane si sono succedute diverse interviste, al Presidente Magagni e ancora al Direttore Rubattu, per fare il punto della situazione sulla riforma e sul progetto di Iccrea Banca. Leggi qui le interviste complete.


Si18/12/2017NewsIccrea Banca
  
Offering an easy, secure & private way to pay

​From today all CartaBCC cardholders (Iccrea Banca’s brand which brings together the payment cards offer to the customers of the Cooperative Banks) will be able to use Apple Pay, which is transforming mobile payments with an easy, secure and private way to pay that’s fast and convenient.

Apple Pay is available on all the CartaBCC cards from over 300 Cooperative Banks in Italy. Apple Pay’s launch represents a further accomplishment in Iccrea’s path to innovation and digitalization. In addition it aims at securing the customer loyalty offering an innovative new payment method, maintaining the benefits of their CartaBCC.

Security and privacy is at the core of Apple Pay. When you use a credit or debit card with Apple Pay, the actual card numbers are not stored on the device, nor on Apple servers. Instead, a unique Device Account Number is assigned, encrypted and securely stored in the Secure Element on your device. Each transaction is authorized with a one-time unique dynamic security code.

“Apple Pay will be an important addition to the online digital transformation occurring in Iccrea Banca - commented Antonio Galiano Head of E-bank in Iccrea Banca and President in Ventis – Our focus on the “satisfaction” of our customers (private and business) is very high. Apple Pay is easy, fast, safe and streghtens our vision of “payments” as a hub to connect our CartaBCC cardholders with our merchants (online and physical)”.

Online shopping in apps and on websites accepting Apple Pay is simple with Touch ID, or just double-click the side button and glance at your iPhone X to authenticate with Face ID. There’s no need to manually fill out lengthy account forms or repeatedly type in shipping and billing information with Apple Pay. When paying for goods and services on the go in apps or Safari, Apple Pay works with iPhone 6 and later, iPhone SE, iPad Pro, iPad (5th Generation), iPad Air 2, and iPad mini 3 and later. You can also use Apple Pay in Safari on any Mac introduced in or after 2012 running macOS Sierra and confirm the payment with iPhone 6 or later or Apple Watch, or with Touch ID on the new MacBook Pro.

Download press release (pdf)

No05/12/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Un modo di pagare facile, sicuro e riservato.

​Da oggi i clienti di CartaBCC (il brand di Iccrea Banca che riunisce l’offerta di carte di pagamento ai clienti delle Banche di Credito Cooperativo) potranno utilizzare Apple Pay, che sta trasformando il sistema dei pagamenti via mobile in modo semplice, sicuro e riservato per acquistare in modo più veloce e conveniente.

Apple Pay è da oggi disponibile per tutte le CarteBCC che possono essere richieste nelle oltre 300 Banche di Credito Cooperativo presenti in Italia. Il lancio di Apple Pay rappresenta un ulteriore traguardo nel percorso di innovazione e digitalizzazione intrapreso dal Gruppo Iccrea nonché di fidelizzazione della propria clientela, a cui viene offerto un innovativo strumento in aggiunta a tutti i premi e vantaggi offerti dalle CartaBCC.

Sicurezza e privacy sono poi fondamentali per Apple Pay. Quando si utilizza CartaBCC con Apple Pay, i numeri della carta non sono conservati sul dispositivo, né dai server di Apple. Viene invece assegnato un numero univoco criptato e protetto nel Secure Element sul dispositivo del cliente. Ogni transazione è autorizzata con un unico codice di sicurezza dinamico.

“Il processo di trasformazione digitale di Iccrea Banca, con Apple Pay, si arricchisce di un ulteriore importante tassello – ha commentato Antonio Galiano, Responsabile E-Bank in Iccrea Banca e Presidente di Ventis – Il focus sulla ‘satisfaction’ dei nostri clienti, ossia aziende e privati, è massimo.  ApplePay è facile, sicuro e veloce e rafforza la nostra visione dei ‘Payments’ come ‘hub’ per connettere i nostri titolari di CartaBCC con i nostri esercenti fisici e online”.

Lo shopping online nelle app e nei siti web che accettano Apple Pay è semplice con Touch ID, o semplicemente con un doppio clic sul pulsante laterale e guardando sullo schermo del proprio iPhone X per l'autenticazione con Face ID. Con Apple Pay non è necessario compilare noiosi moduli o digitare ripetutamente le informazioni di spedizione e fatturazione. Quando si acquistano beni e servizi attraverso app o Safari, Apple Pay funziona con iPhone 6 e versioni successive, e con iPhone SE, iPad Pro, iPad (5a generazione), iPad Air 2 e iPad mini 3 e versioni successive. Si può anche utilizzare Apple Pay in Safari e su qualsiasi Mac (basta che siano sul mercato dal 2012 e con sistema MacOS Sierra), confermando poi l’acquisto con iPhone 6 (o versione successiva), oppure con Apple Watch o con il Touch ID del nuovo MacBook Pro.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si05/12/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Inaugurazione della struttura il 18 novembre, open day del centro natatorio sportivo il 19 novembre.

​Iccrea BancaImpresa insieme al Comune di Merate (Lecco) hanno concluso la prima operazione di Leasing Pubblico su proposta in Italia, finalizzata all’ampliamento dell’impianto sportivo di Merate, che sarà inaugurato il prossimo 18 novembre. Il finanziamento, del valore di circa sei milioni Euro, ha permesso un importante restyling dell’impianto di via Matteotti che sarà in grado di offrire numerosi altri servizi, come un centro benessere e fitness, nuove vasche coperte di cui una riservata alla riabilitazione, una settantina di parcheggi ulteriori e maggiori spazi nella struttura. 

Il Comune di Merate in questo senso ha rappresentato un vero e proprio laboratorio, in quanto il project leasing presentato in Italia ha visto coinvolti: Iccrea BancaImpresa quale Soggetto Finanziatore, Italgreen S.p.A. e Tipiesse S.r.l. di Bergamo quali Soggetti Realizzatori e Gestisport soc. coop. Sportiva dilettantistica come Soggetto Gestore.

La collaborazione tra le diverse figure è avvenuta sin dalla fase progettuale (affidando l’incarico allo Studio di Progettazione J+S di Concorezzo), per poi proseguire in quella realizzativa, finanziaria e ora di gestione dell’opera.

Il progetto di Leasing Pubblico è anche il primo ad avere in Associazione Temporanea d’Imprese il Soggetto Gestore; grazie all’innovativa formula del Partenariato Pubblico-Privato in Leasing, il Comune pagherà un canone di Partenariato, che non incide nei limiti di indebitamento e quindi nei pesanti vincoli imposti per la redazione dei bilanci pubblici, per avere la disponibilità dell’impianto. Il Gestore, invece, si assumerà tutti gli oneri e i rischi relativi alla manutenzione del centro e curandone l'attività per l’intera durata del contratto di partenariato, offrendo un contributo in conto gestione che l'ente incasserà annualmente e che coprirà circa il 50% del costo dell’investimento.

Grazie a questa operazione – e quindi all’impegno dei diversi attori coinvolti che hanno messo a fattor comune comprovate esperienze ed eccellenze- una comunità di 15 mila persone avrà a disposizione un ambiente funzionale e idoneo alla crescita sportiva e al benessere, in primis dei cittadini più giovani.

L’inaugurazione del nuovo impianto sportivo di Merate dimostra infine come l’interazione sinergica tra la Banca Corporate del Gruppo bancario Iccrea e le Istituzioni Pubbliche generi servizi a valore aggiunto per il territorio, mettendo a disposizione strutture a beneficio dell’intera collettività.


Scarica il Comunicato Stampa (pdf)

Si18/11/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Magagni, Iccrea Banca: Banca Sviluppo è fondamentale per le BCC e per il loro Sistema; oggi, coerentemente con la sua mission, riconsegna 9 sportelli alla relazione tra i clienti, famiglie e imprese del territorio, e il Credito Cooperativo locale”.

Banca Sviluppo, la banca del Gruppo bancario Iccrea che è intervenuta in caso di Banche di Credito Cooperativo in difficoltà, ha ufficialmente concluso la procedura di cessione di 9 sportelli in Veneto a Banca Veronese – Credito Cooperativo Concamarise.

L'operazione si inserisce in un più ampio processo di cessione, da parte di Banca Sviluppo, degli sportelli delle BCC rilevati in tutta Italia. La restituzione delle filiali al territorio è, infatti, l'ultima fase del percorso gestito da Banca Sviluppo per assicurare la tutela dei depositi e il mantenimento della relazione del Credito Cooperativo con i propri clienti.

Gli sportelli ceduti facevano capo a BCC Crediveneto, istituto posto in liquidazione coatta amministrativa dal Ministero dell'Economia e delle Finanze nel 2016, e sono stati successivamente assorbiti dalla stessa Banca Sviluppo.

L'operazione permette di raggiungere un duplice obiettivo: anzitutto la restituzione degli sportelli bancari che appartenevano a una BCC al territorio in cui questi operano, contemplando così il fine principale di una Banca di Credito Cooperativo, ossia di continuare a preservare lo sviluppo economico e sociale locale. Di conseguenza, sono stati tutelati anche i depositi di migliaia di clienti, che avevano stretto un legame di business con il Credito Cooperativo locale.

Contestualmente al salvataggio degli sportelli e alla tutela dei depositi, è stata garantita la messa in sicurezza di 48 collaboratori, già presenti nell'organico di Crediveneto e il cui posto di lavoro è stato preservato nel passaggio da Banca Sviluppo a Banca Veronese – Credito Cooperativo Concamarise.

Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea) ha commentato: "La cessione di questi 9 sportelli è frutto di una fondamentale operazione che Banca Sviluppo e tutto il Credito Cooperativo hanno compiuto per tutelare i clienti e i collaboratori di Crediveneto, preservando così, nei limiti consentiti dalla legge, il ruolo di ogni Banca di Credito Cooperativo anche in casi di una sua messa in liquidazione coatta amministrativa. L'intervento, di acquisizione, razionalizzazione e cessione degli sportelli di BCC in difficoltà, rientra nella mission di Banca Sviluppo, necessaria per il Sistema del Credito Cooperativo e per i clienti, famiglie e imprese, che hanno bisogno della continua relazione con le BCC".


Scarica il Comunicato Stampa

Si30/10/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Magagni, presidente di Iccrea Banca: "Un motivo di grande soddisfazione che dimostra l'interesse che suscita in professionisti di primo piano il nostro progetto di Gruppo Bancario Cooperativo".

​A partire dal 1° gennaio 2018 Giorgio Crosina, 60 anni, trentino, laureato in Ingegneria elettronica al Politecnico di Milano, già direttore generale di Phoenix Informatica Bancaria (Trento), sarà il nuovo Chief Information Officer del Gruppo Iccrea, e svolgerà un ruolo rilevante di senior advisor per le questioni ICT (Information and Communication Technolgy) per il Consiglio di Amministrazione.

L’arrivo di Crosina, che è stato il creatore e l’artefice del successo di Phoenix Informatica Bancaria, si inserisce in un piano strutturato di rafforzamento del management del Gruppo bancario Iccrea, in vista del costituendo Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea che si posizionerà tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

Le nuove abitudini dei consumatori, l’evoluzione normativa, il nuovo contesto tecnologico e la presenza sempre più incisiva di nuovi player non bancari, fanno evolvere la modalità di erogazione dei servizi centrata sempre di più su concetti di omnicanalità e di processi realtime, abilitati da architetture informatiche aperte.

In questo contesto, il modello di servizio dell’ICT e del Back Office bancario del Gruppo Iccrea si vanno ridefinendo attraverso una strategia che pone sempre di più al centro il cliente. L’arrivo di Crosina è un ulteriore ed importante passo in questa direzione oramai già delineata.

“La decisione di Giorgio Crosina di mettere la sua pluriennale esperienza al servizio del Gruppo Iccrea – ha dichiarato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca -  è motivo di grande soddisfazione da parte del Consiglio di Amministrazione e dimostra l’interesse che suscita in professionisti di primo piano il nostro progetto di Gruppo Bancario Cooperativo”.

“Per il Gruppo Iccrea – ha detto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – l’arrivo di Giorgio Crosina non rappresenta solo la possibilità di avvalersi dell’esperienza e del know how di uno dei più riconosciuti manager nel settore dell’informatica bancaria. La costante e pluriennale attenzione di Crosina nei confronti delle esigenze delle Banche di Credito Cooperativo, sia nel contesto di un’incessante evoluzione normativa che in quello di un mercato sempre più competitivo, rappresenta per noi un asset fondamentale nell’implementazione della nostra strategia di innovazione nella relazione con i clienti delle BCC”. “Inoltre – ha affermato Leonardo Rubattu – L’inserimento dell’ing. Crosina, rappresenta un tassello essenziale nel rafforzamento della struttura manageriale in vista del nuovo Gruppo Bancario Cooperativo e del processo di graduale convergenza dei sistemi informatici delle 154* BCC aderenti al progetto promosso da Iccrea Banca”. “Nei prossimi mesi continueranno gli inserimenti mirati di professionisti di primo piano in posizioni organizzative chiave – ha concluso Leonardo Rubattu -. Siamo determinati a rispettare le tempistiche condivise con la Vigilanza italiana e europea”

Giorgio Crosina assumerà tutte le funzioni attualmente in capo alla dottoressa Nicoletta Mastropietro che, a partire dal 1° novembre 2017, lascerà il Gruppo Iccrea. Il Consiglio di Amministrazione di Iccrea Banca ringrazia la dottoressa Mastropietro per il prezioso contributo al consolidamento delle piattaforme informatiche del Gruppo Iccrea e le augura il migliore successo nella sua prossima esperienza professionale.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si24/10/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Magagni, Presidente di Iccrea: “Vogliamo continuare a fare la differenza, nel panorama bancario italiano, mantenendo saldi i nostri principi di mutualismo e cooperazione”. Rubattu, Direttore Generale di Iccrea: “Saremo pronti con l’istanza entro dicembre.

Il Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea Banca prende forma. Oggi, all'incontro organizzato a Milano con le Banche di Credito Cooperativo che hanno preaderito al Gruppo Bancario Cooperativo progettato da Iccrea, alla presenza di esponenti della BCE e della Banca d'Italia, sono stati condivisi lo stato dell'arte dei cantieri di lavoro per la costituzione del Gruppo Cooperativo e sono stati divulgati i numeri del futuro Gruppo aggiornati al 30 giugno 2017.

Davanti a più di 500 persone tra Presidenti di BCC e manager del Credito Cooperativo, i vertici del Gruppo Iccrea hanno presentato un Gruppo che, con le 154 BCC preaderenti (a seguito delle fusioni degli ultimi mesi), totalizzerà 2.593 sportelli in tutta Italia, posizionandosi come terzo gruppo bancario per numero di sportelli, e 20.600 collaboratori.

A livello di bilancio consolidato, il Gruppo avrà 148,4 miliardi di euro di attivi, posizionandosi come il quarto gruppo bancario in Italia, e un patrimonio di 12 miliardi di euro. Per quanto riguarda la raccolta diretta del Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea, questa si attesterà sui 131,2 miliardi di euro, mentre gli impieghi a 91 miliardi di euro, con un CET1 Ratio del 15,2%, e un Total Capital Ratio il 15,6%.

"Il Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea, che stiamo costruendo insieme a tutte le BCC che hanno aderito al progetto, vuole fare la differenza – ha detto Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – in un momento in cui il Paese ha un forte bisogno di banche che sappiano essere davvero vicine al territorio. Il nostro progetto coniuga l'esperienza del tutto unica del Credito Cooperativo con le esigenze industriali di un mercato bancario in rapida evoluzione".  

"Saremo la prima banca locale del Paese – ha aggiunto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – e abbiamo intenzione di rispettare i tempi e gli impegni presi con le Autorità di vigilanza italiana ed europea, con cui abbiamo avuto una continua e forte collaborazione. Ma questo risultato è anche frutto di uno straordinario esercizio di cooperazione, con il coinvolgimento di 800 collaboratori provenienti dalle varie realtà del Credito Cooperativo e la realizzazione di più di 200 incontri.

Saremo quindi pronti ad inviare entro dicembre prossimo l'istanza a Banca d'Italia e a essere operativi, secondo quanto previsto dalla norma, nel secondo semestre del 2018".


Scarica il Comunicato Stampa


Si19/10/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Il percorso del Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea continua spedito, e il 19 ottobre, al Palazzo del Ghiaccio di Milano, ci sarà un nuovo incontro con le BCC che hanno preaderito al Gruppo.


 

"Insieme costruiamo il nostro futuro. La Prima Banca Locale del Paese" è il titolo dell'evento, che vede partecipare tutte le 153 Banche di Credito Cooperativo che hanno sposato il progetto di Iccrea Banca, dove si farà il punto della situazione sui lavori sviluppati dai Cantieri di lavoro e si tracceranno i prossimi passi verso la costituzione formale del Gruppo Bancario Cooperativo.


Si16/10/2017NewsIccrea Banca
  
L’obbligazione è a tasso fisso e di durata quinquennale.

Nell’ambito del programma EMTN da 3 miliardi di Euro, Iccrea Banca ha collocato un bond da 600 milioni di euro, a tasso fisso e di durata quinquennale, con un rendimento pari a 135 punti base sopra il tasso mid swap di pari scadenza. La nuova emissione paga un tasso fisso annuo dell’1,50% con un reoffer price a 99,59 a cui corrisponde un rendimento dell’1,586%.

A distanza di circa otto mesi dall’ultima emissione senior collocata sull’Euromercato, Iccrea Banca è tornata sul mercato finanziario internazionale con un nuovo bond Senior che anche in questa occasione ha riscosso un importante interesse presso una vasta platea di investitori istituzionali, sia italiani che esteri.

In un contesto di mercato caratterizzato da significativa volatilità riconducibile a fattori geopolitici, Iccrea Banca, con il supporto di Barclays, BNP Paribas, Mediobanca e Unicredit come joint book runners e di Banca Akros come co-dealer, è riuscita ad incontrare l’interesse di oltre 150 investitori istituzionali domestici (in cui si evidenzia anche il significativo contributo proveniente da 70 Banche di Credito Cooperativo, cui sono stati allocati € 200 milioni) e dai principali paesi europei (Austria, Benelux, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Svizzera ecc.). A questi ultimi è stato allocato il 14% del totale in emissione.

Complessivamente sono stati raccolti ordini per oltre 900 milioni di euro, a fronte dei quali Iccrea Banca ha deciso di incrementare l’ammontare inizialmente previsto di 500 milioni di euro a 600 milioni. Il successo dell’operazione manifesta ancora una volta la visibilità e la dinamicità di Iccrea Banca quale intermediario di riferimento del Credito Cooperativo, a testimonianza del grado di affidabilità raggiunto nel contesto finanziario internazionale.


Scarica il Comunicato Stampa (pdf)

Si05/10/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
EdiliziAcrobatica spa, specializzata in edilizia operativa su doppia fune di sicurezza, ha emesso oggi un minibond quotato all'ExtraMot Pro.

L'emissione, per complessivi 5 milioni di euro, è suddivisa in due tranche entrambe a scadenza 2023.​

Le obbligazioni sono state sottoscritte da Iccrea BancaImpresa: la prima tranche, da 3 milioni di euro, è assistita dalla garanzia Innovfin-Fei e paga una cedola fissa del 4,0%, mentre la seconda tranche, senza garanzia, paga una cedola del 5%.

Nell'operazione EdiliziAcrobatica è stata assistita da Emintad Italy in qualità di financial advisor dell'emittente, da Iccrea BancaImpresa, Adb e Banca Intermobiliare nel ruolo di arranger dell'operazione, e da LCA Studio legale in qualità di legale dell'emittente. Pedersoli Studio Legale ha agito quale consulente legale degli arranger.

Grazie alle risorse finanziate da Iccrea BancaImpresa, EdiliziaAcrobatica potrà accelerare il suo piano di sviluppo che ha l'obiettivo di continuare a rivoluzionare il modo di fare edilizia nel mondo.


Si29/09/2017NewsIccrea BancaImpresa
  
Aperti i servizi POS per 106 milioni di carte del circuito JCB.

​Iccrea Banca e JCB International (uno dei più importanti player globali nei sistemi di pagamento) hanno siglato un accordo commerciale grazie al quale le carte emesse nel circuito JCB potranno essere utilizzate nei terminali POS (Point Of Sale) operanti con Iccrea Banca.

Si tratta di più di 106 milioni di carte di credito per un numero iniziale di almeno 70.000 POS ma che arriverà, gradualmente, alla soglia di 150.000.

La partnership produrrà due conseguenze di primo livello: da un lato, rafforzerà la presenza di JCB nel mercato italiano, incrementando l’accettazione della carta ed i vantaggi per i titolari di carte JCB dall’altro, contribuirà a fornire ulteriori leve a Iccrea Banca per accrescere le opzioni di pagamento destinate ai suoi clienti.

L’accordo evidenzia il ruolo del Gruppo bancario Iccrea (anche con Iccrea Banca) come punto nodale per lo sviluppo capillare, all’interno del Credito Cooperativo, dei servizi nati in collaborazione con partner esterni alle BCC, fornendo – in questo caso – alle Banche di Credito Cooperativo e ai loro clienti una risorsa in più per le esigenze dei possessori di carte JCB. Secondo elaborazioni realizzate dall’ENIT, nel 2015 si sono registrati più di 1 milione di arrivi dal Giappone sul territorio italiano evidenziando, contestualmente, che il turista giapponese è il “top spender” (tra quelli provenienti da tutto il mondo) con una cifra di spesa media pari a 193 euro al giorno.

Inoltre, Iccrea Banca e JCB International intendono unire gli impegni nel settore e-commerce, al fine di garantire il mantenimento degli standard di sicurezza, e coopereranno per consentire l’utilizzo di J/Secure come sistema di autenticazione del titolare di carta.

“Come Iccrea Banca siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto con JCB International – ha commentato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – anzitutto perché accresciamo la qualità dei servizi offerti dalle Banche di Credito Cooperativo ai titolari di carte JCB in visita in Italia per lavoro o turismo. Dopo l’accordo con la cinese Unionpay continuiamo quindi ad arricchire la gamma dei servizi che Iccrea Banca offre sul fronte della monetica alle BCC e ai loro clienti. Quest’ultima partnership infatti rappresenta un’ulteriore risorsa per Iccrea Banca, uno dei maggiori player in Italia sul fronte Acquiring, per incrementare la propria quota di mercato, fornendo alla rete esercenti convenzionati un nuovo e significativo strumento di accettazione”.

Mr. Tsuyoshi Notani, Managing Director, JCB International (Europe) Ltd., ha affermato: “l’Italia è una delle destinazioni più frequentemente visitate dai turisti asiatici ed europei, pertanto è un obiettivo chiave per noi. Al fine di soddisfare le esigenze dei clienti, JCB si sforza di espandere il proprio network in Italia. Siamo lieti di accogliere ICCREA come nuovo partner JCB, dal momento che ICCREA – attraverso la rete di BCC – permetterà un’accettazione su base nazionale. I titolari di carte JCB potranno beneficiare di un’accettazione più ampia, la quale porterà ulteriori vantaggi”.

JCB è uno dei maggiori circuiti di pagamento a livello globale ed una realtà leader in Giappone nel campo Issuing ed Acquiring. JCB ha lanciato il proprio business in Giappone nel 1961 ed ha iniziato ad espandersi fuori dai confini nazionali nel 1981. Come parte della propria strategia di crescita internazionale, JCB ha stipulato accordi con centinaia di banche ed istituti finanziari in tutto il mondo, al fine di ampliare il network di esercenti e titolari di carte. Essendo un fornitore di servizi di pagamento assai completo, JCB si impegna ad offrire servizi e prodotti competitivi e di alta qualità ai propri clienti in tutto il mondo. Ad oggi, le carte JCB sono accettate a livello globale ed emesse in 23 Paesi.

Negli ultimi anni, la varietà dei Servizi offerti da JCB si è ampliata ed evoluta, così come la sua presenza nel mercato europeo, fornendo ai clienti un sistema di pagamento semplice e sicuro. Attualmente, le carte JCB sono accettate da esercenti di tutto il mondo. Attraverso la partnership con ICCREA, JCB potrà continuare a sviluppare l’utilizzo e l’accettazione delle carte in Italia, aumentando il numero di esercenti. L’accordo accresce inoltre la visibilità del marchio, a tutto vantaggio dei clienti.

Nota: le statistiche sono aggiornate a marzo 2017.


Scarica il Comunicato Stampa (pdf)

Si28/09/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
L’azienda emiliana specializzata in noleggio a lungo termine incrementerà la flotta da 33 mila a 51 mila veicoli entro il 2020

​Iccrea BancaImpresa è capofila di un maxi pool di Banche di Credito Cooperativo per un finanziamento di 35 milioni di euro a Car Server spa, azienda emiliana specializzata in noleggio a lungo termine.

L’operazione, gestita dal Centro Impresa di Bologna – Area Affari BCC Centro-Sud, vede il più alto numero di BCC coinvolte nella storia della banca corporate del Gruppo Iccrea, e raggruppa 30 Banche di Credito Cooperativo (oltre alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige) dislocate in tutta Italia: 3 BCC in Emilia Romagna, 4 BCC in Veneto, 1 BCC in Friuli Venezia Giulia, 7 BCC in Lombardia, 2 BCC in Piemonte, 6 BCC in Toscana, 1 BCC in Umbria, 2 BCC in Campania, 2 BCC in Abruzzo, 2 BCC in Puglia.

Il finanziamento, strutturato attraverso un mutuo chirografario, ha la principale finalità di sostenere gli investimenti di Car Server volti a incrementare la flotta, secondo il piano poliennale 2017-2020, dagli attuali 33 mila veicoli a 51 mila veicoli, e conseguentemente le immatricolazioni annue da 9 mila a 14 mila.

L’operazione dà continuità alla partnership tra il Gruppo Iccrea e Car Server, siglata da Iccrea BancaIm-presa nel 2013. Oggi, se da una parte la banca corporate del Credito Cooperativo ha investito nel capitale dell’azienda emiliana detenendo una quota pari al 19% del capitale, dall’altra le Banche di Credito Coo-perativo possono offrire alla loro clientela corporate prodotti e soluzioni proposte dalla più grande azienda di noleggio a lungo termine a capitale interamente italiano.

Car Server è infatti l’unica realtà del settore ad aver adottato una rete di 20 Filiali sul territorio gestite da personale dipendente proprio e può contare su un parco di servizio di oltre 2.000 veicoli a disposizione e oltre 7.500 centri di assistenza convenzionati.

“Un’operazione di questo peso dà ulteriore conferma alla direzione che sta prendendo tutto il Gruppo Iccrea accanto alle BCC nell’ambito della riforma del Credito Cooperativo – ha commentato Enrico Duranti, Direttore Generale di Iccrea Banca Impresa –. Essere il fulcro di attività a servizio del territorio che sap-piano mettere insieme l’impegno delle BCC e il loro contributo a realtà importanti dell’economia italiana. È la prima volta che Iccrea BancaImpresa coinvolge un numero così alto di Banche: è un segno che le modalità di collaborazione stanno cambiando”.

“L’impegno di Iccrea BancaImpresa e dell’intero mondo delle BCC è fondamentale per riuscire a raggiun-gere gli obiettivi sfidanti del nostro piano poliennale – ha aggiunto Giovanni Orlandini, Amministratore Delegato di Car Server -. Il fatto che istituti così prestigiosi credano in questo progetto ci dà, oltre a risorse per noi necessarie, rinnovata fiducia e stima, facendoci proseguire ancora più responsabili e consapevoli nella realizzazione del piano approvato dai nostri Soci”.

Scarica il Comunicato Stampa (pdf)

Si20/09/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Nell’operazione ha partecipato anche Friulia Finanziaria FVG con un contributo di circa 6 mln di euro per l’aumento di capitale dell’azienda trevigiana.

Iccrea BancaImpresa insieme a BCC Pordenonese hanno partecipato a un'operazione di finanza straordinaria a beneficio di Cappellotto (azienda trevigiana leader mondiale negli allestimenti su veicoli industriali per l'aspirazione di scarichi fognari, di materiali secchi o polverosi, di materiali solidi, macchine per la pulizia idrodinamica delle canalizzazioni e per il trasporto di rifiuti pericolosi).

L'operazione ha visto realizzare un finanziamento di 14 milioni di euro organizzato da Iccrea BancaImpresa insieme a BCC Pordenonese (comprensivo anche di linee necessarie al sostegno del capitale circolante e degli investimenti), finalizzato a sostenere l'acquisizione da parte di Alberto Cappellotto (già socio al 33%) del controllo dell'intera azienda, nell'ambito di un programmato ricambio generazionale.

Inoltre, l'operazione è volta anche a favorire lo sviluppo ulteriore del business dell'azienda nei mercati internazionali e a trasferire la propria sede in Friuli Venezia Giulia, a Fontanafredda. Al finanziamento si è aggiunto anche il contributo di 6 milioni di euro di Friulia Finanziaria FVG, destinato all'aumento di capitale dell'azienda.

Fondata nel 1953 a Gaiarine (TV) dalla famiglia Cappellotto, l'azienda ha raggiunto un giro d'affari di 50 milioni di euro nel 2016 e, ad oggi, impiega circa 215 addetti suddivisi tra lo stabilimento trevigiano, i due di Fontanafredda (PN) e nel nuovo sito produttivo di Verona, acquisito da poco ed esporta il 55% del proprio giro d'affari in oltre 50 paesi.

Con l'operazione Cappellotto Iccrea BancaImpresa conferma ancora una volta il proprio impegno nel supportare le migliori PMI Italiane nei propri processi di passaggio generazionale e di internazionalizzazione.

Scarica il Comunicato Stampa


Si08/09/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Beneficiaria del finanziamento l’azienda agricola Sfera, una start up innovativa che studia la produzione e la commercializzazione di ortaggi coltivati con metodi idroponici.

​Iccrea BancaImpresa, in pool con 2 Banche di Credito Cooperativo, è capofila di un finanziamento per un importo complessivo di 11,4 milioni di euro, destinato alla realizzazione di una serra high – tech di 13 ettari a Gavorrano (provincia di Grosseto).

Il finanziamento è strutturato tramite tre linee di credito, di cui una – del valore di 3 milioni – assistita da garanzia InnoVfin - FEI (Fondo Europeo per gli investimenti).

Beneficiaria del finanziamento è la Sfera Società Agricola RL, start up innovativa costituita nel 2016 che ha realizzato nel territorio grossetano l’importante progetto.

La serra, che verrà ultimata entro il 2017, sarà la più grande serra idroponica d’Italia: 13 ettari di impianto su un lotto di 22 ettari. Tale tipologia di coltivazione, detta idroponica, presenta diversi vantaggi rispetto a quelli tradizionali su terra, quali: il risparmio di spazio, il minor utilizzo di acqua (ben il 90% in meno rispetto all’agricoltura tradizionale), rischi inferiori di malattie e problematiche legati alla coltivazione, una maggior tutela dell’ambiente ed una migliore qualità della produzione ottenuta.

Accanto alla serra sorgeranno anche sistemi agroforestali per la conservazione delle biodiversità. Un progetto ecosostenibile a 360 gradi, dunque, che puntando sull’innovazione tecnologica e non sulla chimica di pesticidi e fertilizzanti produrrà pomodori, insalate ed erbe aromatiche molto più che «biologiche». I parassiti del pomodoro saranno quindi combattuti con un vero e proprio esercito di coccinelle «mercenarie», assoldate nel progetto Sfera.

«Sfera» porterà alla Maremma oltre 19 milioni di euro in capitali e oltre di 100 posti di lavoro.

Con tale operazione, il Credito Cooperativo locale insieme ad Iccrea BancaImpresa conferma il proprio ruolo di sostenitore allo sviluppo economico e sociale del territorio, affiancando giovani realtà che investono per offrire alla collettività nuove tecnologie nel settore dell’agricoltura.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si10/08/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Manuel Nacmias nominato coordinatore nazionale del progetto di bancassicurazione delle Agenzie di Riferimento Territoriali.

​Il Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea continua il suo progetto di sviluppo del segmento di bancassicurazione, sia per il ramo vita che per il ramo danni, un comparto fondamentale per la crescita della qualità del servizio sul territorio da parte delle Banche di Credito Cooperativo che hanno manifestato l’adesione al progetto di Iccrea.

Il nuovo tassello del mosaico (la cui realizzazione è stata avviata già nel maggio scorso) è l’attivazione del coordinamento e dello sviluppo delle attività assicurative delle Agenzie di Riferimento Territoriali Assicurative (ART), attualmente presenti in alcune regioni (Veneto, Toscana, Marche, Lazio, Sicilia e Abruzzo) e inserite nei rispettivi contesti della Federazione locale delle BCC di riferimento.

Per queste finalità, il Consiglio di Amministrazione di Iccrea Banca ha nominato Manuel Nacmias coordinatore nazionale delle attività di bancassicurazione del Gruppo bancario Iccrea (per il tramite delle Agenzie di Riferimento Territoriali) che assumerà formalmente l’incarico a partire dal prossimo 1° Ottobre.

Nacmias, 55 anni, già Direttore Generale di ASSI.CRA.VENETO Srl (l’Agenzia di Riferimento Territoriale per il Veneto) ha maturato un’approfondita esperienza nel comparto assicurativo in primarie società di assicurazioni (quali La Fondiaria Assicurazioni, HDI Assicurazioni, CBA Vita-Banca Sella, Assimoco Vita), dove, con diverse posizioni fino a quella di Direttore Tecnico, si è occupato di costruzione dei prodotti assicurativi, assistenza e consulenza alle Reti di vendita, organizzazione, formazione, supporto in ambito regolamentazioni e normative.

Le Agenzie di Riferimento Territoriali si occupano infatti di promuovere e diffondere la cultura assicurativa nel Credito Cooperativo, proponendosi come interlocutrici professionali nei rapporti tra primarie Compagnie di Assicurazione e le BCC. In quest’ottica, offrono un'attività di supporto di particolare ampiezza nei confronti delle Banche che, al momento, spazia dallo studio e selezione dei prodotti, al supporto alla vendita e allo svolgimento delle attività di back office o post vendita.

Le attività svolte dalle Agenzie sul territorio rientreranno quindi nel progetto del futuro Gruppo bancario cooperativo di Iccrea, con un coordinamento centrale da parte della Capogruppo al fine di una prossima integrazione complessiva a supporto di tutte le Banche di Credito Cooperativo aderenti al progetto.

 “Grazie all'esperienza in Assimoco Vita e a quella attuale in ASSI.CRA. VENETO – ha commentato Nacmias dopo la sua nomina – ho apprezzato la realtà delle BCC che ogni giorno operano con serietà e professionalità a sostegno dello sviluppo dei territori. Accolgo quindi questa nuova opportunità con estremo entusiasmo, felice di mettere le mie energie a disposizione del Gruppo bancario Iccrea in collaborazione con le altre Agenzie di Riferimento Territoriali”.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si28/07/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Il 22 giugno scorso a Roma si sono riuniti i vertici aziendali di tutte le BCC che hanno scelto Iccrea come Capogruppo del nuovo Gruppo bancario Cooperativo per gettare le basi di un futuro comune.

Si è tenuto a Roma, presso gli Studios di Cinecittà, l'importante evento che ha visto la partecipazione dei presidenti e dei direttori generali delle BCC che hanno scelto e aderito formalmente a Iccrea. Per 162 assemblee degli azionisti la scelta è stata infatti Iccrea. Grande la partecipazione, 141 banche presenti su 162, per il kick off del nuovo Gruppo bancario Cooperativo.

La giornata ha rappresentato un importante momento di approfondimento in termini di comunicazione strategica e istituzionale ed è stata un'occasione di confronto e di rafforzamento della volontà comune di «costruire insieme» il nuovo Gruppo bancario Cooperativo Iccrea.

Ma è stato anche il momento per condividere nel concreto lo stato avanzamento lavori del progetto industriale di Iccrea. La Capogruppo, infatti, si è data come obiettivo principale quello di presentare l'istanza come Gruppo Cooperativo entro la fine del 2017. Un obiettivo sfidante senza dubbio, ma anche una grande opportunità. Si tratta di un cambiamento epocale che necessita di una profonda riorganizzazione.

Come affronta tutto questo Iccrea? Anzitutto lo affronta insieme alle 162 banche che l'hanno scelta e che le hanno dato fiducia. E poi attraverso un articolato progetto con tre direttrici chiave. Ecco le tre anime del progetto Iccrea: Programma Risk, Programma Governo e Programma Mercato.

Programma Risk

Obiettivo dello Schema di Garanzia e dei suoi meccanismi di funzionamento è assicurare la stabilità complessiva del Gruppo e delle singole banche aderenti attraverso la definizione dell'assetto e del modello di funzionamento delle funzioni di controllo, la definizione di un sistema di indicatori di early warning finalizzato al monitoraggio del profilo di rischio delle BCC, la definizione dell' impianto di assunzione (Politiche e Processi), gestione e controllo dei rischi e infine la definizione dello schema di garanzia costituito da framework metodologico e modello di funzionamento. Di tutto questo ne ha parlato Fabrizio Iannarelli, Chief Risk Officer di Iccrea Banca e responsabile del Programma Risk.

Programma Governo

Giovanni Boccuzzi, Vice Direttore Generale di Iccrea Banca, ha invece approfondito le tematiche del Programma Governo di cui è responsabile. Il programma di governo rappresenta un trade-off tra un modello conforme alla disciplina dei gruppi bancari e un modello che assicuri le finalità mutualistiche delle BCC.  Il rispetto delle disposizioni della Capogruppo è infatti assicurato da un'attività di controllo e intervento proporzionata alla rischiosità delle banche aderenti tale da garantire le finalità mutualistiche delle banche di credito cooperativo.

Programma Mercato

Infine Riccardo Corino, Direttore Generale di Banca D'Alba e responsabile del Programma Mercato ne ha descritto obiettivi e caratteristiche definendo il nuovo Gruppo bancario Cooperativo "una casa comune di cui bisogna prendersi cura". Il Programma Mercato si pone come obiettivo la creazione di valore per il Credito Cooperativo: banche, soci, famiglie, imprese, persone e territori. Tutto ciò attraverso la definizione del modello distributivo e commerciale per sviluppare le potenzialità del territorio e della clientela, la definizione del modello del credito, del modello della finanza e della tesoreria, dell'offerta rivolta a clientela retail e infine la definizione dell'articolazione e del funzionamento delle sedi territoriali.

Ma che aspetto avrà il nuovo Gruppo bancario Cooperativo che si va costituendo? Proviamo a guardarlo più da vicino anche attraverso qualche numero.

Il Gruppo che si sta formando può contare su 162 BCC aderenti, pari a quasi 2.600 sportelli che rappresentano il 60% del totale degli sportelli del sistema. Con una omogena copertura nazionale tra nord centro e sud del paese (58 BCC al nord, 52 al centro e 52 al sud). Fondi propri pari a 10.491€/mln ossia il 50% del totale del sistema e un attivo di 125.753€/mln che rappresenta il 60 % del totale del sistema. Considerando i dati consolidati del Gruppo bancario Iccrea e delle 162 banche aderenti, il Gruppo bancario Cooperativo promosso da Iccrea diventa il 3° gruppo bancario italiano per sportelli e il 5° per attivo, ma soprattutto è, di fatto, la prima banca locale del paese.

Banca locale però non significa essere solo banca tradizionale, il nuovo Gruppo si dimostra capace di ascoltare le nuove esigenze di mercato dove insistono nuovi brand che stanno stravolgendo le dinamiche della domanda e dell'offerta. In questo contesto il Gruppo offre le soluzioni di Satispay e di Ventis ma anche il recente accordo con Apple Pay quale ulteriore leva per attrarre i clienti delle BCC ma soprattutto per stare al passo coi tempi.

Tradizione e innovazione, vicinanza, territorio e comunità ma anche solidità, forza e futuro. Ecco le due anime del nuovo Gruppo Cooperativo promosso da Iccrea. Nelle parole di Leonardo Rubattu, direttore generale di Iccrea Banca, occorre soprattutto "parlare di 'Noi', dove il Gruppo vuole solo rappresentare il motore che permetterà alle BCC di decollare".

L'intera giornata di lavori si è conclusa con la premiazione di Inscore. Obiettivo di Inscore è quello di evidenziare i risultati raggiunti dalle banche, individuando le BCC che si sono distinte in termini di operatività con le diverse società del Gruppo nei diversi segmenti di offerta: Retail, Corporate ed Institutional. Oltre 50 BCC hanno ricevuto un riconoscimento per essersi classificate in prima, seconda o terza posizione, all'intero di una o più categorie di business, susseguendosi sul palco in una vera e propria maratona di premiazioni che ha saputo rappresentare al meglio la profonda connessione che lega le banche al Gruppo e il Gruppo alle banche.

Si20/07/2017NewsIccrea Banca
  

L’Assemblea di Iccrea Banca, la capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, ha approvato il progetto di bilancio 2016.

A seguito della fusione per incorporazione inversa della ex Iccrea Holding in Iccrea Banca effettiva dal 1 ottobre 2016, che ha comportato la riesposizione degli schemi di Stato Patrimoniale e Conto Economico e quindi l’aggregazione dei dati relativi all’esercizio 2015 delle due entità al netto delle partite infragruppo, l’utile di esercizio 2016 di Iccrea Banca si è attestato a 21,1 milioni di euro. Il patrimonio è di 1,6 miliardi di euro, mentre i ratios patrimoniali vedono il Common Equity Tier 1 ratio al 40,75% e il Total Capital ratio al 44,25%. Su base consolidata il CET1 si è attestato al 12,13%, ben al di sopra del 9,5% richiesto dalla BCE nel processo di valutazione prudenziale SREP per il 2016, e il TCR al 13,3%.

Questi risultati non solo confermano il ruolo di Iccrea anche in vista del futuro impegno come capogruppo del Gruppo bancario cooperativo, ma evidenziano l’efficacia delle attività messe in campo a fronte di un 2016 particolarmente complesso. L’operatività svolta da Iccrea Banca e dalle aziende controllate ha consentito infatti una retrocessione di commissioni alle BCC – che hanno veicolato i prodotti e servizi del Gruppo – per circa 350 milioni di euro, che si aggiungono agli 11,2 milioni di euro di dividendi distribuiti in corso d’anno per tutte le BCC Azioniste.

Nell’anno appena trascorso, in linea con il piano industriale 2015-2017, Iccrea Banca è diventata la nuova Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea (a seguito della già citata fusione inversa con Iccrea Holding), così da dotare il Gruppo di una capogruppo con licenza bancaria e, al contempo, di un nuovo assetto di governance in linea con le aspettative della BCE. Tale operazione ha implicato una necessaria riorganizzazione della nuova Capogruppo, in vista delle attività propedeutiche alla costituzione del Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea e per garantire, parallelamente, un’attenzione ancora più puntuale alle esigenze delle BCC.

Nel 2016 Iccrea Banca e le Società controllate facenti parte del Gruppo hanno continuato a fornire sostegno alle BCC di tutta Italia sotto il profilo finanziario, creditizio e sul versante dei servizi, sostenendo e accompagnando l’operatività delle stesse nei rapporti con la loro clientela.

Tramite Iccrea le BCC hanno continuato a beneficiare di risorse finanziarie attraverso l‘accesso ai mercati interbancari e alle operazioni di rifinanziamento presso la BCE; l’intermediazione di tali capitali si è mantenuta costante intorno ai 22 miliardi di euro. A questi si aggiungono circa 8 miliardi di euro di giacenze medie di risorse amministrate rivenienti dalla liquidità detenuta dalle BCC.

Si è confermata significativa l’operatività nell’ambito dei servizi di pagamento con un transato nella monetica di circa 38 miliardi di euro; 290 milioni di transazioni sono state eseguite nell’ambito dei sistemi di pagamento.

Nell’ambito del credito alle imprese clienti delle BCC, Iccrea BancaImpresa e le altre società da lei controllate (BCC Lease e BCC Factoring) hanno realizzato nuovi impieghi per 3,5 miliardi di euro; un risultato in netta crescita rispetto a quello dell’anno precedente (+20%) a dimostrazione di un incrementato impegno a sostenere la vocazione delle BCC a favorire lo sviluppo dei loro territori.

Sul versante dei crediti alle famiglie, con la controllata BCC CreditoConsumo il Gruppo Iccrea ha supportato l’attività delle BCC erogando crediti per 424 milioni di euro e registrando una crescita dell’8,4% rispetto al 2015.

Nel segmento del wealth management la controllata BCC Risparmio&Previdenza ha realizzato una performance positiva in termini di raccolta netta per 1,6 miliardi di euro, raggiungendo un livello di masse gestite di circa 13 miliardi di euro.

A livello consolidato, il 2016 è stato caratterizzato da eventi di carattere straordinario che hanno influenzato il risultato d’esercizio, quali la contribuzione straordinaria al Fondo di Risoluzione Nazionale delle crisi (previsto dalla BRRD) per 46 milioni di euro, la svalutazione della partecipazione nel Fondo Atlante per 10 milioni di euro, lo stanziamento per il Fondo di Solidarietà per 26 milioni di euro e altri eventi straordinari per 7 milioni di euro. Tali numeri hanno determinato un risultato netto consolidato negativo per 24 milioni di euro. Al netto di queste partite straordinarie (comprese anche quelle di valore positivo) il risultato netto normalizzato sarebbe stato un utile di 28,5 milioni di euro.

“Iccrea Banca, nel rispetto degli investimenti di ciascuna BCC azionista, ha chiuso il 2016 remunerando il capitale investito con dividendi per oltre 11 milioni di euro complessivi – ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – Questi numeri testimoniano il continuo supporto dato da Iccrea al Credito Cooperativo su tutti i fronti, compreso quello che vede le BCC sui loro territori di origine a fianco delle famiglie e soprattutto delle PMI italiane che rappresentano la leva più importante per la ripartenza economica del Paese”.

“Iccrea Banca è una realtà che oggi è profondamente mutata e sta dimostrando risultati sempre più importanti - ha affermato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – Nel primo trimestre del 2017 la Banca ha registrato un utile pari a 11 milioni di euro e ha messo a segno numeri rilevanti, grazie all’intensa collaborazione con le BCC sul territorio, con proposte e soluzioni che costruiamo in casa”.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si23/06/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Enrico Duranti, Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa è stato nominato alla presidenza dell'Associazione italiana del leasing nel corso del Consiglio, svoltosi oggi dopo la presentazione del Rapporto annuale leasing.

Il neo eletto rileva il testimone da Corrado Piazzalunga, che lascia il settore della locazione finanziaria per altro incarico nel Gruppo Unicredit.

"La mia nomina, che accetto con orgoglio, è la sintesi di un percorso” - ha detto Duranti al termine del Consiglio – “che mi sento di condividere anche con chi, ogni giorno in tutte le società di leasing associate ad Assilea e in Iccrea BancaImpresa, si impegna per accompagnare le imprese italiane nella loro crescita, attraverso investimenti che concorrono alla competitività delle nostre aziende in Italia e nel mondo. Il ruolo che mi viene assegnato oggi testimonia il contributo che le banche locali forniscono allo sviluppo dell’economia anche alla luce dell’imminente costituzione del gruppo bancario cooperativo da parte di Iccrea Banca, secondo quanto previsto dalla recente riforma del settore".

Romano, 55 anni, Enrico Duranti è dal 2009 il Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa.

Laureato con lode in economia e commercio presso l’Università La Sapienza di Roma, ha conseguito un Master in Business Administration presso la Manchester Business School e si è abilitato alla professione di Dottore Commercialista e revisore dei conti. Prima di assumere la direzione generale di Iccrea BancaImpresa ha operato per diversi anni nella settore della finanza straordinaria, sia nell’ambito del corporate finance e M&A che del private equity, sia in Italia che all'estero. E' nel Credito Cooperativo dal 2001, prima come Amministratore Delegato di BCC Capital e BCC Private Equity, e dal 2005 quale responsabile delle attività di Finanza Straordinaria in Banca Agrileasing (in seguito Iccrea BancaImpresa).

Duranti è attualmente consigliere di amministrazione di Assilea e Leaseurope, di cui è stato anche recentemente Presidente per il biennio 2014-2016.

In passato Enrico Duranti è stato membro del consiglio di amministrazione di diverse società industriali italiane.

Rimane invariata la composizione del Consiglio Assilea, il cui mandato scade nel 2018.

Si16/06/2017NewsIccrea Banca
  
Magagni, Presidente di Iccrea: “Pronti a essere il 3° gruppo in Italia per sportelli e il 5° per attivi”.

Il Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea Banca ha ricevuto, ad oggi, adesioni da parte di 162 Banche di Credito Cooperativo. Al netto delle adesioni agli altri due gruppi bancari cooperativi che al momento sono in fase di costituzione, si tratta di un numero che mostra importanti evidenze sotto il profilo sia della diffusione nazionale sia, più in generale, dei volumi e delle masse gestite.

Complessivamente, le 162 BCC pro-Iccrea vantano fondi propri pari a 10,5 miliardi di euro (rappresentando il 57% dei fondi propri complessivo del Credito Cooperativo) e 125,7 miliardi di euro di attivi (il 60% del totale del Sistema). Inoltre, al progetto di Iccrea faranno riferimento 2.593 sportelli (che costituiscono il 60% delle filiali BCC presenti in Italia).

I dati riportano scenari importanti nelle regioni italiane tra cui si possono citare esempi come:

Veneto (376 sportelli pro-Iccrea, ossia il 68% del totale regionale delle BCC; che costituiscono 1,3 miliardi di euro di fondi propri, il 61% del totale regionale delle BCC, e 16,5 miliardi di euro di attivi, il 62% del totale regionale delle BCC);

Toscana (230 sportelli, il 76% del totale regionale; 1,1 miliardi di euro di fondi propri, il 78% del totale regionale; 14,5 miliardi di euro di attivi, il 75% del totale regionale);

Emilia Romagna (235 sportelli, il 63% del totale regionale; 988 milioni di euro di fondi propri, il 57% del totale regionale; 11,7 miliardi di attivi, il 60% del totale regionale);

Lombardia (600 sportelli, il 71% del totale regionale; 2,8 miliardi di euro di fondi propri, il 75% del totale regionale, 30,3 miliardi di attivi, il 75% del totale regionale);

Lazio (241 sportelli, il 77% del totale regionale; 965 milioni di fondi propri, il 73% del totale regionale, 13,5 miliardi di euro di attivi, l’80% del totale regionale);

Campania (121 sportelli, il 73% del totale regionale, 405 milioni di euro di fondi propri, il 77% del totale regionale, 4,1 miliardi di attivi, il 72% del totale regionale);

Sicilia (133 sportelli, il 76% del totale regionale, 460 milioni di fondi propri, il 74% del totale regionale, 4,5 miliardi di attivi, il 76% del totale regionale).

Questi risultati rappresentano anche l’impegno del Gruppo bancario Iccrea insieme alle BCC sul territorio, che nell’anno passato ha segnato nuovi impieghi per 3,5 miliardi di euro (con Iccrea BancaImpresa e le due aziende da lei controllate BCC Factoring e BCC Lease), con un risultato che si attesta a +20% rispetto al 2015.

Sul versante dei crediti alle famiglie, inoltre, con la controllata BCC CreditoConsumo il Gruppo Iccrea ha supportato l’attività delle BCC erogando crediti per 424 milioni di euro e registrando una crescita dell’8,4% rispetto al 2015.

“Il Credito Cooperativo sta attraversando il suo momento più delicato, e Iccrea Banca sta facendo la sua parte con i fatti – ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – anzitutto per dimostrare che nonostante le difficoltà che affronta chi decide di investire e scommettere sul territorio, il Gruppo Iccrea è vicino alle famiglie e alle pmi italiane. Le adesioni delle BCC al nostro progetto hanno confermato il nostro impegno nel tempo e ci inducono a fare ancora meglio nel prossimo futuro. Insieme a loro, siamo pronti a essere il 3° gruppo bancario in Italia per sportelli, e il 5° per attivi”.
 “Tutto il Gruppo Iccrea ha le carte in regole, tra risorse finanziarie e competenze, per svolgere il proprio ruolo insieme alle BCC a supporto del Paese – ha affermato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – e i primi numeri del 2017 confermano la rilevante attività svolta dal Gruppo nei diversi comparti. Sotto il profilo reddituale il primo trimestre mostra infatti un andamento positivo e risultano confermati anche i livelli di patrimonializzazione”.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si15/06/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Iccrea banca presenterà formalmente alla BCE la propria istanza di Capogruppo del Gruppo bancario cooperativo dopo la pausa estiva.

La notizia di una presunta necessità di aumento di capitale da parte di Iccrea Banca, apparsa recentemente su alcuni organi di stampa, è completamente priva di ogni fondamento. “Ritengo sia doveroso – ha dichiarato Giulio Magagni, presidente di Iccrea Banca - nella mia qualità di Presidente di una Banca che emette obbligazioni in Italia e sui mercati internazionali, una delle 15 Banche rilevanti italiane vigilate dalla BCE, contrastare con fermezza notizie false e tendenziose nonché superficiali analisi accademiche e studi di advisor sedicenti indipendenti in evidente conflitto di interesse, che mirano solo a gettare discredito e confondere le acque. Iccrea banca non ha nessun problema di patrimonio e dopo la pausa estiva presenterà alla BCE formalmente la propria istanza di Capogruppo del Gruppo bancario cooperativo”.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si17/05/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Entro il 2017 CartaBCC, il brand di Iccrea Banca che riunisce l’offerta di carte di pagamento ai clienti delle Banche di Credito Cooperativo, offrirà Apple Pay, che sta trasformando il sistema dei pagamenti via mobile in modo facile e sicuro.
“In Iccrea Banca cerchiamo costantemente di accrescere la fedeltà dei nostri clienti, ascoltando le loro esigenze e fornendo loro prodotti e servizi innovativi”, ha commentato Antonio Galiano, Responsabile E-bank di Iccrea Banca e Presidente di Ventis.


Si17/05/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Later this year, CartaBCC, the card payments brand by Iccrea Banca, will bring Apple Pay, which is transforming mobile payments with an easy, secure and private way to pay that’s fast and convenient, to customers in Italy.
“At Iccrea Banca we are constantly looking for ways to boost our customers’ loyalty, listening to their needs and providing relevant and innovative products and services”, said Antonio Galiano, Head of Digital Payments at Iccrea Banca and Chairman of Ventis.


Si17/05/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
424 milioni di euro erogati ai clienti delle Banche di Credito Cooperativo (+8,4% sul 2015)
L’assemblea degli Azionisti di BCC CreditoConsumo (la società controllata da Iccrea Banca e partecipata da Cassa Centrale Raiffeisen) che fornisce prodotti e servizi di credito al consumo per i clienti delle Banche di Credito Cooperativo, ha approvato il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2016. 
Tra i principali dati di bilancio, l’utile netto ha superato i 9,8 milioni di euro, mentre l’utile della gestione operativa dell’attività corrente, al lordo delle imposte, è risultato di 14 milioni di euro. Il patrimonio netto della società è poi cresciuto da 60,8 milioni di euro a oltre 63 milioni.
Al suo sesto anno di attività tra le aziende del sistema d’offerta del Gruppo bancario Iccrea, BCC CreditoConsumo ha raggiunto risultati ampiamente positivi con 424 milioni di euro erogati, in crescita (+8,4%) rispetto al 2015. 
Anche sul fronte del numero di operazioni finanziate, la Società ha registrato un andamento positivo con un incremento del 6,8% rispetto all’anno precedente, confermando il suo impegno al fianco delle BCC-CR per il presidio della concessione del credito alle famiglie consumatrici.
Questi risultati si inseriscono in un contesto di mercato che consolida la ripresa del credito alle famiglie, confermando il trend positivo delle attività di erogazione di credito al consumo, favorito da condizioni macroeconomiche più stabili e da un graduale aumento del reddito disponibile (fonte Assofin).
Si16/05/2017Comunicato StampaBCC CreditoConsumo
  
Svolta nel dialogo con le Agenzie delle Federazioni locali delle BCC per la razionalizzazione dei prodotti e servizi assicurativi per le famiglie clienti delle Banche di Credito Cooperativo.
Un tavolo per razionalizzare gli strumenti, i prodotti e i servizi che il futuro Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea potrà offrire alle Banche di Credito Cooperativo e alle famiglie loro clienti sul fronte assicurativo. Ecco un’ulteriore fase della costituzione di un Gruppo cooperativo che, continuando nella sua logica inclusiva, prevedrà anche l’asse con le Agenzie di Riferimento Territoriali delle Federazioni delle BCC: Assiccoper Toscana (Toscana), A&T Srl Servizi Assicurativi e Turistici (Marche), M.o.c.r.a. (Sicilia), Assicra Servizi Assicurativi (Abruzzo e Molise), Agecooper (Lazio) e Assi.Cra. Veneto Srl. 

Al tavolo di lavoro, per conto della Lombardia e dell’Emilia Romagna, ci sarà poi BCC Retail, la società del Gruppo Iccrea che si occupa di veicolare i prodotti e i servizi bancassicurativi del Gruppo verso le BCC locali.

La collaborazione tra Iccrea Banca e le Agenzie di Riferimento Territoriali è volta anzitutto a valorizzare l’offerta che già oggi queste presentano alle Banche di Credito Cooperativo, frutto di partnership con primarie compagnie di assicurazioni, e in grado di combinare il valore dei prodotti e dei servizi con un’impronta etica così da rispondere alle esigenze della clientela e proteggerla adeguatamente. Un modello di offerta che negli anni le BCC hanno sempre dimostrato di apprezzare notevolmente. 

“Questo tavolo di lavoro ha la primaria funzione di razionalizzare l’offerta del futuro Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea – ha commentato Fabio Colombera, responsabile Area Governo Sviluppo di Iccrea Banca – al fine mettere insieme le forze e accrescere la qualità di servizio che il futuro Gruppo vuole garantire alle BCC. In questo senso, le Agenzie di Riferimento Territoriali avranno un ruolo fondamentale in questo disegno, sia nel dialogo con le BCC, sia nei rapporti con i partner collaudati e con quelli che verranno coinvolti in futuro. Le stesse Agenzie – ha proseguito Colombera – avranno al contempo un ruolo strategico operativo per gli ambiti di progettazione e sviluppo commerciale, formativo, vendita e post-vendita e per l’implementazione di tutti i canali innovativi per meglio servire l’operatore della BCC e il cliente stesso”.

Scarica il comunicato stampa (pdf)
Si02/05/2017NewsIccrea Banca
  
Stage retribuito di 6 mesi presso il GBI a 4 studenti dei primi tre team classificati.  Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca: "Le idee libere e innovative dei giovani sono un contributo importante per il Credito Cooperativo del futuro".

La progettazione di un nuovo canale digitale utile a sviluppare attività sul territorio delle BCC che non appartengono a quelle tradizionali di uno sportello bancario.

Questo il progetto che ha guadagnato il 1° posto nella classifica stilata dalla giuria, formata da specialisti del Gruppo bancario Iccrea e docenti dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", nell'ambito del contest "L'innovazione dei modelli di business delle Banche di Credito Cooperativo del futuro" progettato da Iccrea Banca insieme alla stessa Università.

Il contest, dedicato agli studenti del CLEM (Corso di laurea in economia e management), del CLESE (Corso di laurea in scienze economiche) e CLEMIF (Corso di laurea in economia dei mercati e degli intermediari finanziari), ha visto la partecipazione di 5 gruppi di lavoro, ognuno formato da 3 studenti dell'Università.

Gli elaborati presentati dai team sono stati sviluppati sotto la supervisione congiunta dell'Università – per il tramite del gruppo di docenti costituito da Vincenzo Farina, Fabio Monteduro e Francesco Pelagallo, coordinati dal Pro Rettore Maurizio Decastri – e di Iccrea Banca e hanno trattato vari temi tra cui: la sostenibilità di impresa, il social banking, la multicanalità e, più in generale, la sperimentazione di servizi innovativi per la clientela delle Banche di Credito Cooperativo.

A 4 studenti dei primi tre team classificati, il Gruppo bancario Iccrea ha offerto un periodo di stage retribuito di 6 mesi, che ha preso avvio lo scorso 6 marzo, volto ad approfondire temi e operatività emersi nel corso dello sviluppo dei progetti.

"I giovani sono una risorsa fondamentale per il Paese e per le aziende. Sono fucine di idee e di iniziative al passo coi tempi e con le esigenze delle nuove generazioni", ha commentato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca.

"Siamo perciò soddisfatti dei risultati emersi da questa collaborazione con l'Ateneo di "Tor Vergata" – ha proseguito Rubattu – anzitutto perché abbiamo avuto modo di vedere giovani studenti, con un'età media di 22 anni, appassionarsi all'argomento e riuscire a elaborare idee interessanti. In questo senso, il carattere fortemente innovativo delle proposte ha rappresentato uno dei principali driver di scelta dei progetti vincitori. L'innovazione è oggi una caratteristica imprescindibile di ogni iniziativa sia imprenditoriale che strettamente bancaria, e permette a sistemi come quelli del Credito Cooperativo di aprire canali ancora più efficaci di dialogo con i clienti, i soci e le aziende del territorio.

Infine, questo contest ha permesso al Gruppo bancario Iccrea di rafforzare ulteriormente i rapporti con una realtà importante e ramificata nel territorio come l'Università di "Tor Vergata" che condivide con il Credito Cooperativo la missione di favorire lo sviluppo e la valorizzazione del territorio di riferimento".

Il Pro Rettore dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", Maurizio Decastri, a sua volta dichiara che "per la nostra Università iniziative di questo tipo assumono importanza strategica, in quanto consentono il rafforzamento della cosiddetta 'Terza Missione', priorità più volte evidenziata dal Magnifico Rettore Giuseppe Novelli, tesa a creare 'ponti' tra Ricerca, Alta formazione, Impresa e Società civile, con l'obiettivo di promuovere la crescita e la valorizzazione del territorio. Siamo pertanto soddisfatti dei risultati ottenuti dalla costruttiva collaborazione con Iccrea e del valore dimostrato dai nostri giovani studenti, i veri protagonisti dell'iniziativa".

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si20/04/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Fra i tagli di banconote quello da 50€ è il più utilizzato, oltre 8 miliardi di banconote in euro che rappresentano circa il 45% del totale attualmente in circolazione.

​Bce ha diffuso i risultati sulla circolazione dei biglietti falsi nel periodo luglio-dicembre 2016.

Nel secondo semestre del 2016 le banconote più falsificate sono state di gran lunga quelle da 50 euro (42.5% del totale) e da 20 euro (37,8%). Seguono, molto distanziati, i tagli da 100 euro (9,7%), da 500 euro (4,9%) e da 10 euro (3,7%). Risultano poco attraenti per i falsari, e quindi più sicure per i cittadini, le banconote da 200 euro (0,6%) e da 5 euro (0,8%).

Non è infatti un caso che nel secondo semestre del 2016 le banconote false ritirate (353 mila) siano in calo del 20,7% rispetto al corrispondente periodo del 2015. In rapporto al numero crescente di biglietti autentici in circolazione, oltre 19 miliardi, la quota di falsi resta su livelli molto contenuti.

L'introduzione della nuova banconota da 50 euro, contribuirà notevolmente a ridurre il fenomeno.

Guarda il video realizzato da Bce sulle caratteristiche della nuova banconota

No30/03/2017NewsIccrea Banca
  
Costruiamo il Gruppo bancario Cooperativo

Costruire il Gruppo bancario Cooperativo. La sfida è farlo tutti insieme: Gruppo bancario Iccrea, BCC, Federazioni e gli altri soggetti del Credito Cooperativo coinvolti affrontano tema per tema il futuro di chi è sempre stato al centro del Gruppo, ovvero soci e clienti che ogni giorno lavorano a beneficio di comunità e territori.

Valori e modernità

In un momento di completo ripensamento del Gruppo, è necessario ripartire da una base comune rappresentata dai valori di tutto il Credito Cooperativo: cooperazione, mutualità e localismo saranno i capisaldi su cui ripensare un nuovo concetto di prossimità, che dovrà essere in grado di rispondere alle esigenze di modernità e di evoluzione del modo di fare banca.

Il Credito Cooperativo è chiamato ad un'importante prova e dovrà essere in grado di preservare il valore delle BCC siano ad ora creato e fornir loro maggiore energia in un contesto sempre più competitivo.

La Capogruppo e le adesioni

Iccrea Banca si è candidata a Capogruppo nel mese di gennaio ed è pronta a guidare il cambiamento. Detiene già tutti i requisiti previsti dalla normativa di riforma del Credito Cooperativo, primo fra tutti il patrimonio di 1,7 miliardi di euro (è richiesto almeno 1 miliardo) e può contare sull'esito positivo dell'indagine BCE su Stress Test e Asset Quality Review del 2014.

Facendosi carico dell'ascolto e della sintesi delle esigenze di tutte le BCC, a partire dalle 155 presenti al kick-off di Milano, è pronta ad accogliere chi vorrà entrare a far parte dei tavoli di lavoro anche in corso d'opera.

 (NDR: segue)

 

I cantieri

Dopo il kick-off di Milano dell'8 febbraio, i cantieri sono già all'opera e si stanno incontrando per lavorare ai dettagli del nuovo piano industriale, in uno spirito di totale coinvolgimento e cooperazione.

I 14 tavoli attivati produrranno output che rappresenteranno solo l'inizio di un lavoro fatto di continui contributi, che partirà da solidi principi ispiratori, primo tra tutti l'autonomia delle BCC nella relazione con i propri clienti, nell'ambito di policy condivise e del contratto di coesione previsto dalla normativa. Questi i 14 cantieri attivati, suddivisi in 3 programmi di cui i diretti referenti riporteranno direttamente al Comitato Guida.

Programma Risk

1.       Risk governance e sistema dei controlli interni;

2.       Garanzie incrociate;

Programma Governo

3.       Corporate Governance;

4.       Amministrazione Segnalazioni di Vigilanza e fiscale;

5.       Pianificazione e controllo;

6.       Organizzazione, Processi e Back Office;

7.       Risorse Umane e Gestione del Cambiamento;

8.       ICT;

9.       Analisi degli attivi creditizi;

Programma Mercato

10.   Modello distributivo e commerciale;

11.   Modello del credito;

12.   Modello della finanza;

13.   Retail;

14.   Sedi territoriali.

Link


No28/03/2017NewsIccrea Banca
  
​Fabio Colombera è il nuovo responsabile dell’area Governo Sviluppo di Iccrea Banca. Lascia l’incarico di direttore generale della Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo.

Colombera, 55 anni, sposato, una figlia, è stato il Direttore Generale della Federazione veneta delle BCC dall’ottobre 2013. Prima ancora era stato Vice Direttore Generale in Unipol Banca (dal 2009 al 2013), carica ricevuta dopo aver vantato oltre 25 anni di esperienza nello stesso Unipol-Gruppo Finanziario e, in precedenza, presso la Banca Popolare di Vicenza, Banca Nuova e Credito Italiano.
“Ringrazio la Federazione veneta delle BCC – ha commentato Colombera – per avermi dato l’occasione in questi tre anni di dare il mio contributo a un Sistema così fondamentale, nell’economia italiana, come quello del Credito Cooperativo. Ora accolgo questa nuova opportunità con forte entusiasmo, e con l’intenzione di voler mettere le mie energie a disposizione del Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea ma, soprattutto, a disposizione delle BCC che ogni giorno operano a sostegno dello sviluppo dei territori italiani”.


Scarica il comunicato stampa

Si28/03/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Con convinzione accanto a chi progetta e immagina il futuro tra 20 anni.
Il Gruppo bancario Iccrea per il secondo anno consecutivo è tra i main sponsor del TEDxRoma, il prossimo 8 aprile all’Auditorium della Conciliazione a Roma.
Oggi più che mai anche i gruppi bancari devono essere sensibili verso la proposizione e l’utilizzo delle nuove tecnologie, i passaggi generazionali, il senso di partecipazione e, più in generale, l’economia del futuro. Soprattutto da parte di chi, come il Gruppo Iccrea, si impegna ogni giorno a essere accanto alle Banche di Credito Cooperativo, le uniche banche autenticamente locali che operano su tutti i territori italiani al servizio delle famiglie e delle piccole e medie imprese.

In questo senso il Gruppo bancario Iccrea ha intrapreso, già da tempo, un percorso sui temi del “cambiamento delle regole”, della tecnologia applicata alla finanza (la cosiddetta “fintech”), affrontando senza compromessi il tema dei rischi di “disintermediazione” cui oggi vanno incontro le banche tradizionali. Un esempio su tutti è quello della partnership con Satispay, (la start-up che sta rivoluzionando il settore dei pagamenti elettronici con un sistema mobile indipendente e alternativo ai circuiti tradizionali) dove il Gruppo bancario Iccrea non solo è presente nel capitale della start-up, ma intende introdurre, all’interno del Sistema del Credito Cooperativo e a beneficio dei clienti delle BCC, un’inversione di cultura rispetto alla gestione del denaro.
Un altro esempio, su questo fronte, è la costituzione del market-place www.ventis.it, dove vengono promossi brand di qualità e prodotti di aziende clienti delle BCC, espressione dell’eccellenza dei territori italiani, al fine di avvicinare il made in Italy di valore attraverso un’unica piattaforma fruibile dagli utenti web.

Oggi Ventis conta circa 300mila clienti con 1350 aziende, promosse da circa 200 BCC, che
vendono i propri prodotti di alta qualità e a prezzi convenienti di enogastronomia, moda e casa. Il 16 marzo il portale è stato completamente rinnovato nella customer experience (carrello, check out, card on file, wishlist ecc.)

E’ lecito chiedersi, ma che c’entra questo con una banca?

Ventis non è un investimento in una fintech ma una precisa strategia industriale nella quale le BCC, i loro clienti, i nostri touchpoint web e mobile, programmi di loyalty e sistemi di pagamento (su Ventis si accettano anche pagamenti con Satispay) si fondono in un progetto digital.

Anche per questo, per il Gruppo bancario Iccrea, la partecipazione ad un evento come il TedX rappresenta la naturale conseguenza del nostro obiettivo di voler essere protagonisti nel progettare il futuro.


Si21/03/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Una nuova piattaforma ricca di strumenti e contenuti, con cui il consulente BCC può trovare una soluzione di servizio specifica per ogni esigenza.
Innovazione e personalizzazione. BCC Risparmio&Previdenza (la SGR del Gruppo bancario Iccrea) rinnova il servizio di Gestione Patrimoniale per le famiglie e i clienti privati delle Banche di Credito Cooperativo, varando una piattaforma con nuovi strumenti dedicati al consulente retail delle Banche di Credito Cooperativo servite dalla SGR.
La nuova gamma è incentrata sull’alta capacità di personalizzazione rispetto alle esigenze espresse dai clienti. Nella declinazione dell'offerta, infatti, viene prevista anzitutto una Gestione Patrimoniale "Low Cost", con una bassa commissione di gestione e un sottostante previsto poco oneroso, come ad esempio gli Exchange Traded Fund, che permette un’equilibrata diversificazione e riduzione del rischio.
Inoltre è disponibile anche una Gestione Patrimoniale "Multi-linea", dedicata agli investitori che desiderano modificare velocemente l'asset allocation e dove il peso dell'investimento, associato a ciascuna linea e specializzata su uno specifico mercato, è determinato in fase di sottoscrizione ma variabile in qualsiasi momento.
I clienti più giovani, abituati a essere continuamente online e a gestire consumi e investimenti da remoto, potranno beneficiare delle "Robo GP", un servizio di gestione automatizzato, nella logica innovativa dei "robo advisor", con cui si forniscono servizi di digital wealth management o di consulenza finanziaria online in modo automatizzato a seconda delle esigenze del risparmiatore.
Infine gli investitori più sofisticati e con patrimoni rilevanti a disposizione (minimo 500 mila euro), avranno la possibilità di fruire di "Personalizzata", una gestione patrimoniale altamente profilata, dall'universo d'investimento all'asset allocation, con la possibilità di confrontarsi direttamente col portfolio manager che, dagli uffici centrali di BCC Risparmio&Previdenza, potrebbe curare direttamente le scelte d'investimento d'intesa con la BCC di riferimento.
La definitiva caratterizzazione della gamma d'offerta al cliente finale, sia dal punto di vista delle tipologie di prodotto che dal punto di vista delle caratteristiche finanziarie, sarà individuata grazie al confronto continuo con le BCC, che da diversi anni contraddistingue l'approccio al mercato da parte di BCC Risparmio&Previdenza.
Parallelamente, la nuova gamma di Gestione Patrimoniale si serve di una piattaforma innovativa, che consentirà al consulente della BCC di proporre e manutenere il servizio delle Gestioni Patrimoniali in modo efficiente, potendo anche organizzare incontri con i gestori via Skype e accedere alla piattaforma in modalità outdoor – via firma elettronica – per effettuare, tra le altre cose, collocamenti o variazioni di strategia finanziaria e di investimento.
L'innovazione è, comunque, il tratto distintivo che sta caratterizzando tutte le iniziative di BCC Risparmio&Previdenza nell'ambito dei prodotti e servizi messi a disposizione delle Banche di Credito Cooperativo. Da febbraio, infatti, le BCC possono fruire di InvestiperScelta 2.0, la piattaforma multimediale aperta all'interazione secondo le logiche tradizionali dei social network e accessibile anche da smartphone e tablet. Con InvestiperScelta 2.0, che in un mese vede già oltre 3.000 utenti registrati, il consulente BCC non solo può gestire l'offerta di BCC Risparmio&Previdenza, comprese le soluzioni di Sicav terze per masse collocate pari a 5 miliardi, ma può – tra l'altro – interagire con i gestori, seguire le breaking news in real-time sui mercati, forum o TG verticali.


Scarica il comunicato
Si16/03/2017Comunicato StampaBCC Risparmio e Previdenza
  
L’operazione si inserisce nell’ambito del progetto della Banca Europea per gli Investimenti JESSICA Campania POR FESR 2007 – 2013. 3 milioni di euro per la nuova struttura che farà parte della futura Città della Scienza.

​Iccrea BancaImpresa (la banca corporate del Credito Cooperativo – Gruppo bancario Iccrea) con il supporto della Banca di Credito Cooperativo di Napoli nel ruolo di banca depositaria, finanzia “Corporea”, la nuova infrastruttura museale della Fondazione IDIS, situata nell’area di Bagnoli e destinata ad aumentare l’attrattività espositiva dell’area metropolitana di Napoli.
L’operazione, che prevede la concessione di un mutuo di 3 milioni di euro, si inserisce nell’ambito del progetto europeo JESSICA Campania, promosso dalla Banca Europea per gli Investimenti d’intesa con la Regione Campania a sostegno dello sviluppo urbano. Il progetto, gestito da Iccrea BancaImpresa insieme al proprio partner tecnico Sinloc – Sistema Iniziative Locali S.p.A, ha garantito il pieno utilizzo delle risorse assegnate.
Il finanziamento JESSICA concorre al fabbisogno complessivo di copertura degli investimenti legati al completamento di “Corporea”, destinato a diventare il primo museo interattivo in Europa per la conoscenza del corpo umano attraverso esperienze sensoriali e interattive fruibili, oltre che in italiano e in inglese, anche in lingua cinese. All’interno del museo, inoltre, trova spazio una sala 3D destinata al planetario di ultima generazione digitale, che guiderà i visitatori in un percorso di conoscenza delle stelle, dei pianeti e delle galassie. L’investimento che riguarda circa 5 mila metri quadrati di superficie, è parte di un programma più ampio di rigenerazione urbana nell’area di Bagnoli, destinato a diventare un polo di eccellenza nella promozione della cultura e della conoscenza scientifica, grazie anche ai FabLab (officine/laboratori di advanced design e di fabbricazione digitale) e ai progetti di incubazione attivi presso la Fondazione IDIS, a cui seguirà la ricostruzione della Città della Scienza.
Iccrea BancaImpresa e tutto il Gruppo Iccrea, insieme alla Banca di Credito Cooperativo di Napoli, attestano ancora una volta con questa importante operazione quanto le sinergie tra il Gruppo e le BCC sul territorio siano strategiche per sostenere i progetti di crescita necessari allo sviluppo economico, sociale e culturale del tessuto urbano. 

Scarica il comunicato

Si03/03/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
350 professionisti del Credito Cooperativo impegnati sui 14 tavoli di lavoro.


Iccrea Banca, dopo aver presentato a gennaio scorso la propria candidatura a Capogruppo del costituendo Gruppo bancario cooperativo, ha inaugurato oggi a Milano i cantieri di lavoro del futuro Gruppo. L’avvio delle attività è stato fatto alla presenza di più di 150 Banche di Credito Cooperativo e circa 350 manager, tra direttori generali e altri ruoli operativi, intervenuti all’evento per conto delle BCC, delle Federazioni locali e nazionale, e di alcune società di servizio del Sistema.
Quello di oggi è dunque il kick-off di un percorso inclusivo, pronto ad accogliere anche le altre Banche di Credito Cooperativo che, nel corso dell’anno, sceglieranno di aderire al progetto di Iccrea Banca. Il programma dei lavori si articolerà lungo tutto il 2017, con lo scopo di costituire le fondamenta del nuovo Gruppo bancario cooperativo già entro la fine dell’anno.
Iccrea Banca detiene infatti tutti i requisiti previsti dalla normativa di Riforma del Credito Cooperativo, a cominciare dal patrimonio di 1,7 miliardi di euro (la soglia minima richiesta dalla legge è di 1 miliardo).
“Oggi è un grande giorno – ha commentato Giulio Magagni presidente di Iccrea Banca – perché cominciamo a costruire le fondamenta di un Gruppo cooperativo che vuole essere protagonista al fianco delle famiglie e delle piccole e medie imprese che rappresentano il cuore economico del nostro Paese. Le Banche di Credito Cooperativo sono un valore da preservare, di relazione oltre che economico”.
Nel corso dell’evento sono stati illustrati i 14 Tavoli su cui siederanno anche i rappresentanti delle Banche di Credito Cooperativo. Risk governance e sistema dei controlli interni; Garanzie incrociate; Corporate Governance; Amministrazione Segnalazioni di Vigilanza e fiscale; Pianificazione e controllo; Organizzazione, Processi e Back Office; Risorse Umane e Gestione del Cambiamento; ICT; Analisi degli attivi creditizi; Modello distributivo e commerciale, Modello del credito; Modello della finanza; Retail; Sedi territoriali.
Questi i 14 tavoli che oggi hanno visto la prima seduta ufficiale, le cui attività verranno periodicamente vagliate dal Comitato Guida del progetto. 14 fronti su cui Iccrea, insieme alle BCC e agli altri soggetti intervenuti, costruirà il piano industriale nei suoi dettagli partendo da alcuni principi ispiratori, tra cui la piena autonomia delle BCC nella relazione con i propri clienti (nell’ambito ovviamente di policy definite da Iccrea insieme alle Banche e coerenti con il contratto di coesione previsto dalla normativa).
“Partiamo da una base molto solida – ha detto Leonardo Rubattu, direttore generale di Iccrea Banca – ora però dobbiamo accelerare i tempi e siamo entusiasti di poterlo fare insieme a tutte le componenti del Credito Cooperativo, dalle BCC, alle Federazioni, alle realtà informatiche, per creare un modello nuovo che possa declinare i valori del Credito Cooperativo con le esigenze di modernità e di evoluzione del modo di fare banca”.

Scarica il comunicato

Si08/02/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
Con un market share del 17,07% davanti a Banca IMI e Banca Akros.


Iccrea Banca raggiunge il primato nella classifica dei più importanti intermediari finanziari italiani.
Dal Rapporto per l’anno 2016 di Assosim (l’Associazione Intermediari Mercati Finanziari che rappresenta circa 80 associati tra Banche, Società d’Intermediazione Mobiliare e succursali italiane d’Intermediari Esteri), nella classifica relativa ai volumi negoziati per conto terzi sul mercato Domestic MOT di Borsa Italiana, Iccrea Banca è risultata al primo posto con una market share del 17,07%, davanti a Banca IMI con il 16,65% e a Banca Akros con il 15,08%.
Aggregando i volumi complessivamente negoziati per conto terzi sui mercati obbligazionari di Borsa Italiana, EuroTLX e HI-MTF, Iccrea Banca ha confermato la terza posizione in classifica con una quota di mercato dell’11,70%, dietro Banca Akros con il 16,81% e Banca IMI con il 18,64%.

Si tratta di un risultato particolarmente rilevante in quanto è stato conseguito in un contesto caratterizzato da una marcata volatilità dei mercati finanziari domestici e internazionali.
Grazie al supporto operativo messo a disposizione delle BCC per la loro attività di negoziazione, Iccrea Banca ha rafforzato ulteriormente il ruolo di intermediario finanziario di riferimento del Credito Cooperativo, a testimonianza dell’impegno profuso nel migliorare costantemente il proprio modello di servizio per le BCC.

Il posizionamento competitivo raggiunto dal Gruppo Bancario Iccrea nel mercato finanziario italiano è il frutto di un processo strategico che nell’ultimo quinquennio si è concentrato sul potenziamento dell’attività di supporto alle BCC su tutti gli ambiti relativi alle strategie di funding (collateralizzato e non) e d’investimento nelle varie modalità e nelle diverse scadenze temporali.
In un contesto di crisi dell’attività economica che ha eroso progressivamente i margini derivanti dall’attività d’intemediazione creditizia, le BCC hanno dovuto ricercare urgentemente la diversificazione delle fonti di business puntando sul margine d’interesse del portafoglio titoli, sull’utile di negoziazione da trading e sull’incremento della raccolta indiretta.

La partecipazione diretta di Iccrea Banca a tutte le principali piattaforme di negoziazione (Borsa italiana, MTS, EuroTLX, HI-MTF ecc.) e alle operazioni di politica monetaria della BCE ha rappresentato in questo delicato periodo storico un canale di accesso preferenziale per le BCC al mercato finanziario, facilitandone il raggiungimento degli obiettivi gestionali.
In tutti questi ambiti la Finanza di Iccrea Banca è riuscita a rispondere tempestivamente alla nuova filiera dei bisogni delle BCC, ottenendo in più occasioni il riconoscimento di controparte di riferimento del Credito Cooperativo da parte del mercato e delle principali istituzioni nazionali e internazionali, come ad esempio l’assegnazione in più occasioni del ruolo di Co-Dealer da parte del MEF nelle operazioni di collocamento del BTP Italia.

Si30/01/2017NewsIccrea Banca
  
Dopo Montalbano Recycling, altre due aziende siciliane, Stefania Mode e Melcal, ottengono nuovi finanziamenti per sostenere i propri piani d’internazionalizzazione e innovazione nell’ambito del "Programma 2i per l'Impresa" di Cdp, SACE e FEI (Gruppo BEI)

Roma - 26 gennaio 2017 - SACE (Gruppo Cassa depositi e prestiti), Iccrea BancaImpresa (la banca corporate del Credito Cooperativo) e Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale annunciano due nuove linee di credito rilasciate in favore di PMI siciliane nell’ambito di “2i per l’impresa”, il Programma di Cdp, SACE e FEI (Gruppo BEI) che mette le risorse del Piano Juncker a disposizione delle aziende che investono in internazionalizzazione e innovazione.
La prima linea di credito, del valore di 1,2 milioni di euro, riguarda Stefania Mode, società attiva nel settore fashion retail di alta gamma, mentre la seconda linea di 200 mila euro riguarda Melcal, azienda specializzata nella progettazione e costruzione di gru e mezzi di sollevamento.
In entrambi i casi, i finanziamenti sono stati erogati da Iccrea BancaImpresa e Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale, con la garanzia di SACE, e beneficiano della Garanzia "InnovFin" rilasciata dal Fondo Europeo per gli Investimenti ("FEI") con il sostegno finanziario dell'Unione Europea nei termini definiti nell'ambito del programma Orizzonte 2020 e del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici ("EFSI"). Lo scopo di EFSI è quello di aiutare l'accesso al finanziamento e l'implementazione di investimenti produttivi nell'Unione Europea così come di assicurare un maggior accesso al finanziamento.

  • Stefania Mode, importante realtà nella vendita di capi di moda di lusso e grandi brand d’abbigliamento, ha fortemente puntato sull’e-commerce. Con l’obiettivo di offrire ai propri clienti una vera “esperienza globale di shopping online”, attraverso il proprio sito web e la presenza su diverse piattaforme europee, l’azienda trapanese ha conquistato una consistente quota export sul fatturato totale. Grazie alla linea di credito ottenuta nell’ambito di “2i per l’impresa”, potrà sviluppare ulteriormente il processo di digitalizzazione, ottimizzare la multimedialità dei propri canali di vendita e soddisfare la crescente domanda proveniente da Far East (Cina, Giappone, Hong Kong e Singapore), Stati Uniti e Germania.

  • Melcal è tra i maggiori player di mercato nel settore della progettazione e costruzione di gru e mezzi di sollevamento, prevalentemente destinati al settore oil & gas off-shore. Con due società controllate in Scozia e Olanda, l’azienda di Calatafimi Segesta (Trapani) esporta la totalità del proprio fatturato. Grazie all’ottenimento della linea di credito nell’ambito del Programma, potrà soddisfare le esigenze di capitale circolante relative all’esplorazione di nuove modalità di business e all’esecuzione di importanti commesse nel Nord Europa.

  • Le due nuove operazioni siciliane si aggiungono a quella annunciata lo scorso agosto in favore di Montalbano Recycling. Grazie a una linea di credito da 400 mila euro ottenuta sempre nell’ambito di “2i per l’impresa”, l’azienda di Carini (Palermo) specializzata nella progettazione e costruzione di impianti tecnologici ecocompatibili per il trattamento di rifiuti, ha investito nel rinnovo macchinari e impianti per rafforzare la propria presenza in Europa, Stati Uniti, Messico e Paesi del Golfo.
Scarica il comunicato
Si26/01/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Partono i cantieri con le BCC e tutte le principali componenti del Credito Cooperativo per definire insieme il modello operativo del nuovo Gruppo.


Iccrea Banca ha ufficialmente comunicato alla Banca d'Italia la propria candidatura al ruolo di Capogruppo del Gruppo Bancario Cooperativo.

La comunicazione è stata, come richiesto, corredata da un piano che illustra nel dettaglio le azioni che verranno intraprese per assicurare il rispetto, in un arco di tempo definito e contenuto, di tutti i requisiti, sia di patrimonio netto sia di altro tipo, previsti dalla normativa.

Iccrea Banca si propone come capogruppo nella consapevolezza di essere sin d'ora pronta e determinata a dare una risposta efficace e concreta al rafforzamento del ruolo delle BCC sui territori.

Iccrea dispone già di un patrimonio netto su base consolidata di 1,7 miliardi di euro e di un capitale libero di circa 500 milioni, ben oltre la soglia prevista dalla normativa. Assicura ogni giorno l'accesso delle banche affiliate ai mercati interbancari e finanziari domestici e internazionali: i volumi negoziati dalle BCC con Iccrea tra il 2011 e il 2016 hanno raggiunto la soglia dei 900 miliardi di euro.

Iccrea Banca è uno dei tre Centri Applicativi italiani abilitati ad operare all'interno del sistema bancario nazionale e fornisce servizi per lo scambio e il regolamento di incassi e pagamenti. Tra il 2011 ed il 2016 sono state 1,5 miliardi le operazioni di incassi e pagamenti per un controvalore che nel solo 2016 ha superato i 550 miliardi di euro.

Inoltre Iccrea Banca, nel ruolo di arranger, provvede alla strutturazione di operazioni di cartolarizzazione di crediti residenziali e commerciali performing, nonché alla strutturazione di operazioni multi-originator di cessioni pro-soluto aventi per oggetto crediti deteriorati ipotecari, residenziali e commerciali, e chirografari. Al riguardo, nell'orizzonte temporale 2011-2016 sono state effettuate operazioni di cartolarizzazione per un valore complessivo di circa 7,5 miliardi di euro. Mentre i volumi negoziati dalle BCC con Iccrea, presso i mercati finanziari italiani e internazionali, hanno raggiunto quota 900 miliardi di euro tra il 2011 e il 2016.

"Siamo orgogliosi - dice Giulio Magagni presidente di Iccrea Banca –  di presentare la candidatura del Gruppo Iccrea basata su fondamenta molto solide. È un momento storico per il Credito Cooperativo che dimostra come le BCC sono e saranno sempre protagoniste del loro futuro per garantire un Sistema ancora più solido a vantaggio delle famiglie e delle piccole e medie imprese italiane".

L'avvio dei cantieri con le BCC.

Considerando l'innovatività e la complessità del progetto costitutivo del Gruppo Bancario Cooperativo, Iccrea Banca ha definito un programma di interventi e di attività progettuali organizzati in cantieri di lavoro, dove saranno rappresentate tutte le componenti di Sistema: le BCC, professionisti delle federazioni, locali e nazionale ed i centri informatici.

L'avvio dei cantieri è previsto all'interno di un evento organizzato il prossimo 8 febbraio a Milano.

I cantieri verteranno su alcune tematiche centrali per la costituzione del Gruppo Bancario Cooperativo, tra cui il contratto di coesione, gli statuti, il modello di governance, il sistema dei controlli interni, il meccanismo di cross – guarantee, il sistema di early warnings, il modello del credito, della finanza e il modello commerciale.

"Ci rendiamo conto – dice Leonardo Rubattu, Direttore generale di Iccrea Banca - che la candidatura ufficiale vada considerata come il primo importante passo di un cammino in cui molti sono ancora i dettagli da definire e mettere a punto. Per questo motivo abbiamo ritenuto di coinvolgere tutte le componenti del Credito Cooperativo per lavorare insieme alla costituzione del futuro Gruppo Bancario Cooperativo. L'obiettivo è quello di completare l'intero percorso previsto dalla normativa e di presentare l'istanza all'Organo di Vigilanza entro il 2017".

Scarica il comunicato

Si24/01/2017Comunicato StampaIccrea Banca
  
L’operazione si inserisce nell’ambito del progetto della Banca Europea degli Investimenti JESSICA Campania POR FESR 2007 – 2013

Iccrea BancaImpresa S.p.A. (la banca corporate del Gruppo bancario Iccrea) con il supporto della Banca di Credito Cooperativo di Napoli finanzia la riqualificazione della pubblica illuminazione del Comune di Napoli.
L’operazione, che prevede la concessione al Comune di un mutuo del valore di 17,4 milioni di euro, si inserisce nell’ambito del progetto europeo JESSICA Campania POR FESR 2007-2013, un progetto promosso dalla Banca Europea degli Investimenti d’intesa con la Regione Campania a sostegno dello sviluppo urbano e gestito da Iccrea BancaImpresa che, insieme al partner tecnico Sinloc – Sistema Iniziative Locali S.p.A, ha garantito il pieno utilizzo delle risorse assegnate.
Il finanziamento concesso a tasso zero senza interessi, è volto a sostenere parte dei costi di investimento del Comune di Napoli per l’efficientamento energetico dell’impianto comunale con sostituzione di 60 mila lampade con nuova tecnologia led ed uso di servizi di tipo “smart city”. La soluzione, rispetto ai primi test effettuati dal Comune, prevede risparmi per circa il 45% della bolletta energetica che andranno in parte a rimborsare il debito liberando ulteriori risorse a sostegno della collettività.
Oltre al positivo impatto sui conti pubblici, le tecnologie favoriscono la riduzione delle emissioni climalteranti e di CO2 (stimate nell’arco del contratto di gestione in circa 165 mila tonnellate) rispettando il Piano di Azione Energetica adottato dall’amministrazione comunale che, in linea con gli obiettivi UE, punta entro il 2020 al taglio del 25% delle emissioni mediante azioni di risparmio energetico. L’investimento si inserisce inoltre nel quadro più ampio delle politiche di rigenerazione del tessuto urbano migliorando la sicurezza stradale, grazie alla maggiore qualità dell’illuminazione, e la valorizzazione del patrimonio culturale e storico tramite illuminazione monumentale per la fruibilità dei cittadini e dell’incoming turistico.
Con questa operazione Iccrea BancaImpresa non solo conferma il successo della collaborazione con BEI per l’utilizzo di strumenti necessari allo sviluppo dei territori, ma affianca la BCC di Napoli nel continuo impegno del Credito Cooperativo verso la crescita del tessuto economico e sociale della città, mediante l’ampia offerta finanziaria che prevede consulenza, servizi e soluzioni personalizzate a favore di enti e privati.

Scarica il comunicato
Si16/01/2017Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
La famiglia Zucchinali riacquista il controllo della società con il sostegno di Iccrea BancaImpresa e BCC Barlassina

A distanza di soli 3 anni dalla cessione di Special Flanges S.p.A. ad un gruppo americano, il fondatore della società Augusto Zucchinali ha riacquistato il 100% del capitale di Special Flanges insieme ai figli Mauro e Tiziano, manager di settore di consolidata esperienza.

La società, fondata dal capostipite Augusto Zucchinali nel 1984, è cresciuta costantemente fino a raggiungere una posizione di leadership a livello internazionale nella produzione di forgiati in acciai speciali per i settori dell'Oil&Gas, Petrolchimico, Energetico ed altri, annoverando tra i propri clienti i più importanti operatori internazionali dei settori citati.

La società, che opera nei tre siti di Cesano Maderno (MB), Legnano (MI) e Gorla Minore (VA), continuerà ad essere gestita dai fratelli Zucchinali, Mauro e Tiziano, con il supporto del fondatore Augusto.

La famiglia Zucchinali, le società a questa riconducibile ed in particolare Special Flanges sono clienti storici di BCC di Barlassina ed Iccrea BancaImpresa, che non hanno fatto mancare il proprio sostegno anche in questa importante fase.

L'operazione è stata organizzata dall'area Finanziamenti Strutturati di Iccrea BancaImpresa con la partecipazione al finanziamento anche della BCC di Barlassina.

Advisor legali dell'operazione sono stati Simmons&Simmons per le banche, lo studio Chiomenti per la Famiglia Zucchinali e lo studio Nctm per i venditori.

Scarica il comunicato

Si29/12/2016Comunicato StampaIccrea BancaImpresa
  
Iccrea Banca ha perfezionato una nuova operazione di cessione pro soluto di crediti non performing a cui hanno partecipato 4 Società del Gruppo...

Iccrea Banca ha perfezionato una nuova operazione di cessione pro soluto di crediti non performing a cui hanno partecipato 4 Società del Gruppo bancario Iccrea, 28 Banche di Credito Cooperativo e il Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo.

Sono state cedute circa 7.900 posizioni per un controvalore lordo complessivo di oltre 366 milioni di euro, rappresentate da crediti ipotecari residenziali e commerciali e da crediti chirografari.

L'operazione è stata promossa e coordinata in tutte le sue fasi da Iccrea Banca (l’Istituto Centrale del Credito Cooperativo), che ha agito in qualità di sole arranger e advisor, avvalendosi dell'assistenza dello Studio Orrick per gli aspetti legali.

I crediti sono stati ceduti alla SIRIUS SPV, che ha emesso titoli asset-backed sottoscritti dal Fondo di Investimento alternativo, Bayview Global Opportunities Fund S.C.V. SICAV RAIF.

Bayview Global Opportunities Fund, che è stato assistito da Bayview Asset Management come investment advisor e dal team londinese dello Studio RCC per gli aspetti legali, si è aggiudicato il deal quale migliore offerente nell'ambito di una gara che ha visto la partecipazione di primari Investitori del settore. Bayview Asset Management è una società di gestione degli investimenti focalizzata su crediti ipotecari. Alla data del 31 ottobre 2016, Bayview gestisce assets per un ammontare di circa 11 miliardi di dollari.

Con questa operazione, che fa seguito all’operazione di cessione di crediti NPL del dicembre 2015 (per 300 milioni di euro con 31 partecipanti) e che si inserisce in un più ampio programma di supporto alle Società del Gruppo bancario Iccrea e alle BCC per la gestione e la cessione dei crediti non performing, Iccrea Banca consolida il suo ruolo di riferimento sui mercati finanziari e nella relazione con gli Investitori Istituzionali.

PDF icon Scarica allegato
Si21/12/2016NewsIccrea Banca
  
Il finanziamento da 1 milione di euro è erogato da Iccrea BancaImpresa e Banca Veronese, e garantito da SACE nell’ambito...

Il finanziamento da 1 milione di euro è erogato da Iccrea BancaImpresa e Banca Veronese, e garantito da SACE nell’ambito del “Programma 2i per l’Impresa” di Cdp, SACE e FEI (Gruppo BEI), che mette a disposizione delle imprese italiane i fondi del Piano Juncker. ITECA, PMI veronese specializzata in impianti per la produzione di prodotti da forno e fornitrice di grandi brand nel settore dei panettoni e dei pandori utilizzerà i fondi per progetti di ricerca e innovazione funzionali alla crescita in Russia, Asia centrale e Medio Oriente, Nord e Sud America

Iccrea BancaImpresa (la banca corporate del Credito Cooperativo), Banca Veronese (Credito Cooperativo di Concamarise) e SACE (Gruppo Cassa depositi e prestiti) hanno finalizzato una linea di credito da 1 milione di euro per sostenere gli investimenti in ricerca & innovazione di ITECA, PMI veronese specializzata in impianti per la produzione di pasta, pane, pizza e dolci tipici italiani, in particolare panettoni e pandori.

È la nuova operazione realizzata nell’ambito del “Programma 2i per l’impresa” di Cdp, SACE e FEI* (Gruppo BEI) che mette a disposizione delle PMI italiane le risorse del Piano Juncker per supportare progetti di internazionalizzazione e innovazione.

ITECA, che conta su uno stabile presidio dei principali mercati esteri da cui proviene oltre il 60% del fatturato (Usa, Russia, Emirati Arabi, Indonesia, Cile) annovera tra i propri clienti i maggiori gruppi alimentari italiani e internazionali che hanno scelto i suoi prodotti per l’elevata qualità e customizzazione.

La linea di credito, erogata da Iccrea BancaImpresa e Banca Veronese, garantita da SACE e contro-garantita da FEI, permetterà all’azienda di sostenere i costi di tutela e registrazione di nuovi brevetti che consentiranno un deciso miglioramento degli impianti prodotti e un forte incremento della clientela e di sviluppare nuovi progetti di ricerca e innovazione funzionali alla crescita della società in Russia, Asia centrale e Medio Oriente, Nord e Sud America.

Il finanziamento, nella fattispecie, beneficia della Garanzia "InnovFin" rilasciata dal Fondo Europeo per gli Investimenti ("FEI") con il sostegno finanziario dell'Unione Europea nei termini definiti nell'ambito del programma Orizzonte 2020 e del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici ("EFSI"). Lo scopo di EFSI è quello di aiutare l'accesso al finanziamento e l'implementazione di investimenti produttivi nell'Unione Europea così come di assicurare un maggior accesso al finanziamento.

 

 
PDF icon Scarica allegato
Si20/12/2016NewsIccrea BancaImpresa
  
Iccrea BancaImpresa, con un’operazione di Leasing Pubblico promossa insieme alla BCC di Carugate e Inzago, ha finanziato la realizzazione...

Iccrea BancaImpresa, con un’operazione di Leasing Pubblico promossa insieme alla BCC di Carugate e Inzago, ha finanziato la realizzazione – avvenuta con un Partenariato Pubblico-Privato – del Palasport di Carugate, inaugurato nel mese di settembre.

La consegna del palazzetto, del valore di circa 3 milioni di euro finanziati da IBI e con la BCC di Carugate e Inzago come affidataria del servizio di tesoreria del Comune, è avvenuta in tempo rispetto all’inizio della stagione sportiva, in linea con le tempistiche previste dalla pubblicazione del bando di gara di Leasing Pubblico, e senza subire le croniche difficoltà del mercato dell’edilizia e delle opere pubbliche (i dati CRESME evidenziano che servono circa 8 anni per concludere un’opera pubblica in Italia).

L’Amministrazione ha potuto contare nel realizzare l’opera su tempi e costi certi, con i rischi di costruzione e disponibilità trasferiti ai soggetti privati e in virtù di ciò (e di un’attenta analisi preliminare dell’allocazione dei rischi) sulla possibilità di contabilizzare il bene off-balance, senza che la spesa impatti negativamente sui vincoli di finanza pubblica.

La realizzazione del Palasport di Carugate dimostra che l’interazione fra Enti Locali, BCC quali vere e ormai uniche banche del territorio e i moderni strumenti di finanza strutturata di Iccrea BancaImpresa, può dare una risposta concreta ai fabbisogni di infrastrutture delle nostre comunità. 

Grazie a questo investimento, una comunità di oltre 15 mila persone avrà a disposizione un ambiente funzionale e idoneo alla crescita sportiva, in primis dei cittadini più giovani, ma soprattutto uno spazio all’avanguardia adatto ad ospitare, in sicurezza, la loro energia e le loro potenzialità. 

Si16/12/2016NewsIccrea BancaImpresa
  
Beneficiaria il Gruppo Vallette-Finam per investimenti nel comparto delle agro-energie. Nel pool con la BCC Pordenonese...

Beneficiaria il Gruppo Vallette-Finam per investimenti nel comparto delle agro-energie. Nel pool con la BCC Pordenonese, banca proponente, anche la BCC Banca Prealpi, la Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago Venezia e la Cassa Centrale Raiffeisen.

Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Credito Cooperativo, è capofila di un pool di finanziamento di 20 milioni di euro dedicato al sostegno delle energie rinnovabili e al biometano.

Il finanziamento è destinato al Gruppo Vallette-Finam (gruppo leader in Italia nella produzione di fonti energetiche rinnovabili), per realizzare una complessa operazione che vede, anzitutto, l’acquisizione dell’azienda Agricola Sant’Ilario (azienda estesa oltre 1300 ettari a sud di Venezia), oltre alla realizzazione di un piano di investimenti nel settore delle energie rinnovabili, con l’incremento della produzione di biogas da biomassa agricola.

Nel pool sono presenti, oltre a Iccrea BancaImpresa e BCC Pordenonese – con cui Iccrea BancaImpresa ha seguito in prima linea l’intera operazione – anche la BCC Banca Prealpi, la BCC Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago Venezia e la Cassa Centrale Raiffeisen.

L’operazione si inserisce nell’ambito di un articolato programma di sviluppo agro-energetico dedicato alla produzione propria di biomassa vegetale. Con l’acquisizione dell’azienda Agricola Sant’Ilario il Gruppo Vallette-Finam potrà godere anche di importanti vantaggi logistici legati al posizionamento dei ai terreni utilizzati realizzando, di conseguenza, sensibili economie di scala.

Con questa operazione si conferma il valore delle forti sinergie instaurate tra Iccrea BancaImpresa e le BCC sul territorio, rinnovando la mission del Gruppo Bancario Iccrea e di tutto il Credito Cooperativo per lo sviluppo dell’economia reale, attraverso la realizzazione di progetti d’investimento a beneficio dello sviluppo dell’economia e del benessere del territorio.

Il pool di finanziamento è stato assistito dallo studio Pavia e Ansaldo, con gli Avv.ti Mario Di Giulio ed Alessandra Grandoni.

PDF icon Scarica allegato
Si15/12/2016NewsIccrea BancaImpresa
  
Iccrea Banca insieme a Federazione Raiffeisen per la messa a fattor comune dei sistemi informativi
Firmato un accordo tra Roma e Bolzano che permetterà l’avvio di una gestione integrata delle infrastrutture informatiche.
Rubattu, DG di Iccrea Banca: “Un accordo storico che possa essere da esempio”
Gasser, DG di Federazione Raiffeisen:”Un partner importante su cui contiamo”
No28/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancainsiemefederazioneraiffeisenlamessafattorcomunedeisistemi.aspxNews
  
Firmato un accordo tra Roma e Bolzano che permetterà l’avvio di una gestione ...
Si28/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancainsiemefederazioneraiffeisenlamessafattorcomunedeisistemi.aspxNews
  
#dontbeaMule: Iccrea Banca partecipa alla campagna di sensibilizzazione contro i Money Mule
No25/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/dontbeamuleiccreabancapartecipaallacampagnadisensibilizzazionecontroi.aspxNews
  
Iccrea Banca insieme a Polizia di Stato, Polizie Europee, Europol, Eurojust per la campagna di ...
Si25/11/2016Iccrea Banca partecipa alla campagna di sensibilizzazione contro i Money MuleNews
  
Iccrea Banca insieme a Misys per il Capital Market
No21/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancainsiememisysilcapitalmarket.aspxNews
  
Iccrea Banca e MISYS ancora insieme per accrescere il sostegno al Credito Cooperativo. Con il ...
Si21/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancainsiememisysilcapitalmarket.aspxNews
  
Iccrea Banca sigla una nuova cartolarizzazione da 660 milioni di euro
Iccrea Banca ha perfezionato, in qualità di arranger, una nuova operazione di cartolarizzazione denominata "Credico Finance 16" del valore complessivo di 660,8 milioni di euro.
No16/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancasiglaunanuovacartolarizzazioneda660milionidieuro.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa con altre 10 BCC: 30 milioni per il Porto di Trieste
No11/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaconaltre10bcc30milioniilportoditrieste.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa insieme a Banca D&#039;Alba e SACE per un finanziamento nell&#039;ambito del Piano Juncker
Il finanziamento di 800 mila euro, erogato da Iccrea BancaImpresa e Banca d’Alba e garantito da SACE, si inserisce nell’ambito del “Programma 2i per l’Impresa” di Cdp, SACE e FEI (Gruppo BEI), che beneficia delle risorse del Piano Juncker.
L’azienda piemontese punta sull’innovazione per crescere in Nord America, Europa e Asia.
No09/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresainsiemebancadalbaesaceunfinanziamentonellambitodel.aspxNews
  
Iccrea Banca e UnionPay International insieme
No03/11/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaeunionpayinternationalinsieme.aspxNews
  
Da Iccrea BancaImpresa e MPS Capital Services oltre 40 milioni per la mobilità sostenibile
No21/10/2016/Pagine/Area_Stampa/News/daiccreabancaimpresaempscapitalservicesoltre40milionilamobilità2.aspxNews
  
Da Iccrea BancaImpresa e MPS Capital Services oltre 40 milioni per la mobilità sostenibile
No21/10/2016/Pagine/Area_Stampa/News/daiccreabancaimpresaempscapitalservicesoltre40milionilamobilità.aspxNews
  
Iccrea Banca per la terza volta Co-Dealer del BTP Italia, arrivato alla decima edizione
No13/10/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancalaterzavoltacodealerdelbtpitaliaarrivatoalladecimaedizione.aspxNews
  
Gruppo bancario Iccrea e Fondo Europeo per gli investimenti insieme per le PMI italiane
No10/10/2016/Pagine/Area_Stampa/News/gruppobancarioiccreaefondoeuropeogliinvestimentiinsiemelepmiitaliane.aspxNews
  
Iccrea Banca è la nuova Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea
No03/10/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaèlanuovacapogruppodelgruppobancarioiccrea2.aspxNews
  
Iccrea Banca è la nuova Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea
No03/10/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaèlanuovacapogruppodelgruppobancarioiccrea.aspxNews
  
Terremoto Centro Italia: BCC CreditoConsumo: sospende per un anno le rate dei finanziamenti
Maggiori dettagli sul sito Crediper
No29/09/2016/Pagine/Area_Stampa/News/terremotocentroitaliabcccreditoconsumosospendeunannoleratedei.aspxNews
  
CartaBCC sponsor di Fondazione ISAL per sconfiggere il dolore cronico
No23/09/2016/Pagine/Area_Stampa/News/cartabccsponsordifondazioneisalsconfiggereildolorecronico.aspxNews
  
Formalizzata fusione inversa tra Iccrea Banca e Iccrea Holding
No16/09/2016/Pagine/Area_Stampa/News/formalizzatafusioneinversatraiccreabancaeiccreaholding.aspxNews
  
Il Gruppo bancario Iccrea con il Gruppo BEI per una cartolarizzazione da 1,4 miliardi di euro
No11/08/2016/Pagine/Area_Stampa/News/ilgruppobancarioiccreaconilgruppobeiunacartolarizzazioneda14miliardidi.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa con SACE per il programma &quot;2i per l&#039;impresa&quot;
SACE (Gruppo Cassa depositi e prestiti), Iccrea BancaImpresa (la banca corporate del Credito Cooperativo – Gruppo bancario Iccrea) e la Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale hanno finalizzato una linea di credito da 400 mila euro destinata a sostenere l’innovazione e la crescita internazionale della siciliana Montalbano Recycling, Pmi specializzata in tecnologie per il trattamento e riciclo di materiali di scarto.
No09/08/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaconsaceilprogramma2ilimpresa.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa, insieme ad altre 5 BCC friulane: 10,9 milioni di euro per l&#039;acquisto dell&#039;ex Ospizio Marino a Grado
10,9 milioni di euro a favore della Onlus Grado Riabilita, incaricata dell’acquisto e della gestione dell’Istituto fisioterapico-riabilitativo di Grado (Gorizia)
No05/08/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresainsiemeadaltre5bccfriulane109milionidieurolacquisto.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa in prima linea accanto alle aziende che emettono minibond
No04/08/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaprimalineaaccantoalleaziendecheemettonominibond.aspxNews
  
I lavoratori approvano in assemblea l&#039;accordo sindacale
L'assemblea dei lavoratori del 29 luglio ha ratificato con larga maggioranza (oltre il 75%) l'intesa per la riduzone del 10% del costo del lavoro.
No02/08/2016/Pagine/Area_Stampa/News/ilavoratoriapprovanoassemblealaccordosindacale.aspxNews
  
Firmato l&#039;accordo coi sindacati riguardo la &quot;Manovra sul costo del lavoro&quot;
L’accordo prevede misure ispirate a principi di equità e progressività per gli oltre 2.500 dipendenti del Gruppo senza incidere sullo stipendio mensile dei lavoratori.
L’intesa permette una riduzione del costo del lavoro del 10% già dal 2017.
Rubattu (DG di Iccrea Holding): “La valenza di questo accordo è eccezionale, perché guarda al futuro e offre garanzie sotto il profilo dell’equità e del welfare”.
No28/07/2016/Pagine/Area_Stampa/News/firmatolaccordocoisindacatiriguardolamanovrasulcostodellavoro.aspxNews
  
Salvatore Iudicone nuovo Direttore Generale di BCC Gestione Crediti
 

Iudicone subentra a Fabio D’orefice, Direttore Generale di BCC Gestione Crediti dal 2007 ad oggi.

No25/07/2016/Pagine/Area_Stampa/News/salvatoreiudiconenuovodirettoregeneraledibccgestionecrediti.aspxNews
  
Iccrea Banca incorpora la Capogruppo Iccrea Holding
No13/07/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaincorporalacapogruppoiccreaholding.aspxNews
  
Iccrea Holding: approvato il bilancio 2015, il Gruppo si prepara alle grandi sfide che attendono il Credito Cooperativo
No01/07/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreaholdingapprovatoilbilancio2015ilgrupposipreparaallegrandisfide.aspxNews
  
Nuova sinergia tra Iccrea Banca e Satispay. La start up sbarca sui POS Ingenico
Da subito il roll out progressivo su 83.000 esercenti  clienti  del Credito Cooperativo . Satispay sarà il primo sistema di pagamento mobile in Europa a raggiungere una così alta diffusione nei terminali di pagamento. Inoltre, per i clienti delle BCC che ne hanno fatto richiesta, diventa possibile attivare Satispay attraverso il servizio Relax Banking. 

 

Satispay, la giovane start up italiana che ha ridefinito radicalmente i modelli nel settore del mobile payment, e Iccrea Banca, partner di riferimento della giovane azienda italiana, stringono nuove singergie volte a generare immediati benefici per clienti delle Banche di Credito Cooperativo (BCC) e ad accelerare la diffusione del sistema di pagamento Satispay.

Date:Tra i primi risultati di tali sinergie, la messa a punto dell’integrazione dell’innovativo sistema di pagamento per i POS Ingenico, i più diffusi sul mercato.

L’integrazione nasce da una già concreta esigenza di mercato: Sinergia, consorzio del Credito Cooperativo che si occupa di tutte le attività di operations e back office, ha infatti identificato il valore aggiunto che l’attivazione del servizio  Satispay sui POS Ingenico dei propri clienti avrebbe generato, e da questo si è ampliata a un bacino complessivo di 83.000 esercizi commerciali, clienti del Credito Cooperativo che usano i canali di  Iccrea Banca, e per i quali è già pronto il programma di roll out che prevede un rapido aggiornamento del software dei POS installati nei loro punti vendita.

L’aggiornamento, grazie al lavoro svolto da Ingenico, permette l’immediato  collegamento dei terminali al sistema Satispay e di attivare la funzione di raccolta dei messaggi di notifica sul POS.  

A questo già rilevante risultato, si aggiunge la contestuale operazione che, dal mese di giugno, vede la possibilità, per le BCC che ne hanno fatto richiesta, di promuovere tra i privati la sottoscrizione a Satispay attraverso la home page del proprio servizio di home banking “Relax Banking”.

Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Holding, ha dichiarato: “Grazie ad Iccrea Banca l'intuizione di tre ragazzi del territorio italiano sta diventando un caso di successo a livello europeo. Attraverso Satispay, il Credito Cooperativo si situa all'avanguardia nei pagamenti innovativi ed è in grado di offrire ai suoi clienti, in particolare ai giovani, non solo una soluzione di pagamento a costi competitivi ma una vera e propria piattaforma per la promozione e lo sviluppo della loro attività. Nell’ambito dei grandi cambiamenti che stanno caratterizzando il settore dei pagamenti,  quello a cui assistiamo oggi è un esempio virtuoso e senza precedenti di collaborazione tra operatori tradizionali – come le BCC e Ingenico - e nuove realtà fintech, di cui Satispay è un esempio d’eccellenza, volta a mettere a disposizione di tutti, amplificandoli, i benefici derivanti dall’utilizzo delle nuove tecnologie e dei nuovi modelli da esse derivanti applicati alla finanza. Iccrea Banca ha fin da subito creduto nel progetto Satispay come leva per innovare, rafforzandolo, il modello di relazione tra le BCC e il territorio.Tale scelta si inserisce in una strategia più ampia del Gruppo bancario Iccrea nel panorama del FinTech, che ha visto Iccrea Banca investire nel capitale di Ventis.it, con la volontà di far diventare il Market Place uno dei principali player del mercato on line Italiano. Questo significa poter disporre nel prossimo triennio di centinaia di migliaia di contatti al giorno, oltre alla possibilità di contattare e realizzare vendite di grandi brand nel settore della moda, dell’arredamento, del lifestyle e dell’enogastronomia, con uno spazio importante dedicato alle aziende clienti delle BCC, presenti sul portale e contraddistinte dal marchio “Consigliato da BCC”. Ventis offre un’importante risorsa innovativa alle BCC per accompagnare nel processo di digitalizzazione le PMI italiane, tramite uno strumento innovativo di marketing relazionale”.

No22/06/2016/Pagine/Area_Stampa/News/nuovasinergiatraiccreabancaesatispaylastartsbarcasuiposingenico.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa e Banca Sviluppo insieme al credito cooperativo romagnolo BCC di Cesena e Gatteo sostengono la Righetti Navi s.r.l.
No13/06/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaebancasviluppoinsiemealcreditocooperativoromagnolobcc.aspxNews
  
BCC Risparmio&amp;Previdenza approvato il bilancio 2015 utile a 12,8 milioni di euro
No09/06/2016/Pagine/Area_Stampa/News/bccrisparmioprevidenzaapprovatoilbilancio2015utile128milionidieuro.aspxNews
  
Il Gruppo Bancario Iccrea accentra gli uffici di Milano in un unico polo e organizza un evento di presentazione dedicato alle BCC lombarde
No20/05/2016/Pagine/Area_Stampa/News/ilgruppobancarioiccreaaccentragliufficidimilanoununicopoloeorganizza.aspxNews
  
BCC CreditoConsumo approvato il bilancio 2015 utile netto a 8,1 milioni di euro, rinnovato il cda per il triennio 2016 - 2018
No16/05/2016/Pagine/Area_Stampa/News/bcccreditoconsumoapprovatoilbilancio2015utilenetto81milionidieuro.aspxNews
  
Accordo SACE (Gruppo CDP) - Iccrea BancaImpresa 150 milioni di euro per l’internazionalizzazion e l’innovazione delle imprese italiane
Iccrea BancaImpresa è la prima banca in Italia a firmare con SACE un accordo nell’ambito del “Programma 2i per l’Impresa” di CDP-SACE-FEI che mette a disposizione delle imprese italiane i fondi del Piano Juncker.
No18/03/2016/Pagine/Area_Stampa/News/accordosacegruppocdpiccreabancaimpresa150milionidieurol.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa finanzia il gruppo GTS
No09/03/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresafinanziailgruppogts.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa finanziato un nuovo impianto per la gestione dei rifiuti a cingoli (macerata)
No08/03/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresafinanziatounnuovoimpiantolagestionedeirifiuticingoli.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa: capofila di un investimento di 42 milioni di euro per la Orogel
No02/03/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresacapofiladiuninvestimentodi42milionidieurolaorogel.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa capofila del primo finanziamento di un contratto di filiera, di 36,7 milioni di euro
No02/03/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresacapofiladelprimofinanziamentodiuncontrattodifilieradi.aspxNews
  
Leonardo Rubattu nominato Direttore Generale di Iccrea Holding
 

No29/02/2016/Pagine/Area_Stampa/News/leonardorubattunominatodirettoregeneralediiccreaholding.aspxNews
  
Iccrea Banca: ECCO #SERIALPAYER la nuova web serie di Carta BCC
CARTA BCC torna online con una nuova web serie. Creativita’ e regia di Lillo Petrolo.
No19/02/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaeccoserialpayerlanuovawebseriedicartabcc.aspxNews
  
Iccrea Holding: il Direttore Generale lascia il suo incarico
No03/02/2016/Pagine/Area_Stampa/News/iccreaholdingildirettoregeneralelasciailsuoincarico.aspxNews
  
Iccrea Holding cede la quota di ICBPI
A seguito delle autorizzazioni ricevute dalle autorità di vigilanza competenti, in data odierna si è perfezionata la cessione a Mercury Italy S.r.l. (veicolo indirettamente partecipato dai fondi Bain Capital, Advent International e Clessidra Sgr) dell’85,29% circa del capitale sociale detenuto in Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane S.p.A. (“ICBPI”) da parte di Credito Valtellinese S.c. (18,39%), Banco Popolare S.c. (13,88%), Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. (9,99%), Veneto Banca S.c.p.a. (9,99%), Banca popolare dell’Emilia Romagna S.c. (9,14%), Iccrea Holding S.p.A. (7,42%), Banca Popolare di Cividale S.c.p.a. (4,44%), UBI Banca S.p.A. (4,04%), Banca Popolare di Milano S.C.ar.l. (4,00%), Banca Carige S.p.A. (2,20%) e Banca Sella Holding S.p.A. (1,80%), ad un prezzo determinato sulla base di una valutazione del 100% del capitale di ICBPI di 2.150 milioni di euro.
No18/12/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreaholdingcedelaquotadiicbpi.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa rafforza la partecipazione in Car Server
La banca corporate del Credito Cooperativo ha convertito il Prestito Obbligazionario da 5 milioni di euro, aumentando la quota capitale nella società emiliana di noleggio flotte auto.
No11/11/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresarafforzalapartecipazionecarserver.aspxNews
  
Il GBI aderisce a T2S: la piattaforma europea per le transazioni in titoli
No28/10/2015/Pagine/Area_Stampa/News/ilgbiaderiscet2slapiattaformaeuropealetransazionititoli.aspxNews
  
Il GBI ospita le banche cooperative europee
No09/10/2015http://www.gruppobancarioiccrea.it/Pagine/ServiziEstero/newsunico.aspxNewsIccrea Banca
  
Solo Intesa SP e Iccrea le banche italiane leader in zona euro
No05/10/2015/Pagine/Area_Stampa/News/solointesaspeiccrealebancheitalianeleaderzonaeuro.aspxNews
  
Approvato il bilancio semestrale consolidato del Gruppo bancario Iccrea
Il Consiglio di Amministrazione di Iccrea Holding ha approvato il bilancio semestrale consolidato del Gruppo bancario Iccrea al 30 giugno 2015. Il primo semestre dell’anno si chiude con un utile netto di esercizio di 51,5 milioni di euro (22,3 milioni nel 2014), e il patrimonio netto del Gruppo, comprensivo dell’utile, ammonta a 1,76 miliardi di euro.
No29/09/2015/Pagine/Area_Stampa/News/approvatoilbilanciosemestraleconsolidatodelgruppobancarioiccrea.aspxNews
  
Target 2 Securities: a pochi giorni dall’avvio, a pieno regime l’attività di Iccrea Banca sulla nuova piattaforma
Il Credito Cooperativo italiano, grazie ai servizi di Iccrea Banca, è protagonista nel processo di integrazione europea
No11/09/2015/Pagine/Area_Stampa/News/target2securitiespochigiornidall’avviopienoregimel’attivitàdiiccreabanca2.aspxNews
  
Target 2 Securities: a pochi giorni dall’avvio, a pieno regime l’attività di Iccrea Banca sulla nuova piattaforma
Il Credito Cooperativo italiano, grazie ai servizi di Iccrea Banca, è protagonista nel processo di integrazione europea
No11/09/2015/Pagine/Area_Stampa/News/target2securitiespochigiornidall’avviopienoregimel’attivitàdiiccreabanca.aspxNews
  
Territorio, export del made in Italy e internazionalizzazione. Il ruolo delle BCC per lo sviluppo locale
Workshop a Expo Milano 2015 del Gruppo bancario Iccrea insieme ad AISM per analizzare le opportunità per le BCC e per la loro clientela corporate
No09/09/2015/Pagine/Area_Stampa/News/territorioexportdelmadeitalyeinternazionalizzazioneilruolodellebcclo.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa insieme al Consorzio Marche Biologiche per il supporto alle filiere agroalimentari bio.
Workshop a Expo Milano 2015 per presentare un processo di filiera che ha permesso, nel caso delle Marche, di destinare all'estero il 70% dei volumi prodotti.
No16/07/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresainsiemealconsorziomarchebiologicheilsupportoallefiliere.aspxNews
  
Iccrea Holding approva il bilancio 2014
L’assemblea degli Azionisti di Iccrea Holding, la Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea che riunisce le società che offrono prodotti e servizi alle Banche di Credito Cooperativo, ha approvato oggi a Roma il progetto di bilancio 2014, che chiude con un utile di esercizio di 36,5 milioni di euro (+21,7% rispetto all’esercizio precedente). A livello consolidato, invece, l’utile si attesta a 48 milioni (+38,2%), mentre il patrimonio netto del Gruppo, comprensivo dell’utile, ammonta a 1,65 miliardi di euro.
No12/06/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreaholdingapprovailbilancio2014.aspxNews
  
BCC CreditoConsumo: approvato il bilancio 2014. Utile netto a 4,7 milioni di euro
L’assemblea degli Azionisti di BCC CreditoConsumo (la società controllata da Iccrea Holding - Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea – e partecipata da Agos Ducato e Cassa Centrale Raiffeisen) che fornisce prodotti e servizi di credito al consumo per i clienti delle Banche di Credito Cooperativo, ha approvato il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2014.
No19/05/2015/Pagine/Area_Stampa/News/bcccreditoconsumoapprovatoilbilancio2014utilenetto47milionidieuro.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa co-arranger per il collocamento di un Minibond da 8 milioni di euro.
Oxon Italia S.p.A. (società del Gruppo Sipcam-Oxon, primo gruppo multinazionale italiano e 14esimo nel ranking mondiale del comparto agrochimico con sede a Milano), ha affidato il mandato, in qualità di co-arranger, a Iccrea BancaImpresa S.p.A. (la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo – Gruppo bancario Iccrea) e ADB – Analisi Dati Borsa per la strutturazione di un prestito rappresentato da obbligazioni per un ammontare nominale di 8.000.000 di euro, che avrà una durata di sei anni (scadenza 2021). L’operazione vede Pioneer Investments, assistita da Eidos Partners, agire come co-investitore a fianco di Iccrea BancaImpresa, attraverso il fondo chiuso specializzato in MiniBond Pioneer Progetto Italia.
No29/04/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresacoarrangerilcollocamentodiunminibondda8milionidieuro.aspxNews
  
Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa: approvati i bilanci 2014
Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa, le due banche del Gruppo bancario Iccrea che si occupano, rispettivamente, della gestione finanziaria del Gruppo (oltre a essere l’istituto centrale del Credito Cooperativo) e degli impieghi verso le imprese clienti delle BCC, hanno approvato i loro bilanci al 31 dicembre 2014.
No28/04/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaeiccreabancaimpresaapprovatiibilanci2014.aspxNews
  
La multiutility Egea esordisce in borsa con un minibond da 15 milioni. Iccrea BancaImpresa co-arranger dell’operazione.
Dalla distribuzione di servizi di luce e gas al teleriscaldamento, fotovoltaico e metano, l’energia pulita di Egea sbarca in Borsa con un MiniBond da 15 milioni di euro che servirà a sostenere il proprio piano di crescita sul territorio provinciale piemontese. Da martedì 31 marzo 2015 il MiniBond sarà quotato sul mercato ExtraMOT PRO, il segmento di Piazza Affari riservato ai soli investitori professionali, dopo che si è chiusa con successo l’emissione del prestito obbligazionario senior unsecured della durata di 6 anni.
No30/03/2015/Pagine/Area_Stampa/News/lamultiutilityegeaesordisceborsaconunminibondda15milioniiccrea.aspxNews
  
Il Gruppo bancario Iccrea e Federcasse insieme a Confcooperative a Cascina Triulza presso EXPO 2015
No04/02/2015/Pagine/Area_Stampa/News/ilgruppobancarioiccreaefedercasseinsiemeconfcooperativecascinatriulza.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa finalizza un finanziamento a favore de L’Abbondanza Srl
15 milioni di euro per sostenere i progetti di crescita dell'azienda attiva nella grande distribuzione nel centro Italia
No08/01/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresafinalizzaunfinanziamentofavoredel’abbondanzasrl2.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa finalizza un finanziamento a favore de L’Abbondanza Srl
15 milioni di euro per sostenere i progetti di crescita dell'azienda attiva nella grande distribuzione nel centro Italia
No08/01/2015/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresafinalizzaunfinanziamentofavoredel’abbondanzasrl.aspxNews
  
ccrea BancaImpresa finanzia gli investimenti di Estra S.p.A. in pool con Chianti Banca
15 milioni di euro per sostenere i progetti di crescita della multiutility a partecipazione pubblica che opera nel settore dell’energia
No29/12/2014/Pagine/Area_Stampa/News/ccreabancaimpresafinanziagliinvestimentidiestraspapoolconchiantibanca.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa finanzia l’innovazione di BDF Industries insieme alla CRA di Brendola
5 milioni di euro a garanzia FEI per sostenere l’azienda vicentina nei suoi progetti di crescita Iccrea BancaImpresa (la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo – Gruppo bancario Iccrea) ha concluso un’operazione a favore di BDF Industries, società vicentina cliente della Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola Credito Cooperativo, e leader in Europa e nel mondo nella costruzione di macchine per la formatura del vetro cavo e nella costruzione di impianti vetrari completi. L’operazione, portata a termine da Iccrea BancaImpresa, consiste in un finanziamento chirografario a garanzia FEI (Fondo Europeo degli Investimenti) da 5 milioni di euro, destinato a sostenere il progetto “Macchina per la formatura del vetro cavo ad alta velocità”. Il Gruppo BDF si presenta sul mercato come unico fornitore di una filiera completa di prodotti e servizi, che vanno dalla progettazione alla produzione di macchine, all’automazione ed al risparmio energetico. Da sempre attento agli sviluppi e alle richieste dell’automazione nelle vetrerie, la società ha continuato ad evolvere sul fronte delle soluzioni e dell’innovazione tecnologica, con particolare riguardo alla possibilità di inserire all’interno dei processi produttivi il recupero di energia, derivato dal calore contenuto nei fumi espulsi dai processi di fusione del vetro. L’operazione appena conclusa evidenzia come, ancora una volta, la sinergia tra una Società del Gruppo bancario Iccrea e la Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola Credito Cooperativo possa esprimere l’unione delle competenze e l’ampia gamma di servizi e soluzioni finanziarie offerte a beneficio dei progetti di crescita delle imprese e, più in generale, del benessere socio-economico di un territorio come quello vicentino.
No18/12/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresafinanzial’innovazionedibdfindustriesinsiemeallacradi2.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa finanzia l’innovazione di BDF Industries insieme alla CRA di Brendola
5 milioni di euro a garanzia FEI per sostenere l’azienda vicentina nei suoi progetti di crescita Iccrea BancaImpresa (la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo – Gruppo bancario Iccrea) ha concluso un’operazione a favore di BDF Industries, società vicentina cliente della Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola Credito Cooperativo, e leader in Europa e nel mondo nella costruzione di macchine per la formatura del vetro cavo e nella costruzione di impianti vetrari completi. L’operazione, portata a termine da Iccrea BancaImpresa, consiste in un finanziamento chirografario a garanzia FEI (Fondo Europeo degli Investimenti) da 5 milioni di euro, destinato a sostenere il progetto “Macchina per la formatura del vetro cavo ad alta velocità”. Il Gruppo BDF si presenta sul mercato come unico fornitore di una filiera completa di prodotti e servizi, che vanno dalla progettazione alla produzione di macchine, all’automazione ed al risparmio energetico. Da sempre attento agli sviluppi e alle richieste dell’automazione nelle vetrerie, la società ha continuato ad evolvere sul fronte delle soluzioni e dell’innovazione tecnologica, con particolare riguardo alla possibilità di inserire all’interno dei processi produttivi il recupero di energia, derivato dal calore contenuto nei fumi espulsi dai processi di fusione del vetro. L’operazione appena conclusa evidenzia come, ancora una volta, la sinergia tra una Società del Gruppo bancario Iccrea e la Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola Credito Cooperativo possa esprimere l’unione delle competenze e l’ampia gamma di servizi e soluzioni finanziarie offerte a beneficio dei progetti di crescita delle imprese e, più in generale, del benessere socio-economico di un territorio come quello vicentino.
No18/12/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresafinanzial’innovazionedibdfindustriesinsiemeallacradi.aspxNews
  
Iccrea Holding e Italfondiario insieme per la gestione dei crediti problematici delle Banche di Credito Cooperativo
Iccrea Holding (la Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, che riunisce le società che offrono prodotti e servizi alle Banche di Credito Cooperativo) e Italfondiario (Società controllata dal fondo di private equity Fortress e leader in Italia nella gestione del credito) hanno siglato una partnership strategica finalizzata alla gestione dei portafogli di Non Performing Loans (NPL) delle Banche di Credito Cooperativo.
No16/12/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreaholdingeitalfondiarioinsiemelagestionedeicreditiproblematicidelle.aspxNews
  
Iccrea BancaImpresa sigla il contratto di finanziamento per Conserve Italia
40 milioni di euro per sostenere i progetti di crescita dell’azienda leader nel settore agroindustriale
No15/12/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresasiglailcontrattodifinanziamentoconserveitalia.aspxNews
  
Iccrea Holding supera la valutazione approfondita della BCE
    No26/10/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreaholdingsuperalavalutazioneapprofonditadellabce.aspxNews
      
    C’è quella giusta per te!
    Dal 20 ottobre parte la prima campagna televisiva di CartaBCC con protagonista Andrea Lo Cicero
    No17/10/2014/Pagine/Area_Stampa/News/c’èquellagiustate2.aspxNews
      
    C’è quella giusta per te!
    Dal 20 ottobre parte la prima campagna televisiva di CartaBCC con protagonista Andrea Lo Cicero
    No17/10/2014/Pagine/Area_Stampa/News/c’èquellagiustate.aspxNews
      
    Enrico Duranti nominato Presidente di Leaseurope per il biennio 2014-2016
    Enrico Duranti, Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Credito Cooperativo controllata da Iccrea Holding, è il nuovo Presidente di Leaseurope (l'organismo di categoria che rappresenta l'industria di leasing e di noleggio automobilistico in Europa) per il biennio 2014-2016.
    No09/10/2014/Pagine/Area_Stampa/News/enricodurantinominatopresidentedileaseuropeilbiennio20142016.aspxNews
      
    Insieme a BCC Centropadana per l’apertura di Eataly Piacenza
    Eataly Piacenza apre al pubblico martedì 30 settembre 2014 alle ore 10, nell'Ex Cavallerizza in Stradone Farnese 39 a pochi passi dal centro e dalla stazione ferroviaria. Con uno spazio di 2.500 metri quadrati suddivisi tra vendita, ristorazione e didattica, il nuovo punto vendita è dedicato alla Biodiversità della Provincia Italiana.
    No26/09/2014/Pagine/Area_Stampa/News/insiemebcccentropadanal’aperturadieatalypiacenza2.aspxNews
      
    Insieme a BCC Centropadana per l’apertura di Eataly Piacenza
    Eataly Piacenza apre al pubblico martedì 30 settembre 2014 alle ore 10, nell'Ex Cavallerizza in Stradone Farnese 39 a pochi passi dal centro e dalla stazione ferroviaria. Con uno spazio di 2.500 metri quadrati suddivisi tra vendita, ristorazione e didattica, il nuovo punto vendita è dedicato alla Biodiversità della Provincia Italiana.
    No26/09/2014/Pagine/Area_Stampa/News/insiemebcccentropadanal’aperturadieatalypiacenza.aspxNews
      
    Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa hanno approvato le semestrali 2014
    Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa, le due banche del Gruppo bancario Iccrea che si occupano, rispettivamente, della gestione finanziaria del Gruppo (oltre a essere l’istituto centrale del Credito Cooperativo) e degli impieghi verso le imprese clienti delle BCC, hanno approvato i loro bilanci semestrali al 30 giugno 2014.
    No26/08/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaeiccreabancaimpresahannoapprovatolesemestrali2014.aspxNews
      
    Siglato il contratto di finanziamento tra il pool di banche guidato da Iccrea BancaImpresa a favore di Cremonini SpA
    15 milioni di euro per sostenere i progetti di crescita della società leader nel settore alimentare
    No24/07/2014/Pagine/Area_Stampa/News/siglatoilcontrattodifinanziamentotrailpooldibancheguidatodaiccrea.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa ha finanziato un piano di investimenti per Industria Armamento Meridionale (INARME) in pool con BCC di Napoli
    15 milioni di euro per sostenere la controllata del Gruppo Grimaldi nei suoi progetti di crescita
    No16/07/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresahafinanziatounpianodiinvestimentiindustriaarmamento.aspxNews
      
    L’Assemblea di Iccrea Holding ha approvato il bilancio 2013
    No27/06/2014/Pagine/Area_Stampa/News/l’assembleadiiccreaholdinghaapprovatoilbilancio2014.aspxNews
      
    L’Assemblea di Iccrea Holding ha approvato il bilancio 2013
    No27/06/2014/Pagine/Area_Stampa/News/l’assembleadiiccreaholdinghaapprovatoilbilancio2013.aspxNews
      
    Al via il fondo Jessica energia per il risparmio energetico delle infrastrutture pubbliche siciliane
    Firmati i primi contratti di finanziamento
    No16/06/2014/Pagine/Area_Stampa/News/alilfondojessicaenergiailrisparmioenergeticodelleinfrastrutturepubbliche.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa, BPER e Banco di Sardegna finanziano un progetto per lo sviluppo della rete gas in Sardegna
    Iccrea BancaImpresa (la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo – Gruppo bancario Iccrea), Banca Popolare dell’Emilia Romagna (in qualità di banca coordinatrice e agente) e Banco di Sardegna, hanno concesso a Isgastrentatre S.p.A. un finanziamento in project finance di 27 milioni di euro per la realizzazione della rete e degli impianti del gas cittadino nei Comuni di Quartucciu, Quartu Sant'Elena, Monserrato, Settimo San Pietro e Sinnai, appartenenti al Bacino 33 della provincia di Cagliari. Parte del finanziamento è stato messo a disposizione della società mediante utilizzo del fondo di riqualificazione urbana JESSICA Sardegna Lotto 1 (Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas) gestito dal Banco di Sardegna, strumento creato dalla Commissione Europea, da BEI e CEB (Council of Europe Development Bank) allo scopo di promuovere interventi di sviluppo e riqualificazione delle aree urbane.
    No21/05/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresabperebancodisardegnafinanzianounprogettolosviluppo.aspxNews
      
    Approvato il bilancio 2013. Utile netto a 4,9 milioni di euro
    No13/05/2014/Pagine/Area_Stampa/News/approvatoilbilancio2013utilenetto49milionidieuro.aspxNews
      
    Chiusa una nuova operazione a beneficio della filiera del Credito Cooperativo
    Con l’acquisizione di Iside, importante realtà informatica del Credito Cooperativo, prosegue il processo di razionalizzazione del sistema BCC e aumenta la capacità di servizio del Gruppo Bancario Iccrea. Nasce BCC Sistemi Informatici Spa.
    No02/05/2014/Pagine/Area_Stampa/News/chiusaunanuovaoperazionebeneficiodellafilieradelcreditocooperativo.aspxNews
      
    Agiamo Uniti: concluso il road show 2014 del Gruppo bancario Iccrea
    Nei 12 incontri il Gruppo ha incontrato 200 Banche di Credito Cooperativo e ha presentato le linee-guida per il 2014-2016
    No28/04/2014/Pagine/Area_Stampa/News/agiamouniticonclusoilroadshow2014delgruppobancarioiccrea.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa e SACE rinnovano gli accordi per l’internazionalizzazione delle imprese
    130 milioni di euro complessivi per sostenere le PMI sui mercati internazionali
    No14/04/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaesacerinnovanogliaccordil’internazionalizzazionedelle2.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa e SACE rinnovano gli accordi per l’internazionalizzazione delle imprese
    130 milioni di euro complessivi per sostenere le PMI sui mercati internazionali
    No14/04/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaesacerinnovanogliaccordil’internazionalizzazionedelle.aspxNews
      
    Banca Sviluppo mette a segno la prima cessione di uno sportello al territorio
    La filiale di Benevento di Banca Sviluppo va alla Banca di Credito Cooperativo di S.Marco dei Cavoti e del Sannio-Calvi Banca Sviluppo, la banca del Gruppo bancario Iccrea che interviene in caso di Banche di Credito Cooperativo in difficoltà, ha ceduto lo sportello di Benevento alla BCC di S. Marco dei Cavoti e del Sannio-Calvi, aderente alla Federazione campana delle BCC. Questa è la prima cessione di sportello da parte di Banca Sviluppo ad una Banca di Credito Cooperativo locale, con la finalità di sostenere la crescita e la competitività delle BCC sul territorio e, contestualmente, promuovere il ruolo del Credito Cooperativo a supporto del Sistema Italia. “L’iniziativa – ha commentato il Presidente di Banca Sviluppo, Enrico Falcone – ci rende particolarmente orgogliosi, perché con questa prima operazione diamo seguito alla mission di Banca Sviluppo, ossia intervenire a fronte di BCC entrate in difficoltà mantenendo viva la rete degli sportelli e, di conseguenza, la relazione sui territori di riferimento”. “Siamo soddisfatti di questo risultato – ha aggiunto il Presidente di Iccrea Holding, Giulio Magagni – perché con la cessione dello sportello di Benevento si è riaffermato e rafforzato il ruolo strategico di Banca Sviluppo e di tutto il Gruppo Iccrea al fianco delle BCC e a beneficio della loro clientela corporate e retail”.
    No14/04/2014/Pagine/Area_Stampa/News/bancasviluppomettesegnolaprimacessionediunosportelloalterritorio.aspxNews
      
    Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa approvano i progetti di bilancio 2013
    Iccrea Banca e Iccrea BancaImpresa, le due banche del Gruppo bancario Iccrea che si occupano, rispettivamente, della gestione finanziaria del Gruppo (oltre a essere l’istituto centrale del Credito Cooperativo) e degli impieghi verso le imprese clienti delle BCC, hanno approvato i loro progetti di bilancio al 31 dicembre 2013.
    No26/03/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaeiccreabancaimpresaapprovanoiprogettidibilancio2013.aspxNews
      
    Agiamo uniti: ecco il road show 2014 del Gruppo bancario Iccrea
    Tredici incontri per confrontarsi con le BCC Azioniste e presentare le strategie a beneficio dei loro sei milioni di clienti corporate e retail. Iccrea Holding, la Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, ha iniziato il 2 febbraio il suo tradizionale ciclo di incontri sul territorio per presentare ai propri Azionisti – le Banche di Credito Cooperativo – le strategie del Gruppo a sostegno del Sistema e a beneficio delle famiglie e delle piccole e medie imprese clienti del Credito Cooperativo.
    No19/02/2014/Pagine/Area_Stampa/News/agiamounitieccoilroadshow2014delgruppobancarioiccrea.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa premia il vincitore di MimprendoItalia 2013
    Coinvolte 58 aziende e 450 tra studenti e laureati di 16 atenei italiani nello sviluppo di progetti innovativi
    No13/02/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresapremiailvincitoredimimprendoitalia2013.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa sigla l’accordo con il Fondo Europeo per gli investimenti per l’innovazione delle PMI
    Iccrea BancaImpresa, la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo italiano controllata da Iccrea Holding Spa (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), ed il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) hanno siglato oggi la convenzione che permetterà di sostenere attività di ricerca, sviluppo e innovazione delle piccole e medie imprese italiane nell’ambito del Risk Sharing Instrument (RSI), un’iniziativa congiunta della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e della Commissione Europea.
    No31/01/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresasiglal’accordoconilfondoeuropeogliinvestimentil2.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa sigla l’accordo con il Fondo Europeo per gli investimenti per l’innovazione delle PMI
    Iccrea BancaImpresa, la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo italiano controllata da Iccrea Holding Spa (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), ed il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) hanno siglato oggi la convenzione che permetterà di sostenere attività di ricerca, sviluppo e innovazione delle piccole e medie imprese italiane nell’ambito del Risk Sharing Instrument (RSI), un’iniziativa congiunta della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e della Commissione Europea.
    No31/01/2014/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresasiglal’accordoconilfondoeuropeogliinvestimentil.aspxNews
      
    Gruppo bancario Iccrea: 50 anni raccontati in una APP
    No17/01/2014/Pagine/Area_Stampa/News/gruppobancarioiccrea50anniraccontatiunaapp.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa apre l’ufficio di rappresentanza a Mosca
    Iccrea BancaImpresa, la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo italiano, controllata da Iccrea Holding Spa (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), ha aperto il suo ufficio di rappresentanza a Mosca, dopo aver ricevuto l’autorizzazione dalla Banca centrale russa. Da metà dicembre la banca corporate del Credito Cooperativo potrà quindi contare su un importante supporto operativo in loco per assistere le imprese italiane in Russia, dando così seguito all’intensa attività già svolta in passato per lo sviluppo di business all’estero e che si è estesa – grazie a partnership con altri importanti player del mercato – anche verso altri paesi dell’est Europa e asiatici (Turchia, India).
    No16/12/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaaprel’ufficiodirappresentanzamosca2.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa apre l’ufficio di rappresentanza a Mosca
    Iccrea BancaImpresa, la banca per lo sviluppo delle imprese clienti del Credito Cooperativo italiano, controllata da Iccrea Holding Spa (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), ha aperto il suo ufficio di rappresentanza a Mosca, dopo aver ricevuto l’autorizzazione dalla Banca centrale russa. Da metà dicembre la banca corporate del Credito Cooperativo potrà quindi contare su un importante supporto operativo in loco per assistere le imprese italiane in Russia, dando così seguito all’intensa attività già svolta in passato per lo sviluppo di business all’estero e che si è estesa – grazie a partnership con altri importanti player del mercato – anche verso altri paesi dell’est Europa e asiatici (Turchia, India).
    No16/12/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaaprel’ufficiodirappresentanzamosca.aspxNews
      
    Continua il sostegno alla salvaguardia dell’ambiente e alla promozione del turismo nelle aree protette italiane
    “Il sistema delle aree protette costituisce un formidabile veicolo di sviluppo economico” ha detto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea banca nel suo intervento all’Assemblea di Federparchi, svoltasi recentemente a Roma.
    No12/12/2013/Pagine/Area_Stampa/News/continuailsostegnoallasalvaguardiadell’ambienteeallapromozionedelturismo2.aspxNews
      
    Continua il sostegno alla salvaguardia dell’ambiente e alla promozione del turismo nelle aree protette italiane
    “Il sistema delle aree protette costituisce un formidabile veicolo di sviluppo economico” ha detto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea banca nel suo intervento all’Assemblea di Federparchi, svoltasi recentemente a Roma.
    No12/12/2013/Pagine/Area_Stampa/News/continuailsostegnoallasalvaguardiadell’ambienteeallapromozionedelturismo.aspxNews
      
    La musica e l’arte: un investimento per il futuro
    No07/10/2013/Pagine/Area_Stampa/News/lamusicael’arteuninvestimentoilfuturo2.aspxNews
      
    La musica e l’arte: un investimento per il futuro
    No07/10/2013/Pagine/Area_Stampa/News/lamusicael’arteuninvestimentoilfuturo.aspxNews
      
    Il Gruppo bancario Iccrea è main partner del Festival Uto Ughi per Roma 2013
    Promossa la sponsorship per avvicinare i giovani alla musica classica.
    No11/09/2013/Pagine/Area_Stampa/News/ilgruppobancarioiccreaèmainpartnerdelfestivalutoughiroma2014.aspxNews
      
    Il Gruppo bancario Iccrea è main partner del Festival Uto Ughi per Roma 2013
    Promossa la sponsorship per avvicinare i giovani alla musica classica.
    No11/09/2013/Pagine/Area_Stampa/News/ilgruppobancarioiccreaèmainpartnerdelfestivalutoughiroma2013.aspxNews
      
    Iccrea Banca insieme a FIDAL per una carta co-branded
     CartaBcc, consolidano il legame con il mondo sportivo promuovendo e sostenendo l’atletica leggera, grazie a una partnership con FIDAL (Federazione italiana di atletica leggera), con la quale Iccrea Banca avvierà la realizzazione di una nuova carta prepagata con IBAN co-branded, che sarà a disposizione degli atleti soci, dirigenti e collaboratori della FIDAL nel prossimo autunno.
    No26/07/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancainsiemefidalunacartacobranded.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa (Gruppo bancario Iccrea) sale a bordo di Car Server
    No25/07/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresagruppobancarioiccreasalebordodicarserver.aspxNews
      
    Giulio Magagni confermato Presidente di Iccrea Holding
     è stato eletto per il quarto mandato consecutivo Presidente di Iccrea Holding SpA, la Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, che riunisce le aziende a supporto delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali italiane.
    No04/07/2013/Pagine/Area_Stampa/News/giuliomagagniconfermatopresidentediiccreaholding.aspxNews
      
    Approvato il bilancio 2012. Rinnovato il CdA per il 2013-2015
    No28/06/2013/Pagine/Area_Stampa/News/approvatoilbilancio2012rinnovatoilcdail20132015.aspxNews
      
    BCC Factoring (controllata IBI) nomina Presidente Ignazio Parrinello
    Ignazio Parrinello, dottore commercialista di Varese e Vice Presidente Vicario della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate, ? il nuovo Presidente diBCC Factoring, societ? controllata direttamente da Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Credito Cooperativo, controllata a sua volta da Iccrea Holding (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea).
    No13/06/2013/Pagine/Area_Stampa/News/bccfactoringcontrollataibinominapresidenteignazioparrinello.aspxNews
      
    BCC Cedola IV – 2018 e BCC Cedola IV Opportunità – 2018
    No04/06/2013/Pagine/Area_Stampa/News/bcccedolaiv-2018ebcccedolaivopportunità-2019.aspxNews
      
    BCC Cedola IV – 2018 e BCC Cedola IV Opportunità – 2018
    No04/06/2013/Pagine/Area_Stampa/News/bcccedolaiv-2018ebcccedolaivopportunità-2018.aspxNews
      
    Claudio Corsi nuovo Presidente di BCC Risparmio&amp;Previdenza
    L’assemblea degli Azionisti di BCC Risparmio&Previdenza S.G.R.p.A., la Società controllata da Iccrea Holding (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea) che fornisce prodotti e servizi di risparmio gestito e previdenza complementare per i clienti delle Banche di Credito Cooperativo, ha nominato Claudio Corsi nuovo Presidente.
    No24/05/2013/Pagine/Area_Stampa/News/claudiocorsinuovopresidentedibccrisparmioprevidenza.aspxNews
      
    Assemblea di BCC CreditoConsumo approva bilancio 2012 e nomina De Rosi nuovo Presidente
    L’assemblea degli Azionisti di BCC CreditoConsumo S.p.A., la Società controllata da Iccrea Holding (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea) che fornisce prodotti e servizi di credito al consumo per i clienti delle BCC, ha approvato il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2012.
    No14/05/2013/Pagine/Area_Stampa/News/assembleadibcccreditoconsumoapprovabilancio2012enominaderosinuovo.aspxNews
      
    L’Assemblea annuale di Iccrea Banca rinnova il CdA per il triennio 2013-2015. Francesco Carri confermato Presidente.
    No06/05/2013/Pagine/Area_Stampa/News/l’assembleaannualediiccreabancarinnovailcdailtriennio20132015francesco2.aspxNews
      
    L’Assemblea annuale di Iccrea Banca rinnova il CdA per il triennio 2013-2015. Francesco Carri confermato Presidente.
    No06/05/2013/Pagine/Area_Stampa/News/l’assembleaannualediiccreabancarinnovailcdailtriennio20132015francesco.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa rinnova il CDA per il triennio 2013 - 2015: Giovanni Pontiggia è il nuovo presidente
    L'Assemblea annuale dei soci di Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Credito Cooperativo controllata da Iccrea Holding (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), oltre ad approvare il bilancio d'esercizio al 31 dicembre 2012 ha rinnovato il consiglio di amministrazione. Il nuovo Presidente è Giovanni Pontiggia, in sostituzione di Serafino Bassanetti. Pontiggia, già consigliere della Banca dal 1998, è anche presidente della BCC dell'Alta Brianza - Alzate Brianza (CO).
    No30/04/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresarinnovailcdailtriennio20132015giovannipontiggiaèil2.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa rinnova il CDA per il triennio 2013 - 2015: Giovanni Pontiggia è il nuovo presidente
    L'Assemblea annuale dei soci di Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Credito Cooperativo controllata da Iccrea Holding (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), oltre ad approvare il bilancio d'esercizio al 31 dicembre 2012 ha rinnovato il consiglio di amministrazione. Il nuovo Presidente è Giovanni Pontiggia, in sostituzione di Serafino Bassanetti. Pontiggia, già consigliere della Banca dal 1998, è anche presidente della BCC dell'Alta Brianza - Alzate Brianza (CO).
    No30/04/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresarinnovailcdailtriennio20132015giovannipontiggiaèil.aspxNews
      
    Il CdA di Iccrea Banca ha approvato il bilancio 2012. Attivo a 36,1 Miliardi, utile a 48,4 milioni.
    L’Istituto Centrale del Credito Cooperativo conferma il ruolo di supporto alle BCC – CR e alla loro attività di sostegno a favore dell’economia locale.
    No13/03/2013/Pagine/Area_Stampa/News/ilcdadiiccreabancahaapprovatoilbilancio2012attivo361miliardiutile484.aspxNews
      
    CartaBcc TascaConto l’innovativa carta prepagata contactless
    No13/03/2013/Pagine/Area_Stampa/News/cartabcctascacontol’innovativacartaprepagatacontactless2.aspxNews
      
    CartaBcc TascaConto l’innovativa carta prepagata contactless
    No13/03/2013/Pagine/Area_Stampa/News/cartabcctascacontol’innovativacartaprepagatacontactless.aspxNews
      
    BILANCIO ICCREA BANCAIMPRESA 2012 - UTILE LORDO A 15,4 MILIONI
    Il Consiglio di Amministrazione di Iccrea BancaImpresa, la banca per lo sviluppo delle imprese clienti delle Banche di Credito Cooperativo controllata da Iccrea Holding (Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea), ha approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre 2012.
    No06/03/2013/Pagine/Area_Stampa/News/bilancioiccreabancaimpresa2012utilelordo154milioni.aspxNews
      
    PerTempo è ora disponibile nella versione per I-PAD
    No26/02/2013/Pagine/Area_Stampa/News/pertempoèoradisponibilenellaversioneipad2.aspxNews
      
    PerTempo è ora disponibile nella versione per I-PAD
    No26/02/2013/Pagine/Area_Stampa/News/pertempoèoradisponibilenellaversioneipad.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa e Finest insieme per l’internazionalizzazione delle PMI
    Firmata la nuova convenzione per rispondere in maniera sempre più efficace alle esigenze delle imprese, in particolare delle PMI italiane nel Nord Est nei confronti dei mercati esteri.
    No19/02/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaefinestinsiemel’internazionalizzazionedellepmi2.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa e Finest insieme per l’internazionalizzazione delle PMI
    Firmata la nuova convenzione per rispondere in maniera sempre più efficace alle esigenze delle imprese, in particolare delle PMI italiane nel Nord Est nei confronti dei mercati esteri.
    No19/02/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaefinestinsiemel’internazionalizzazionedellepmi.aspxNews
      
    Agire Uniti: il road show del Gruppo bancario Iccrea per incontrare le BCC sul territorio
    Lo sviluppo della partnership tra il Gruppo bancario Iccrea e le BCC,  Iccrea Holding, la Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea, ha iniziato il suo tradizionale ciclo di incontri sul territorio per presentare ai propri Azionisti, le Banche di Credito Cooperativo, le strategie del Gruppo a sostegno responsabile del Sistema e a beneficio delle famiglie e delle piccole e medie imprese clienti del Credito Cooperativo.
    No14/02/2013/Pagine/Area_Stampa/News/agireunitiilroadshowdelgruppobancarioiccreaincontrarelebccsul.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa (Gruppo Bancario Iccrea) insieme BEI per lo sviluppo urbani in Campania - Firmato l’accordo JESSICA
    No08/02/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresagruppobancarioiccreainsiemebeilosviluppourbanicampania.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa e SACE insieme per l’internazionalizzazione delle PMI: 25 milioni di finanziamenti a breve termine
    Firmata la nuova convenzione che porta a ? 100 milioni il plafond di finanziamenti per le attivit? di internazionalizzazione messi a disposizione delle imprese attraverso la partnership tra Iccrea BancaImpresa ? SACE.
    No14/01/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaesaceinsiemel’internazionalizzazionedellepmi25milionidi2.aspxNews
      
    Iccrea BancaImpresa e SACE insieme per l’internazionalizzazione delle PMI: 25 milioni di finanziamenti a breve termine
    Firmata la nuova convenzione che porta a ? 100 milioni il plafond di finanziamenti per le attivit? di internazionalizzazione messi a disposizione delle imprese attraverso la partnership tra Iccrea BancaImpresa ? SACE.
    No14/01/2013/Pagine/Area_Stampa/News/iccreabancaimpresaesaceinsiemel’internazionalizzazionedellepmi25milionidi.aspxNews
      
    Nasce BCC Risparmio &amp; Previdenza. Più vicini ai clienti delle BCC sia nella tutela del risparmio che nel comparto previdenziale.
    No20/11/2012/Pagine/Area_Stampa/News/nascebccrisparmioprevidenzapiùviciniaiclientidellebccsianellatuteladel2.aspxNews
      
    Nasce BCC Risparmio &amp; Previdenza. Più vicini ai clienti delle BCC sia nella tutela del risparmio che nel comparto previdenziale.
    No20/11/2012/Pagine/Area_Stampa/News/nascebccrisparmioprevidenzapiùviciniaiclientidellebccsianellatuteladel.aspxNews
      
    Fatturazione Elettronica e Conservazione Sostitutiva: un nuovo modo per risparmiare tempo e denaro…facendo bene all’ambiente!
    No31/08/2012/Pagine/Area_Stampa/News/fatturazioneelettronicaeconservazionesostitutivaunnuovomodorisparmiare.aspxNews
      
    CF11: perfezionata la cessione dei crediti
    No26/07/2012/Pagine/Area_Stampa/News/cf11perfezionatalacessionedeicrediti.aspxNews
      
    Nasce la rivista del Gruppo bancario Iccrea
    Tangram nasce per consolidare la comunicazione del Gruppo bancario Iccrea con le BCC. Il periodico trimestrale si pone i seguenti obiettivi:
    No25/06/2012/Pagine/Area_Stampa/News/nascelarivistadelgruppobancarioiccrea.aspxNews
      
    Carta BCC con Fondazione ISAL: persone che aiutano persone. E Il 16 ottobre mele in piazza per la salute.
    No10/10/2011/Pagine/Area_Stampa/News/cartabccconfondazioneisalpersonecheaiutanopersoneeil16ottobremele.aspxNews
      
    Banca Agrileasing: da banca per il leasing a banca per le imprese.
    No10/10/2011/Pagine/Area_Stampa/News/bancaagrileasingdabancailleasingbancaleimprese.aspxNews
      
    Il Gruppo bancario Iccrea.  Una composizione di valore, un insieme di note differenti.
    No31/03/2010/Pagine/Area_Stampa/News/ilgruppobancarioiccreaunacomposizionedivaloreuninsiemedinotedifferenti.aspxNews