NewsTesto
  
  
  
  
  
  
Stage retribuito di 6 mesi presso il GBI a 4 studenti dei primi tre team classificati.  Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca: "Le idee libere e innovative dei giovani sono un contributo importante per il Credito Cooperativo del futuro".

La progettazione di un nuovo canale digitale utile a sviluppare attività sul territorio delle BCC che non appartengono a quelle tradizionali di uno sportello bancario.

Questo il progetto che ha guadagnato il 1° posto nella classifica stilata dalla giuria, formata da specialisti del Gruppo bancario Iccrea e docenti dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", nell'ambito del contest "L'innovazione dei modelli di business delle Banche di Credito Cooperativo del futuro" progettato da Iccrea Banca insieme alla stessa Università.

Il contest, dedicato agli studenti del CLEM (Corso di laurea in economia e management), del CLESE (Corso di laurea in scienze economiche) e CLEMIF (Corso di laurea in economia dei mercati e degli intermediari finanziari), ha visto la partecipazione di 5 gruppi di lavoro, ognuno formato da 3 studenti dell'Università.

Gli elaborati presentati dai team sono stati sviluppati sotto la supervisione congiunta dell'Università – per il tramite del gruppo di docenti costituito da Vincenzo Farina, Fabio Monteduro e Francesco Pelagallo, coordinati dal Pro Rettore Maurizio Decastri – e di Iccrea Banca e hanno trattato vari temi tra cui: la sostenibilità di impresa, il social banking, la multicanalità e, più in generale, la sperimentazione di servizi innovativi per la clientela delle Banche di Credito Cooperativo.

A 4 studenti dei primi tre team classificati, il Gruppo bancario Iccrea ha offerto un periodo di stage retribuito di 6 mesi, che ha preso avvio lo scorso 6 marzo, volto ad approfondire temi e operatività emersi nel corso dello sviluppo dei progetti.

"I giovani sono una risorsa fondamentale per il Paese e per le aziende. Sono fucine di idee e di iniziative al passo coi tempi e con le esigenze delle nuove generazioni", ha commentato Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca.

"Siamo perciò soddisfatti dei risultati emersi da questa collaborazione con l'Ateneo di "Tor Vergata" – ha proseguito Rubattu – anzitutto perché abbiamo avuto modo di vedere giovani studenti, con un'età media di 22 anni, appassionarsi all'argomento e riuscire a elaborare idee interessanti. In questo senso, il carattere fortemente innovativo delle proposte ha rappresentato uno dei principali driver di scelta dei progetti vincitori. L'innovazione è oggi una caratteristica imprescindibile di ogni iniziativa sia imprenditoriale che strettamente bancaria, e permette a sistemi come quelli del Credito Cooperativo di aprire canali ancora più efficaci di dialogo con i clienti, i soci e le aziende del territorio.

Infine, questo contest ha permesso al Gruppo bancario Iccrea di rafforzare ulteriormente i rapporti con una realtà importante e ramificata nel territorio come l'Università di "Tor Vergata" che condivide con il Credito Cooperativo la missione di favorire lo sviluppo e la valorizzazione del territorio di riferimento".

Il Pro Rettore dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", Maurizio Decastri, a sua volta dichiara che "per la nostra Università iniziative di questo tipo assumono importanza strategica, in quanto consentono il rafforzamento della cosiddetta 'Terza Missione', priorità più volte evidenziata dal Magnifico Rettore Giuseppe Novelli, tesa a creare 'ponti' tra Ricerca, Alta formazione, Impresa e Società civile, con l'obiettivo di promuovere la crescita e la valorizzazione del territorio. Siamo pertanto soddisfatti dei risultati ottenuti dalla costruttiva collaborazione con Iccrea e del valore dimostrato dai nostri giovani studenti, i veri protagonisti dell'iniziativa".

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Si20/04/2017Comunicato Stampa
  
​Fabio Colombera è il nuovo responsabile dell’area Governo Sviluppo di Iccrea Banca. Lascia l’incarico di direttore generale della Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo.

Colombera, 55 anni, sposato, una figlia, è stato il Direttore Generale della Federazione veneta delle BCC dall’ottobre 2013. Prima ancora era stato Vice Direttore Generale in Unipol Banca (dal 2009 al 2013), carica ricevuta dopo aver vantato oltre 25 anni di esperienza nello stesso Unipol-Gruppo Finanziario e, in precedenza, presso la Banca Popolare di Vicenza, Banca Nuova e Credito Italiano.
“Ringrazio la Federazione veneta delle BCC – ha commentato Colombera – per avermi dato l’occasione in questi tre anni di dare il mio contributo a un Sistema così fondamentale, nell’economia italiana, come quello del Credito Cooperativo. Ora accolgo questa nuova opportunità con forte entusiasmo, e con l’intenzione di voler mettere le mie energie a disposizione del Gruppo bancario cooperativo targato Iccrea ma, soprattutto, a disposizione delle BCC che ogni giorno operano a sostegno dello sviluppo dei territori italiani”.


Scarica il comunicato stampa

Si28/03/2017Comunicato Stampa
  
Con convinzione accanto a chi progetta e immagina il futuro tra 20 anni.
Il Gruppo bancario Iccrea per il secondo anno consecutivo è tra i main sponsor del TEDxRoma, il prossimo 8 aprile all’Auditorium della Conciliazione a Roma.
Oggi più che mai anche i gruppi bancari devono essere sensibili verso la proposizione e l’utilizzo delle nuove tecnologie, i passaggi generazionali, il senso di partecipazione e, più in generale, l’economia del futuro. Soprattutto da parte di chi, come il Gruppo Iccrea, si impegna ogni giorno a essere accanto alle Banche di Credito Cooperativo, le uniche banche autenticamente locali che operano su tutti i territori italiani al servizio delle famiglie e delle piccole e medie imprese.

In questo senso il Gruppo bancario Iccrea ha intrapreso, già da tempo, un percorso sui temi del “cambiamento delle regole”, della tecnologia applicata alla finanza (la cosiddetta “fintech”), affrontando senza compromessi il tema dei rischi di “disintermediazione” cui oggi vanno incontro le banche tradizionali. Un esempio su tutti è quello della partnership con Satispay, (la start-up che sta rivoluzionando il settore dei pagamenti elettronici con un sistema mobile indipendente e alternativo ai circuiti tradizionali) dove il Gruppo bancario Iccrea non solo è presente nel capitale della start-up, ma intende introdurre, all’interno del Sistema del Credito Cooperativo e a beneficio dei clienti delle BCC, un’inversione di cultura rispetto alla gestione del denaro.
Un altro esempio, su questo fronte, è la costituzione del market-place www.ventis.it, dove vengono promossi brand di qualità e prodotti di aziende clienti delle BCC, espressione dell’eccellenza dei territori italiani, al fine di avvicinare il made in Italy di valore attraverso un’unica piattaforma fruibile dagli utenti web.

Oggi Ventis conta circa 300mila clienti con 1350 aziende, promosse da circa 200 BCC, che
vendono i propri prodotti di alta qualità e a prezzi convenienti di enogastronomia, moda e casa. Il 16 marzo il portale è stato completamente rinnovato nella customer experience (carrello, check out, card on file, wishlist ecc.)

E’ lecito chiedersi, ma che c’entra questo con una banca?

Ventis non è un investimento in una fintech ma una precisa strategia industriale nella quale le BCC, i loro clienti, i nostri touchpoint web e mobile, programmi di loyalty e sistemi di pagamento (su Ventis si accettano anche pagamenti con Satispay) si fondono in un progetto digital.

Anche per questo, per il Gruppo bancario Iccrea, la partecipazione ad un evento come il TedX rappresenta la naturale conseguenza del nostro obiettivo di voler essere protagonisti nel progettare il futuro.


Si21/03/2017Comunicato Stampa
Tutte le news